faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Lunedì 19 Dicembre 2011
La televisione, elettrodomestico superato
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

Ho sempre sognato scrivere dei pezzi sulla televisione come Beniamino Placido. Ad un collega inesperto che gli chiedeva cosa significasse fare il critico televisivo, Placido ha risposto: «credo dipenda dalle generazioni, e per la mia generazione significa affacciarsi alla finestra e vedere che cosa accade, chi passa, che cosa si dice, né più né meno». Ho fatto mio questo slogan ;-)


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 19/12/11
 

La mia è una forte convinzione: oggi, nell'era di Internet, la televisione è un elettrodomestico obsoleto.
Il problema del piccolo schermo è la TV generalista, in particolare mi riferisco ai due dinosauri Rai&Mediaset. La pay-tv sopravviverà, anche se costosa é capace di proporre trasmissioni valide semplicemente perché è una tv a tema. E' lo spettatore che sceglie cosa seguire senza essere costretto allo zapping continuo per trovare ciò che l'interessa.

Ma questa regola non vale per tutti.

Infatti, é dimostrato da innumerevoli indagini sociali che i giovani non spendono il loro tempo libero guardando solo la televisione ma, durante la visione dei loro programmi preferiti, navigano in Rete. Hanno la capacità del multi-tasking, la mente può applicarsi contemporaneamente a più attività.
Vedrete che col tempo le future generazioni guarderanno sempre meno tv e passeranno sempre più tempo in Rete. L'apparecchio televisivo è percepito come uno strumento passivo, le nuove leve sono abituate (giustamente) a scegliere, a contribuire, a partecipare, a condividere le loro esperienze multimediali.

Eppure, nonostante questo interesse crescente verso il web, è quasi impossibile trovare un programma televisivo che parli di Internet!

Il mistero è presto svelato: basta ascoltare qualche intervista ai dirigenti televisivi.

 

 

Si noterà che, nel loro linguaggio forbito, i termini sperimentazione ed innovazione sono assenti. La loro gioia nasce nel proporre i soliti noti, gente trita&ritrita che non sa cosa sia un computer e tantomeno Internet.
Una tv vecchia capace solo di generare mostri come il Sanremo di Morandi o il patetico "Miss Italia".

Io di questa televisione non so cosa farmene se non tenerla spenta. Ammetto, invece, che ogni giorno faccio un salto su You Tube, il sito che ha cambiato il concetto di intrattenimento. Per noi, uomini del Web, risulta naturale guardare un video musicale in streaming, recuperare un servizio che ci siamo persi in tv oppure un goal della nostra squadra del cuore. YouTube funge sia da archivio storico che da canale per proporre video di attualità, amatoriali o professionali che siano. Per me, è forse il sito che meglio incarna l'idea di WEB 2.0 a cui sono tanto legato.

Gli unici che non hanno capito nulla dell'importanza di questi siti rivoluzionari sono proprio i suddetti "manager" televisivi.
In genere, tutte le emittenti televisive ignorano il web, convinti che non parlare del loro fratello minore (in termini di età non certo di importanza) equivale ad escluderlo dall'attenzione globale.
I responsabili dei palinsesti sono talmente arretrati che non possono immaginare le potenzialità della Rete. E' incredibile come loro, i cosiddetti esperti del settore, siano invece i meno preparati in fatto di nuovi media. I rari tentativi di portare il web in tv falliscono miseramente perché i giornalisti vorrebbero adattare la Rete alla tv, una fusione impossibile da realizzare.
E' altresì normale che oggi la tv perda spettatori a favore del web, anche per la bassa qualità dell'informazione televisiva che asseconda i potenti perdendo di imparzialità. E così, gli assetati di news si appagano in Rete.

Ad esempio, vengono mandati in onda spesso documentari sulla guerra e sul periodo nazista. La storia raccontata con le immagini del tempo ed arricchita da testimonianze ed interviste. Programmi necessari ed interessanti ma incapaci di attirare l'attenzione dei giovani.
Difatti, il pubblico di questi servizi sono quasi sempre persone adulte e raramente ragazzi della nuova generazione.
Occorrerebbe, invece, provare anche un nuovo modo di far comunicazione sperimentare nuovi programmi e creare nuovi standard.

Vogliamo parlare dell'atrocità dei conflitti? Vogliamo evidenziare l'insensatezza delle guerre?
Invece di mandare in onda il "solito" documentario bianco e nero, costruiamo una trasmissione veloce, pragmatica, senza commenti inutili e faziosi, senza le risse degli ospiti, con videoclip e altro materiale preso da Internet.
Propongo una delle mie canzoni preferite, Samarcanda.
Che ne pensate?

 
[1219 letture]
 
 
Mostri categoria TV e media  Tutti i mostri di Dicembre
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 26
 

Il mostro di ieri
(18 Dicembre)

 

Il mostro di domani
(20 Dicembre)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (nessun commento)

Non sono presenti commenti
(è possibile inviare commenti
solo per il mostro di oggi)
 
 
 
Mostri simili
 
  • 27 Maggio 2013: Fabio Fazio, il confessore della televisione italiana
    Commenti: 0
     
  • 30 Aprile 2011: Mara Venier, la strega della televisione italiana
    Commenti: 1
     
  • 19 Settembre 2010: Calcio e Televisione: è la volta dei TIFOSI FINTI
    Commenti: 0
     
  • 27 Aprile 2010: Noemi Letizia oggi compie 19anni: ti vogliamo in TELEVISIONE!
    Commenti: 2
     
  • 13 Gennaio 2010: Jack Bauer, Internet e la televisione
    Commenti: 1
     
  • 09 Dicembre 2009: Gianni Morandi, la (peggiore) televisione che celebra se stessa
    Commenti: 1
     
  • 06 Dicembre 2009: Domenica5, bell'esempio di televisione spazzatura. D'Urso, abbi pietà di noi!
    Commenti: 2
     
  • 02 Novembre 2009: Grande Fratello, concentrato di mostruosità della nostra televisione spazzatura
    Commenti: 2
     
  • 30 Ottobre 2009: Digitale terrestre: la televisione e la jungla dei decoder
    Commenti: 3
     
  • 21 Ottobre 2009: Pubblicità in televisione: gli asterischi negli spot sono ingannevoli!
    Commenti: 4
     
  • 28 Settembre 2009: Carrozzieri da Ventura: sempre più televisione spazzatura
    Commenti: 1
     
  • 09 Settembre 2009: Addio Mike Buongiorno, re della televisione
    Commenti: 0
     
  • 28 Luglio 2009: Maria de Filippi, testimonial della televisione spazzatura
    Commenti: 2
     
  • 27 Giugno 2009: Televisione ed informazione: Fede e Vespa
    Commenti: 0
     
 

Parole più frequenti

Politica camion Napoli
volto polemico politico
Beni tutti contro
Perchè cosa oggi
mostro Terra lavoro
Berlusconi Fuochi mia
orgoglio viaggio Scampia
TELEVISIONE riciclo NATALE
Vita Italia digitalizzazione
chiuso ufficio faCCebook
giorno rifiuti Cinema
separazione BLOG Antonio
2010 Mondo dopo
calcio MOSTRI bravura

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.12 Secondi