faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Martedì 19 Gennaio 2010
Linguaggio fotografico: L’IPERBOLE, di Pietro Ricciardi
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

L'iperbole, l'esagerazione della realtà, è usata anche nella fotografia per enfatizzare il messaggio che si vuole esprimere con lo scatto come spiega il nostro appassionato Pietro Ricciardi nel suo articolo. Il titolo della foto mostrata è "Miseri noi, se dai vertici della religione si sprigiona soltanto religione!" ed è tratto da una affermazione del più grande teologo di tutti i tempi, il protestante Karl Barth, nel suo commento all'Epistola ai Romani. Da notare la tonalità sangue del cielo.


Monster's Blog
Scritto da Pietro Ricciardi il 19/01/10
 

Proseguiamo la nostra piccola esplorazione delle figure retoriche applicate alla fotografia continuando ad esaminare figure della retorica dell’oratoria semplici ed intuitive, per approdare, un po’ alla volta, alle figure più complesse.
“Ti amo da morire”. Oppure: “Aspetta un secondo”. O, ancora: “Vado a fare quattro passi”.
Si tratta di iperbole che vengono utilizzate nel linguaggio comune, senza spesso interrogarsi sulla loro natura.
È ovvio che l’amore in se non può causare la morte… non può essere “da morire”, ma il senso di questa frase viene comunemente accettata da chi se al sente dire, riconducendo il significato al giusto valore che essa assume. Allo stesso modo chi esce a fare “4 passi” ne farà ben più di 4.
In questo caso con l’iperbole si trasmette il messaggio che si farà una breve passeggiata.

 

 

Pietro Ricciardi è anche su facebook, diventa suo amico


L'iperbole presuppone la "buona fede" di chi la usa. Si tratta di un'alterazione della realtà al fine di imprimere con maggiore forza nel destinatario del messaggio il suo contenuto, per dargli credibilità, ma senza ingannare.
Nell’iperbole c’è una sorta di complicità con l’autore del messaggio da parte del destinatario dello stesso, il quale non risulta sorpreso dal messaggio perché è incredibile.

Fotograficamente è possibile trovare la presenza di questa figura retorica in foto riprese dal basso, con ottiche grandangolari spinte, che deformano e ingigantiscono i soggetti fotografati.
Altri esempi possono trovarsi in foto in cui grazie ad ottiche spinte che tendono a “fondere” su uno stesso piano oggetti sullo sfondo con quelli in primo piano, creando degli effetti ottici in cui tutto si confonde.

Immagini in cui le persone appaiono “grandi come una casa”, o monumenti ripresi dal basso con grandangolari che li deformano, facendoli sembrare tanto grandi da “toccare il cielo”, sono esempi lampanti di iperbole fotografiche.

Ovviamente anche nel caso di questa figura retorica l’ausilio dell’informatica e degli effetti introdotti attraverso l’uso di software come Photoshop o Gimp può essere di aiuto a rendere più esplicito il messaggio che si intende veicolare.

Il titolo della foto mostrata in questo articolo è tratto da una affermazione del più grande teologo di tutti i tempi, il protestante Karl Barth, nel suo commento all'Epistola ai Romani.
Scattata a Montano Lucino (Como) con Panasonic FS5. La tonalità sangue del cielo è stata ottenuta con GIMP. I dettagli sono su Flickr.

 
[1461 letture]
 
 
Mostri categoria Tecnologie  Tutti i mostri di Gennaio
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 27
 

Il mostro di ieri
(18 Gennaio)

 

Il mostro di domani
(20 Gennaio)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (nessun commento)

Non sono presenti commenti
(è possibile inviare commenti
solo per il mostro di oggi)
 
 
 
Mostri simili
 
  • 08 Gennaio 2013: Il nuovo linguaggio dei dinosauri della politica
    Commenti: 0
     
  • 19 Febbraio 2011: «La forza delle donne», di Pietro Ricciardi
    Commenti: 1
     
  • 03 Settembre 2010: Salviamo Sakineh, fermiamo le pietre
    Commenti: 0
     
  • 30 Giugno 2010: Addio a Pietro Taricone, morto il giorno del suo onomastico
    Commenti: 6
     
  • 19 Febbraio 2010: Linguaggio fotografico: L’ENFASI, di Pietro Ricciardi
    Commenti: 0
     
  • 13 Febbraio 2010: Pietro Masturzo vince il World press photo 2010
    Commenti: 0
     
  • 12 Gennaio 2010: Linguaggio fotografico: IL PARADOSSO, di Pietro Ricciardi
    Commenti: 1
     
  • 05 Gennaio 2010: Linguaggio fotografico: qualche digressione, di Pietro Ricciardi
    Commenti: 2
     
  • 29 Dicembre 2009: Linguaggio fotografico: IL LUOGO COMUNE, di Pietro Ricciardi
    Commenti: 0
     
  • 22 Dicembre 2009: Linguaggio fotografico: LA SINEDDOCHE, di Pietro Ricciardi
    Commenti: 3
     
 

Parole più frequenti

mia superstar Antonio
Scampia cosa Fuochi
aperto PartyPoker Perchè
Proporzionalità Berlusconi giorno
oggi Politica NATALE
Maradona Italia contro
anni Napoli Terra
Beni MOSTRI lavoro
rifiuti MostriMondiali Mondo
ufficio tutti Pubblicità
TELEVISIONE SOS chiuso
persona 2010 LUOGO
mostro BLOG smartphone
Vita Nannini calcio

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.10 Secondi