faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Mercoledì 11 Novembre 2009
Giacomo Leopardi, l'Infinito e la digitalizzazione, la poesia e la tecnologia
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

Grazie alla digitalizzazione di testi è possibile leggere poesie, e-book e vedere manoscritti originali come l'Infinito di Leopardi! Un processo MOSTRUOSO che amo particolarmente! (clicca sulla foto per vedere il manoscritto originale)


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 10/11/09
 

Ci sono libri e poesie che sono immortali, sono da sempre letti e vengono tramandati da generazione in generazione da tempo immemore.
Ci sono opere considerate “patrimonio dell’umanità”, scritti da Geni del passato su cui le attuali scienze basano i loro fondamenti e senza le quali oggi non potremmo dire di vivere in una società moderna.
E’ impossibile elencare tali scritti, mi limiterò solo a citare un esempio che, secondo me, è una poesia mostruosa per la sua grandezza: l'Infinito di Giacomo Leopardi di cui pubblico la foto del manoscritto originale scaricato dal sito Liber Liber, Progetto Manuzio.
Questa immagine è un esempio di come sia importante la “digitalizzazione dei testi” che permette di conservare in modo eterno le grandi opere del passato, in altre parole, preserva la conoscenza umana.

 

 

Menziono il manoscritto della bellissima poesia di Giacomo Leopardi (che imparai alle scuole superiori e che rileggo sempre volentieri) per sottolineare l’importanza del “mondo digitale”.
Per approfondire cosa voglia dire “digitalizzazione” rimando al web, ad esempio a alla voce su Wikipedia

Digitalizzare vuol dire conservare, infatti è atto nel mondo un processo di archiviazione di milioni di testi ad opera dei colossi informatici come Google che, in accordo con molti governi, provvedono alla creazione di biblioteche elettroniche accessibili a tutti via internet per la consultazione dei testi on-line.
Questo processo irreversibile si scontra però con i diritti di autore e le varie associazione degli editori che presumibilmente avranno la peggio e dovranno arrendersi alla divulgazione sul web dei libri.
Sono on-line già moltissimi e-book, ad esempio sul sito Google Libri liberamente consultabili e scaricabili: si va dalle opere storiche ai romanzi, saggi e libri di narrativa.
Sul sito Liber Liber si trovano moltissime opere italiane come appunto quelle di Giacamo Lepardi.
E’ interessante anche vedere il manoscritto originale di molte poesie.

Digitalizzare significa anche smaterializzare: pensiamo al mondo della musica rivoluzionato dall’introduzione dei files MP3 che oramai occupano una grande fetta del mercato.
Le canzoni non sono più incise su CD ma vengono diffuse senza un supporto, semplicemente vengono scaricate, cioè viaggiano come segnale da un sito internet al pc o in un apposito lettore senza spreco di scartoffie e imballaggi che risultano poi rifiuti da smaltire.
Dei rifiuti legati alle tecnologie ce ne ricordiamo solo “Il giorno della Terra” (22 aprile) ma in realtà è un problema che affligge il pianeta in ogni istante, basti pensare ai milioni (anzi ormai miliardi) di cellulari che non usiamo più e che prima o poi dovremmo gettare da qualche parte. Forse sulla Luna?

E cosi grazie alla digitalizzazione, comodamente seduto nel mio ufficio, mi godo la mia pausa-caffè leggendo la poesia di Leopardi che condivido con tutti voi.

L’Infinito, di Giacomo Leopardi (1819)

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
De l'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminato
Spazio di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e 'l suon di lei. Così tra questa
Infinità s'annega il pensier mio:
E 'l naufragar m'è dolce in questo mare.


Testo tratto dal secondo manoscritto autografo (Visso, Archivio Comunale)

 
[1938 letture]
 
 
Mostri categoria Tecnologie  Tutti i mostri di Novembre
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 22
 

Il mostro di ieri
(10 Novembre)

 

Il mostro di domani
(12 Novembre)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (3 commenti)
 
16:02

si certo Giacomo Leoparti è un poeta mostruosamente bravo, secondo me il numero 1

 
15:59

forse il mostro è riferito a Leopardi?????

 
10:22

mi incuriosisce anche il KINDLE di amazon.com per la lettura degli e-book, mi sa che lo compro 8-)

 
 
 
Mostri simili
 
  • 25 Dicembre 2011: Buon Natale (con la poesia di mio figlio)
    Commenti: 0
     
  • 27 Ottobre 2010: Quando la tecnologia amica diventa nemica
    Commenti: 0
     
 

Parole più frequenti

Avete MostriMondiali Napoli
oggi bellezza giorno
mia Beni TELEVISIONE
carbone rifiuti MOSTRI
Berlusconi BLOG Fuochi
Mondo 2010 Scampia
Terra anni NATALE
NNAMMURATO Perchè Vita
mostro ferie chiuso
lavoro ufficio tutti
Politica fortunato giovani
Caro cosa mito
Robin economiche contro
Antonio Italia calcio

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.09 Secondi