faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Martedì 06 Aprile 2010
Penne digitali: Scampia, l'Australia e l’informazione glocale
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

Il termine GLOCALE viene usato in contrapposizione alla GLOBALIZZAZIONE e rappresenta la potenziale importanza di tutto ciò che è locale come un piccolo sito internet che può diventare improvvisamente centro nevralgico di notizie genuine dal territorio. E così che nella notte di Pasqua con la pancia piena di pastiera riflettevo sull'informazione glocale e faCCebook.eu ...


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 06/04/10
 

Mi affascina il rapporto tra web ed informazione e come i media trattano le notizie. In questo scenario trovo fondamentale il ruolo dei siti di news, dai grandi network ai piccoli spazi autonomi come un blog personale quale può essere faCCebook.eu
Il mio sito mi fornisce l’opportunità di pubblicare articoli su argomenti che mi interessano anche se chiaramente non sono (ancora!) un blogger ne tantomeno un giornalista. Animato solo dalla mia passione per internet e per il giornalismo e non avendo nessuna preparazione specifica ne esperienza sul campo, mi sono lanciato nel mondo dei blogger spulciando in rete siti come splinder.com o o wordpress.com e coltivando da sempre l'idea di trovare un luogo ove poter dire la mia confrontandomi con il libero pensiero altrui.
Divertito dalla storia di Mr. Pin (Piero Sermasi), il blogger ufficiale di Skype, ho acquistato il suo libro “Professione blogger” che introduce in modo simpatico e leggero il lettore aspirante “giornalista” nel mondo dell’informazione on-line spiegando come e dove cercare l’idea giusta per scrivere un post interessante e rendere il proprio blog un luogo dove pubblicare i propri articoli in modo più o meno professionale.
La lettura di questo testo mi ha entusiasmato e spronato a migliorare i miei topic, sia nel contenuto che nello stile. L’unico modo che conosco per evolvere è studiare e con ancora il vento in poppa ho acquistato un secondo libro, “Penne digitali 2.0, fare informazione online nell’era dei blog e del giornalismo diffuso” di Carlo Baldi e Roberto Zarriello.
Sono appena al secondo capitolo e ho già cento nuovi spunti su cui riflettere!
Per non far scappare questi mie pensieri mi ritrovo la notte di Pasqua con la pancia piena di pastiera a scrivere questo memo che vuole essere l’introduzione ad una serie di topic che pubblicherò su faCCebook.eu il cui titolo inizierà sempre con “Penne digitali ...”.
Questi rappresenteranno i miei appunti del dopo-lettura di ogni nuovo capitolo, saranno una specie di rubrica che raccoglierà le mie riflessioni sul rapporto tra giornalismo e web, il tutto sempre calato nella mia realtà e condito da esperienze quotidiane e riflessioni personali che renderanno il topic “diverso ed originale”, come mi ha insegnato Mr. Pin.
Il primo interessante argomento su cui vorrei porre la vostra attenzione è il giornalismo glocal.

 

 

L’avvento di internet ha radicalmente cambiato il nostro modo di ricevere le informazioni trasformando l’utente da semplice telespettatore passivo di un TG o lettore attento di un quotidiano ma senza possibilità di interazione a fruitore attivo e partecipe della stessa notizia.
Pensiamo alla possibilità di commentare una news su un sito, lasciare una nostra testimonianza perchè testimoni diretti di un fatto di cronaca oppure essere noi stessi l’autore di un topic potendo fotografare, registrare un video con i tanti strumenti multimediali a disposizione (vedi il cellulare) e trovandoci nei pressi dell’evento.
Basta un click e la foto dal telefonino viene trasferita sulla nostra pagina personale di facebook o il video va su YouTube ed in real time diviene un contributo per il mondo intero. Ricordo il terremoto ad Haiti di qualche mese fa, gli stessi abitanti della zona colpita si trasformarono subito in reporter e prima ancora dell’arrivo dei giornalisti professionisti su internet giungevono già testimonianze su Twitter, foto e video caricati dagli utenti-blogger direttamente dalle zone colpite dal dramma,
Ecco allora che in un qualsiasi momento un piccolo sito internet che pubblica informazioni da una remota località può trasformarsi in un centro di informazione a cui guarda l’intero pianeta solo perchè la vicenda da raccontare è accaduta proprio nella sua zona.
Il termine glocal coniato dagli analisti statunitensi indica proprio il suddetto fenomeno: la contrapposzione tra globale e locale sia in termini sociali ma anche di informazione.

