faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Lunedì 18 Marzo 2013
Metropolitana, quell’odiosa abitudine di non cedere il posto
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

Nel 2004 lavoravo a Londra, viaggiavo in metropolitana ed osservavo i pendolari: chi era seduto, non cedeva MAI il posto nemmeno a donne incinte oppure ad anziani in difficoltà. Oggi, nelle nostre città, accade lo stesso. E' il prezzo da pagare per l'evoluzione della specie?


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 18/03/13
 

Nel lontano 2004 lavoravo a Londra come consulente informatico presso l'ABN AMRO, un'importante gruppo bancario olandese.
Ogni mattina, come migliaia di altri pendolari inglesi, utilizzavo la metropolitana per recarmi negli uffici di Canary Wharf, un elegante distretto ad est di Londra.

Il mitico tube conferma le leggende sul suo conto: nel peggiore dei casi, l'attesa tra una corsa e l'altra è di circa due minuti. Le stazioni costituiscono una rete che copre la quasi totalità dell'immensa superficie londinese, le informazioni sono precise e consentono un rapido spostamento dei viaggiatori. Difatti, in undici mesi di movimenti sottoreanei, non ho mai sbagliato percorso e quell'apparente labirinto si è mostrato un viavai sicuro ed efficiente per tutti, inglesi e non.

Questa esperienza mi ha confermato l'idea che Londra rappresentasse un esempio da seguire, una vera metropoli moderna.

Eppure, ogni mattina mentre viaggiavo nell'Underground londinese, non potevo fare a meno di notare la condotta del viaggiatore tipo chiedendomi: «visto che loro sono avanti di almeno cinque o sei anni, anche noi italiani un giorno diventeremo così?»

 

 

Cuffiette bianche, la musica sparata ad alto volume nelle orecchie, occhi distratti e sguardo indifferente, i pochi fortunati seduti intenti a leggere ebook o riviste.
Agli occhi di un osservatore esterno quale io ero, i pendolari inglesi rappresentavano una moltitudine di singoli individui, una folla di viaggiatori scollegati, un insieme di persone indifferenti gli uni agli altri.

La caratteristica che più mi ha colpito, però, resta l'incollamento alla sedia: in quasi un anno di viaggi via tube, non ho mai visto nessun pendolare cedere il posto ad un anziano, una donna in dolce attesa oppure semplicemente alzarsi per un gesto di sana cavalleria (o educazione).

Mai!

Finché un giorno ruppi il sortilegio.
Sono diretto verso Covent Garden, il metrò si ferma a Piccadilly Station e mentre parte il solito rituale «mind the gap» salgono persone di ogni razza e colore. Io – stranamente – sono seduto. Una signora dai lineamenti asiatici si ferma in piedi accanto a me, affranta resiste compressa nella carrozza stracolma. La guardo, la sorrido e spontaneamente mi alzo per cederle il posto. Stupita, non capisce subito l’insolito gesto, poi comprende ed incredula si siede ringraziandomi svariate volte.

Qualche giorno addietro, ero in giro per Napoli con mia moglie ed il pargoletto al seguito.
Saliamo nel metrò cittadino in direzione casa, con gli occhi pieni di gioia per la piacevole vista delle nostrane stazioni-museo, osservo i giovani occupare tutti i sediolini della carrozza.
Mamme, donne, anziani e bimbi in piedi mentre gli studenti incollati alle sedie scherzano, giocano con gli smartphone di ultima generazione, ascoltano musica. A nessuno di loro passa per la mente di cedere il posto ad un anziano o una donna, addirittura c'è un uomo con un bastone che barcolla ad ogni frenata del treno. Dopo qualche istante di imbarazzo generale, finalmente un signore sulla cinquantina lo fa accomodare.

Mi chiedo: ma qualcuno - in famiglia oppure a scuola - insegna ancora i principi base dell'educazione civica? La trasformazione di una società implica necessariamente la perdita di umanità e solidarietà verso il prossimo?

Osservo questi giovani maleducati seduti mentre la metropolitana sfreccia veloce, due facce di una stessa medaglia, il cambiamento della società e l'evoluzione della specie e non posso non pensare: piccoli «mostri» crescono.

 
[1254 letture]
 
 
Mostri categoria Società  Tutti i mostri di Marzo
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 7
 

Il mostro di ieri
(17 Marzo)

 

Il mostro di domani
(19 Marzo)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (un commento)
 
14:50

la metro è solo un aspetto della moderna società individualista

 
 
 
Mostri simili
 
  • 28 Maggio 2013: L’RC auto e la silenziosa guerra metropolitana
    Commenti: 0
     
  • 20 Maggio 2013: Il tram veloce di Napoli: è giunto il tempo delle risposte?
    Commenti: 0
     
  • 07 Febbraio 2013: La sigaretta elettronica: nuovi dispositivi, vecchie (e pessime) abitudini?
    Commenti: 1
     
  • 29 Gennaio 2013: Il Bene ed il Male, la risposta in una favola indiana
    Commenti: 0
     
  • 17 Aprile 2012: Monti: «cancelleremo l'imposta sulla benzina a favore della tassa sulla parola»
    Commenti: 1
     
  • 12 Febbraio 2012: Articolo 18, la mia proposta
    Commenti: 0
     
  • 03 Febbraio 2012: Monti, il posto fisso, la monotonia ed il mutuo
    Commenti: 1
     
  • 01 Agosto 2011: RC auto, la mia proposta per ripristinare la meritocrazia
    Commenti: 10
     
  • 21 Giugno 2011: I Ministeri, come e dove spostarli
    Commenti: 2
     
  • 27 Aprile 2011: Rifiuti è normalità, due concetti opposti
    Commenti: 5
     
  • 15 Aprile 2011: «Pendolare - la corsa al posto fisso», di Antonio P. Beni
    Commenti: 0
     
  • 13 Dicembre 2009: Crisi Juventus: Lippi al posto di Ferrara dopo il mondiale di calcio?
    Commenti: 1
     
  • 28 Novembre 2009: Erika, la banchiera Robin Hodd che spostava i soldi dai ricchi ai poveri!
    Commenti: 1
     
 

Parole più frequenti

Antonio Scampia mia
prima cosa maternità
sconvolse rifiuti lavoro
tutti oggi iniziativa
placò BLOG porta
calcio Napoli Politica
MOSTRI Vita Berlusconi
Perchè sincerità NATALE
Ciliegi contro Fuochi
mostro TELEVISIONE chiuso
Mondo Festa intelligente
ufficio Beni Terra
2010 Sakineh inchiesta
Italia ennesimo giorno

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.09 Secondi