faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Lunedì 04 Gennaio 2010
Come gestire il proprio tempo nei rapporti umani con Equità o Proporzionalità?
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

Sembrerebbe che dividere in parti uguali sia in assoluto una regola giusta ma io penso che non sia vero: a volte si deve dare a chi ha più bisogno una parte maggiore del totale a discapito della equità. Leggere l'articolo per gli approfondimenti di questa mia teoria.


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 04/01/10
 

Rifletto spesso sul concetto di equità e proporzionalità e mi chiedo sempre quale sia il metodo migliore da applicare riguardo una “divisione”.
Ovviamente non c’è una risposta assoluta a questo mio piccolo dilemma ma io proverò ad esporre la mia idea.

 

 

Siamo a tavola ed arriva la torta.
Generalmente si divide il dolce in fette uguali ma poi, come accade sempre, c’è chi fa il bis o mangia tre o quattro fettine (ingordo!) e c’è chi non ne prende nemmeno una.
Ecco che in questo caso l’essere stati equi si è dimostrata la scelta non ottimale.
Ci sono da pagare le tasse?
Senza entrare nei dettagli del fisco, sappiamo che il criterio con cui vengono (o dovrebbero) pagate le imposte è in base al reddito dichiarato, quindi in forma proporzionale ai propri guadagni.
Sarebbe assurdo pensare che un qualsiasi Mario Rossi operaio in fabbrica paghi le stesse tasse di Totti o Vasco Rossi, giusto?

Perché queste riflessioni?
Perché suppongo che anche nei rapporti umani si pone la scelta di come suddividere il proprio tempo o le proprie energia per gli altri: in modo equo o proporzionale?

Prendiamo i genitori di due o più figli: dicono di comportarsi allo stesso modo con ognuno di loro ma in realtà non è cosi.
Infatti, i genitori hanno sempre un occhio di riguardo per il figlio maggiormente in difficoltà; non è una questione di preferenza o di voler più bene a uno rispetto ad un altro ma semplicemente scelgono di dividere le loro energie in modo proporzionale a secondo delle esigenze della prole.
Il significato della La parabola del figliol prodigo ne è una dimostrazione.
Ecco come il padre giustifica il suo gesto al figlio che si è sempre comportato bene:

« Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato. » (Luca 15,31-32)

Se il padre fosse stato equo non avrebbe dovuto accettare il ritorno del figlio dissipatore per rendere giustizia al figlio-modello che si era sempre comportato in modo perfetto ma cosi non è stato (giustamente direi).

Prendiamo le amicizie.
La fine di un’amicizia avviene non appena iniziamo a valutare e misurare il comportamento del nostro amico rispetto al nostro.
Lui non mi chiama mai mentre io gli telefono spesso, Io l’invito ma lui non fa altrettanto con me …

Sono tutte frasi legate all’equità che si vorrebbe stabilire tra persone ma che in realtà non è possibile pretendere per un’infinità di motivi, in primis perché la vita stessa è imperfetta
(ognuno ha un destino che è oggi la somma di tante esperienze passate, perché c’è chi è più felice e chi lo è meno, chi è ricco e chi è povero, chi è nato in Africa e chi in Giappone …).
In definitiva, nessuno è equo e ciò lo si esprime ogni giorno nei rapporti con gli altri.

Meritano una nota speciale gli avari: loro hanno ma non danno perché devono conservare.
Per avari intendo non solo chi accumula ricchezza in danaro ma soprattutto gli avari in sentimenti.
In questo caso non si parla ne di proporzionalità ne di equità ma solo di aridità mentale.

Ecco la mia conclusione: i rapporti tra le persone sono spiegati giustamente dalla legge della proporzionalità; chi più ha più da ma senza pretendere poi di ricevere nella stessa misura in cui si è dato.
Se riuscissimo a ragionare in questi termini forse (ma dico forse) ci sarebbe più collaborazione e disponibilità, in tutti i campi, da quelli personali a quelli sociali.