Da "Penne digitali:" In internet anche una piccola testata che fa giornalismo dalla provincia può acquistare una visibilità potenzialmente internazionale. Un piccolo sito apparentemente invisibile fa parte di una rete di collegamenti fittissima, sono parte del circuito internazionale della notizia, sono nodi “glocali” che sfornano “prodotti tipici” e possono salire alla ribalta come fonti privilegiata di news ed aggiornamenti qualora un accadimento rilevante si dipani proprio all’interno del proprio territorio.

A tal proposito mi viene in mente Scampia, il difficile quartiere di Napoli dove vivo da qualche anno e famoso alle cronache perchè uno dei più grandi mercati in Europa per la vendita di droga.
Ogni giorno il mio rione mi fornisce notevoli spunti per scrivere topic dei tanti “mostri” che affollano la zona, basta cercare “Scampia” nella pagina del Trova mostro per leggere i vari articoli che ho scritto.
Mi piace pensare (e scusate la presunzione!) che un giorno un giovane emigrante di Scampia che si è trasferito per vari motivi in Australia cercherà su un motore di ricerca news sul suo ex-quartiere e tra le migliaia di pagine che gli verranno proposte ci saranno pure i nostri articoli sfornati direttamente dal territorio, un punto di vista diverso ed originale sui "mostri" di Secondigliano.
Ecco allora che anche faCCebook.eu diventa uno dei nodi “glocali” dell’informazione internazionale!

 
[1223 letture]
 
 
Mostri categoria TV e media  Tutti i mostri di Aprile
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 14
 

Il mostro di ieri
(05 Aprile)

 

Il mostro di domani
(07 Aprile)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (nessun commento)

Non sono presenti commenti
(è possibile inviare commenti
solo per il mostro di oggi)
 
 
 
Mostri simili
 
  • 03 Settembre 2012: Faida di Scampia: le riflessioni della casalinga di Voghera
    Commenti: 1
     
  • 13 Giugno 2012: Euro2012, Scampia sempre «dentro la notizia»
    Commenti: 2
     
  • 07 Febbraio 2012: «Occuyscampia», io c'ero
    Commenti: 0
     
  • 02 Febbraio 2012: Abito a Scampia, sono una persona normale ma non #occupyscampia
    Commenti: 5
     
  • 05 Gennaio 2012: Scampia, testimonianze dall'antica Roma
    Commenti: 2
     
  • 22 Novembre 2011: Scampia, il benvenuto ai turisti (basta non nominare droga e camorra)
    Commenti: 1
     
  • 20 Settembre 2011: Evasione fiscale a Scampia, il ritorno dei contrabbandieri di sigarette
    Commenti: 6
     
  • 28 Giugno 2011: Campo ROM di Scampia, l’inceneritore di rifiuti tossici no-stop
    Commenti: 4
     
  • 25 Maggio 2011: Scampia, la verità del «Parco dei Ciliegi» sulla raccolta differenziata
    Commenti: 16
     
  • 22 Dicembre 2010: Vita da ufficio: il mistero delle penne scomparse
    Commenti: 4
     
  • 06 Dicembre 2010: Fuochi di artificio a Scampia, quale significato?
    Commenti: 2
     
  • 26 Ottobre 2010: Emergenza rifiuti a Napoli: cartolina da Scampia
    Commenti: 2
     
  • 21 Ottobre 2010: Penne digitali: i gabibbi online ed il citizen journalism
    Commenti: 0
     
  • 09 Settembre 2010: Rifiuti tossici a Scampia: intervista su RadioArticolo1, di Martina Chichi
    Commenti: 0
     
  • 06 Settembre 2010: Penne digitali: faCCebook, blog civico
    Commenti: 0
     
  • 02 Settembre 2010: Campo ROM di Scampia, l’inceneritore di rifiuti tossici
    Commenti: 6
     
  • 13 Agosto 2010: La mia denuncia sui roghi di rifiuti a Scampia su Repubblica Napoli
    Commenti: 2
     
  • 01 Luglio 2010: Penne digitali: cosa sarebbe Internet senza l'IPERTESTO?
    Commenti: 0
     
  • 10 Giugno 2010: Penne digitali: gli strumenti del cybergiornalista
    Commenti: 0
     
  • 26 Maggio 2010: Scampia, viva il libero mercato (abusivo)!
    Commenti: 0
     
 

Parole più frequenti

calcio Mondo Scampia
ipocrisia Perchè superficiale
Terra mia muori
ufficio Beni 2010
Alfred oggi Fuochi
Vita rifiuti lavoro
piano TELEVISIONE contro
schifoso Berlusconi verrà
mostro chiuso Lega
cosa due Italia
ciò tutti Napoli
Incendi NATALE risparmio
Antonio MOSTRI giorno
prima Politica BLOG

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.14 Secondi