faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Venerdì 27 Aprile 2012
«Sul terreno ha lasciato 100milioni»: il doveroso sacrificio alla Belva
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

La politica mondiale non risponde più alle esigenze dell'Uomo ma legifera per soddisfare i mercati finanziari. La Borsa è l'ago della bilancia: lo stato sociale ogni giorno viene sacrificato per soddisfare la fame di questa creatura infernale che «lascia sul terreno 100 milioni» senza batter ciglio. La Borsa, il vero «grande mostro» dei nostri tempi.


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 27/04/12
 

Quale creatura infernale può lasciare sul campo cento milioni in un solo giorno? Chi è così potente da far discutere di sè da Tokyo a Parigi, da Milano ad Honk Kong?
E' il «mostro» al quale tutti i governi del mondo devono sottostare, un essere deforme che comanda il destino degli uomini, regola l'economia del Pianeta. I politici legiferano per soddisfare la fame di quest'implacabile divinità moderna, una belva la cui ingordigia permanente sta distruggendo ogni risorsa presente sulla nostra amata Terra.

 

 

La borsa mondiale, il luogo ove quotidianamente avvengono spostamenti di capitali, numeri che vanno ad incrementare le cospicue rendite di alcuni e fuggono dai patrimoni di altri. Cifre che ai tanti non dicono nulla: "la borsa di Tokyo ha chiuso con un meno 4%", "oggi sono stati bruciati 250milioni in poche ore ..." frasi sibilline comprese solo dagli esperti del settore che lasciano indifferente la casalinga di Voghera.

La gravità non sta tanto nell'incomprensione totale del linguaggio utilizzato bensì dal constatare che l'andamento dei mercati finanziari ha sostituito la persona nell'agenda politica del mondo.

Dobbiamo prenderne atto: da Monti a Putin, da Obama fino al più lontano Premier, ogni uomo di potere promulga nuove leggi in funzione del dio denaro di cui la borsa è la massima rappresentate. Con la giustificazione di migliorare i conti pubblici e combattere l'eterna crisi economica, vengono tagliati i costi dello stato sociale: i treni dei pendolari ridotti all'osso, gli autobus di linea dimezzati, i pullman per le periferie soppressi, la scuola senza risorse, la sanità deve arrangiarsi, il ministro dell'ambiente è da tempo senza portafoglio ... il debito pubblico vola, l'economia balla, la borsa brucia, i grafici urlano, noi comuni cittadini paghiamo il conto.

Al prossimo summit mondiale, propongo il primo punto dell'ordine del giorno: è giusto sacrificare la vita di milioni di persone per soddisfare - ad ogni costo - l'avidità della «belva»?
Allo spread l'ardua sentenza.

 
[1142 letture]
 
 
Mostri categoria Società  Tutti i mostri di Aprile
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 13
 

Il mostro di ieri
(26 Aprile)

 

Il mostro di domani
(28 Aprile)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (nessun commento)

Non sono presenti commenti
(è possibile inviare commenti
solo per il mostro di oggi)
 
 
 
Mostri simili
 
  • 17 Luglio 2012: Nicole Minetti ed il desiderio della «belva»
    Commenti: 1
     
  • 11 Aprile 2012: Renzo Bossi e Rosi Mauro: e la belva si placò
    Commenti: 2
     
  • 16 Febbraio 2012: Sanremo, il piano della Canalis per recuperare terreno con Belen
    Commenti: 1
     
  • 23 Marzo 2011: Terra dei Fuochi: lasciateci respirare, lasciateci vivere
    Commenti: 2
     
  • 28 Maggio 2010: Gianni Letta: «Ci attende un periodo di sacrifici duri»
    Commenti: 1
     
 

Parole più frequenti

rifiuti mia tutti
nuovo Mondo MOSTRI
Terra Napoli Politica
TELEVISIONE padre BLOG
Vita cosa oggi
umanitaria mostro contro
Italia ufficio Scampia
senti oltre Chichi
schifo Innamorarsi papello
2010 attesa lavoro
Berlusconi giorno Antonio
Fuochi difficili chiuso
stelle Beni dopo
NATALE Perchè calcio

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.15 Secondi