Voi che ne pensate?

 
[1289 letture]
 
 
Mostri categoria Società  Tutti i mostri di Gennaio
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 17
 

Il mostro di ieri
(03 Gennaio)

 

Il mostro di domani
(05 Gennaio)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (2 commenti)
 
23:39

equo non è sinonimo di uguale.L’equità può richiedere l’applicazione di un criterio proporzionale, equità e proporzionalità non sono in antitesi.L’uguaglianza è dividere la torta in parti uguali L’equità invece porta a dividere la torta secondo il buon senso e questo può determinare una divisione in porzioni di diversa grandezza perché entrano in gioco altre valutazioni. Il legislatore nell'applicare una norma tratta in maniera uguale fattispecie uguali ed in maniera diversa fattispecie diverse

 
09:30

a proposito di tempo, oggi è il primo giorno di lavoro dopo 2settimane di ferie: CHE BOTTA!

 
 
 
Mostri simili
 
  • 18 Giugno 2013: Le vacanze? Come andare oltre la «partenza intelligente»
    Commenti: 0
     
  • 20 Maggio 2013: Il tram veloce di Napoli: è giunto il tempo delle risposte?
    Commenti: 0
     
  • 07 Maggio 2013: La confessione di un chirurgo estetico ai tempi della crisi economica
    Commenti: 0
     
  • 03 Aprile 2013: In difesa dei miei cinque visitatori svizzeri, vittime dei luoghi comuni
    Commenti: 0
     
  • 05 Febbraio 2013: Come salvai gli U2 e liberai Bono Vox dal fantasma del suo passato
    Commenti: 0
     
  • 28 Dicembre 2012: «Felice Anno Nuovo»: provateci, io sono pronto (a combattere)
    Commenti: 0
     
  • 21 Dicembre 2012: Come respingere la tempesta di messaggini natalizi?
    Commenti: 0
     
  • 29 Novembre 2012: Come cambiai il mondo in un pomeriggio di pioggia autunnale
    Commenti: 0
     
  • 26 Novembre 2012: Il mio 42-esimo compleanno? Una giornata rivoluzionaria
    Commenti: 2
     
  • 22 Settembre 2012: Buon compleanno Roberto!
    Commenti: 0
     
  • 19 Settembre 2012: Napoli, il vecchio palazzetto dello sport: ecomostro con discarica
    Commenti: 0
     
  • 13 Settembre 2012: Rapporto Stato-mafia: perchè Napolitano non racconta la sua verità?
    Commenti: 0
     
  • 31 Luglio 2012: L’orrore della guerra nei pensieri di una giovane recluta
    Commenti: 1
     
  • 05 Luglio 2012: Comunicato ufficiale in una notte di mezz’estate
    Commenti: 0
     
  • 10 Giugno 2012: Litorale domizio, la tempesta perfetta
    Commenti: 0
     
  • 04 Giugno 2012: Calcioscommesse: le reazioni del Governo
    Commenti: 0
     
  • 21 Maggio 2012: C'è traccia di umanità nell mostro di Brindisi?
    Commenti: 0
     
  • 05 Aprile 2012: Il miraggio del tempo (libero)
    Commenti: 2
     
  • 20 Marzo 2012: Enrico Mentana, il giornalista socialista (e raccomandato)
    Commenti: 7
     
  • 25 Gennaio 2012: Mike, il cacciatore (ai tempi della crisi)
    Commenti: 0
     
 

Parole più frequenti

Napoli sacchetto viventi
Mondo TELEVISIONE Berlusconi
Johannesburg lavoro occorre
ufficio Terra Antonio
giorno Italia chiamano
Fuochi Vita contro
2010 tutti MOSTRI
BLOG @Pontifex mia
cosa tutti oggi
NATALE vecchie calcio
chiuso Scampia interpreta
rifiuti arresto Beni
morte stelle dopo
Politica mostro Perchè

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.10 Secondi