faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Martedì 20 Marzo 2012
Enrico Mentana, il giornalista socialista (e raccomandato)
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

A breve sarò nominato direttore del TG5. Mi preparo al lieto evento studiando la biografia di Enrico Mentana. L'ex giornalista Mediaset si descrive come un baluardo della libera informazione, lui ha rigato sempre dritto senza mai cedere spazio ai partiti. Eppure fu assunto in RAI perché segnalato dal partito socialista come egli stesso ammette candidamente ...


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 20/03/12
 

Mi sto preparando al giorno in cui Silvio Berlusconi mi pregherà di assumere la direzione del TG5. Sono ancora indeciso se accettare o meno l'incarico: vi confido che sono tentato di firmare il contratto milionario che mi offriranno ma solo se il Cavaliere mi fornirà le dovute rassicurazioni (dicono tutti così prima di acconsentire e allora lo ripeto pure io anche se non so bene cosa significhi).

Per organizzare al meglio l'evento e non farmi cogliere impreparato, mi sono divorato "Passionaccia" di Enrico Mentana. Chi meglio di lui può aiutarmi a conoscere i segreti dell'informazione Mediaset?
L'ex dipendente Fininvest descrive le magagne che ruotano intorno ad un telegiornale, le riunioni con il caporedattore, la scelta delle notizie, la scaletta del TG, i trucchetti per porre in evidenza il punto di vista di un "amico" oscurando l'opinione opposta ma soprattutto l'interferenza continua che il mondo politico esercita sulla televisione (pubblica e commerciale).

Del resto la politica occupa meno di un decimo della programmazione tv, e uno spazio minoritario negli stessi tg. Eppure ormai tutte le nomine di vertice nei network principali sono di stretta scelta partitica.

Il nostro encomiabile Mentana, da quanto scrive, si erge a paladino della libera informazione.

 

 

Le pagine del libro sono ricche di nobili intenti, decisioni prese sempre in libera autonomia nonostante il suo editore fosse l'uomo politico più influente d'Italia.

Se qualcosa non vi è piaciuto del Tg5, o vi è sembrato reticente è stata colpa nostra, se cè qualcosa che vi è piaciuto è stato merito nostro, non cè mai stata intrusione aziendale.

Bene. Da quanto afferma Enrico Mentana è riuscito a tener fuori dalla sua creatura le influenze partitiche per ben dodici anni: dal 1992 (anno in cui andò in onda la prima edizione del Tg5) fino al 2004 (quando egli stesso annuncia in diretta che l'azienda l'ha esonerato dalla direzione del TG5 e sostituito da Carlo Rossella). Mi immagino il buon Enrico assediato nel suo ufficio, insieme ad un manipolo di coraggiosi colleghi, minacciato dai dirigenti Mediaset, consigliato su cosa mandare in onda e cosa dire, chi censurare e chi esaltare.

Ma lui, integerrimo, determinato, percorre la sua strada sempre con la schiena dritta senza accettare compromessi.

Un comprtamento davvero esemplare se non fosse per la candida affermazione con la quale il nostro eroe-senza-macchia-e-senza-paura ci spiega come fu assunto in RAI nel 1979 alla tenera età di ventiquattro anni:

Ero un dirigente dei giovani socialisti, ma avrei lasciato comunque la politica attiva per fare questo mestiere, lì o dove altro fossi riuscito a entrare. Rossi e Fava sorrisero per questa excusatio non paetita. In realtà la logica di allora gli imponeva di assumere un socialista, perché un altro lasciava libero il posto. L'indicazione del partito era trovare un giornalista bravo e già affermato. Ma loro volevano ringiovanire la redazione, e il mio nome gli era stato segnalato proprio dal redattore che se ne stava andando, Pasquale Guadagnolo, di cui ero amico.

Ed io ero convinto che per essere assunti in RAI occorresse un concorso pubblico!
Mentana scrive «indicazione», io leggo una ben più volgare «raccomdazione politica». E' noto che un raccomandato non potrà mai più essere un uomo libero; per sua stessa natura, egli entra a far parte di una rete di favori e di dipendenze divenendo schiavo del sistema corrotto di cui ne è un anello.

Enrico (mi permetto di chiamarti per nome visto che presto saremo colleghi), ti ringrazio per avermi aperto gli occhi.
A breve, quando riceverò la telefonata di Confalonieri, saprò come comportarmi: gli dirò che ho da poco rinnovato la tessera di Forza Italia, del Partito Socialista, sono simpatizzante di Alleanza per l'Italia e se serve, anche del PD. Non ho mai votato Fini e Beppe Grillo.
Inoltre, sono pronto a lasciare immediatamente l'incarico politico (che non ho - ma questo segreto lo tengo per me).

Infine, garantisco che i partiti non avranno spazio nel mio nuovo rivoluzionario telegiornale: il TgMente.

 
[1572 letture]
 
 
Mostri categoria TV e media  Tutti i mostri di Marzo
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 16
 

Il mostro di ieri
(19 Marzo)

 

Il mostro di domani
(21 Marzo)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (7 commenti)
 
13:03

siccome i RACCOMANDATI esistono da sempre non significa che dobbiamo accettare questa mostruosità (mario)

 
12:01

ma guarda che in Rai sono tutti racocmandati, fra poco bisogna essere racocmandati per scrivere su faCCebook

 
09:09

almeno lo ammette che è stato raccomandato, già questo lo distingue dai suoi colleghi

 
09:08

CRAXI LO RACCOMANDO' .. IL BEL RICCIOLETTO ..

 
09:06

piace anche a me l'idea romantica del giornalista che hai tu...

 
09:06

come ho scritto io osservo solo che un raccomandato non sarà mai un uomo libero perché schiavo del sistema che egli stesso ha contribuito a creare, un sistema di favori, opportunismo e dipendenze. Mentana come può dichiarasi un giornalista libero da dipendenze partitiche???

 
09:05

non mi scandalizzo, no. i mostri di bravura non sempre fanno carriera :-D

 
 
 
Mostri simili
 
  • 16 Maggio 2013: Enrico Mentana e l’anonimato in Rete: scrivo, dunque sono
    Commenti: 0
     
  • 09 Maggio 2013: Enrico Letta e la scelta (sbagliata) del ritiro spirituale: perché non Rosarno?
    Commenti: 0
     
  • 27 Aprile 2013: Da Bersani ad Enrico Letta, cos’é (realmente) cambiato?
    Commenti: 0
     
  • 27 Ottobre 2012: Giampiero Amandola, il giornalista razzista? No, solo un «mostro» spassoso
    Commenti: 0
     
  • 10 Giugno 2010: Penne digitali: gli strumenti del cybergiornalista
    Commenti: 0
     
  • 05 Maggio 2010: Penne digitali: l’information overload ed il ruolo del giornalista online
    Commenti: 0
     
  • 13 Marzo 2010: Addio a Tonino Carino da Ascoli, mitico giornalista sportivo della RAI
    Commenti: 1
     
  • 01 Novembre 2009: Dottor Enrico Castellacci, medico della nazionale di calcio
    Commenti: 0
     
 

Parole più frequenti

calcio Vita Italia
contro Pippo Scampia
estetico BLOG Politica
Perchè Festa ufficio
marciapiedi tutti lavoro
giorno Mondo Sei
Antonio Terra Beni
asterischi Napoli mostro
oggi Alema mia
giochi NATALE previsioni
TELEVISIONE rifiuti 2010
chiuso Obesità Fuochi
MOSTRI cosa aggiornati
vorrei Tiger Berlusconi

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.06 Secondi