faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Giovedì 06 Dicembre 2012
Il prezzo di Whatsapp? Lo scoprirete dopo un anno (forse)
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

Il popolare software per la messaggistica istantanea via smartphone è veramente gratuito? Quando scade? In Rete circolano diverse leggende metropolitane, è giunto il momento dellla (mia) verità.


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 06/12/12
 

L'epopea degli sms è giunta al capitolo finale: spendere quindici centesimi per inviare un breve messaggio di testo dallo smartphone, è un'azione da dinosauro delle telecomunicazioni.
Perché oggi lo short message non ha proprio più senso di esistere: sostituito dalle app dedicate, veloci chat ricche di emoticon e alle quali è possibile allegare foto e video con un semplice click. Applicazioni che permettono la comunicazione tra un giapponese ed un abitante di una sperduta isola del Pacifico gratis ed in tempo reale perché - ovviamente - i dati viaggiano via web.

La regina incontrastata è, senza dubbio, WhatsApp: fondata da due ex programmatori Yahoo!, tramite una interfaccia gradevole, naturale ed immediata è - al momento - tra le app più scaricate sia nell'Apple Store che nel market Android.

Ovviamente, anche io sono un affezionato utilizzatore di questo efficiente software di messaggistica che - come dichiarano i creatori - è gratuita e senza pubblicità.
E allora, dove sta l'inganno?

 

 

L'inganno non esiste, è tutto vero.
Se proprio volessimo essere petulanti, dovremmo evidenziare che il download di Whatsapp è gratuito ma dopo un anno termina il periodo di utilizzo libero e viene richiesto un abbonamento annuale di 1,99 dollari.

Per la cronaca, ho anche scavato tra le FAQ del sito ma non ho trovato questa fondamentale informazione (per verificare la data di scadenza dell'installazione, da impostazioni -> informazioni account-> informazioni sul pagamento). Sul dover pagare un servizio che molte altre app eseguono egregiamente e gratis per sempre (vedi Viber), si può discutere all'infinito: ognuno agisca secondo le personali vedute filosofiche sull'argomento.

Restano da sottolineare due aspetti.
Il primo: la Rete è zeppa di bufale su come evitare questo fantomatico pagamento per il rinnovo di whatsapp (nemmeno si parlasse di cifre a tre zeri!); sono solo leggende metropolitane che non meritano attenzione.  Il secondo, invece, è più interessante: la mia licenza whatsapp sarebbe dovuta scadere il 9 dicembre. Oggi scopro un (gradito) prolungamento fino al 23 gennaio 2013.

Perché? Non saprei.
Sul web ho trovato innumerevoli testimonianze di altri utenti con la mia stessa esperienza ed in molti casi con rinnovi spontanei annuali.

Dunque, dopo il periodo gratuito, resta la speranza di un regalo inatteso da parte di quei due mattacchioni Brian Acton e Jan Koum (i creatori di whatsapp).
Se non dovesse accadere, ce ne faremo una ragione.

 
[1270 letture]
 
 
Mostri categoria Tecnologie  Tutti i mostri di Dicembre
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 12
 

Il mostro di ieri
(05 Dicembre)

 

Il mostro di domani
(07 Dicembre)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (nessun commento)

Non sono presenti commenti
(è possibile inviare commenti
solo per il mostro di oggi)
 
 
 
Mostri simili
 
  • 11 Aprile 2013: Whatsapp, il carcere dei dati personali
    Commenti: 2
     
  • 14 Marzo 2013: WhatsApp? Un’app senza spina dorsale
    Commenti: 0
     
  • 14 Gennaio 2013: Costa Concordia un anno dopo: cosa è cambiato sulle navi da crociera?
    Commenti: 0
     
  • 28 Dicembre 2012: «Felice Anno Nuovo»: provateci, io sono pronto (a combattere)
    Commenti: 0
     
  • 26 Novembre 2012: Il mio 42-esimo compleanno? Una giornata rivoluzionaria
    Commenti: 2
     
  • 06 Novembre 2012: All’inseguimento dell’anno sabbatico
    Commenti: 0
     
  • 04 Novembre 2012: Buonanno, Lega Nord: «A Napoli non pagano l'IMU»
    Commenti: 0
     
  • 22 Settembre 2012: Buon compleanno Roberto!
    Commenti: 0
     
  • 29 Giugno 2012: Capodichino, brucia il campo ROM abusivo: tragedia annunciata (e invisibile)
    Commenti: 0
     
  • 07 Giugno 2012: Il mostro di Brindisi: quale la giusta condanna?
    Commenti: 3
     
  • 23 Maggio 2012: Vent’anni fa, il ricordo di Falcone e la mia prima rapina (subita)
    Commenti: 0
     
  • 14 Marzo 2012: Le 10cose che mi fanno star bene
    Commenti: 0
     
  • 10 Marzo 2012: Vendo IPAD nuovissimo a prezzo stracciato
    Commenti: 0
     
  • 31 Dicembre 2011: Napolitano ed il discorso di fine anno
    Commenti: 1
     
  • 20 Luglio 2011: «Se non hanno pane, che mangino brioche»: Maria Antonietta o Formigoni?
    Commenti: 3
     
  • 28 Maggio 2011: Un francobollo per celebrare i 50 anni di Amnesty International
    Commenti: 0
     
  • 17 Marzo 2011: Celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia. E per i 151?
    Commenti: 3
     
  • 23 Febbraio 2011: «Coloro che bruciano rifiuti vanno in galera»
    Commenti: 2
     
  • 31 Gennaio 2011: «Napoli pulita per Capodanno, la provincia entro 15 giorni»
    Commenti: 1
     
  • 14 Gennaio 2011: Inviare gli auguri di compleanno su facebook, che banalità
    Commenti: 2
     
 

Parole più frequenti

cosa giorno MOSTRI
Napoli Fuochi tutta
rifiuti calcio sera
Impastato Aldegani Beni
Italia Terra tutti
Antonio faCCebook Berlusconi
Vita mia arrivata
dopo Scampia Anonimi
contro 2010 Aderisci
lavoro Perchè TELEVISIONE
aggiornati mostro sincerità
Mondo oggi BLOG
Ritornano nuovissimo chiuso
NATALE ufficio Politica

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.13 Secondi