faCCebook - Aiuta a vendicarti dei mostri che rendono difficile la tua vita
 
 
 

Penne digitali,
di Mario Monfrecola.

L'informazione online nell'era del blog e dei cybergiornalisti.

 

Chi è Mario Monfrecola.

Mario Monfrecola, webmonster di faCCebook.eu, blogger ed appassionato di giornalismo on-line, in questa rubrica approfondisce le differenze tra il reporter classico della carta stampata ed il cybergiornalista evidenziando le nuove potenzialità offerte da Internet.

Penne digitali: i gabibbi online ed il citizen journalism
Scritto da webmonster il 21/10/10
 

Ho sempre creduto che la stampa, in una società democratica, dovesse fungere da “controllore” dei poteri forti. Prima la carta stampata e poi la tv e la radio, nel tempo, hanno dimostrato che è possibile un giornalismo di inchiesta e di denuncia. Oggi con la diffusione di Internet è esploso il fenomeno del “citizen-journalism” ovvero del giornalismo partecipativo.
Da Io Reporter di SkyTg24: in America lo chiamano “citizen-journalism”, in Italia giornalismo partecipativo. E’ un modo nuovo e innovativo di concepire il mondo dell’informazione, che infrange le barriere e permette anche alla gente comune di essere protagonista attiva della notizia. I materiali inviati dai “reporter di strada” permettono spesso di arrivare là dove i media tradizionali non riescono. Si pensi ai video amatoriali che hanno documentato lo Tsunami in Indonesia del dicembre del 2004, o quelli del G8 di Genova, uno dei primi esempi di grande copertura “dal basso” nel nostro Paese.

Risulta, quindi, estremamente utile ed interessante l’uso della Rete per denunciare i piccoli e grandi abusi quotidiani che sistematicamente vengono esclusi dalle notizie “ufficiali”. In questo senso, il Web è uno strumento potentissimo a disposizione di chiunque per uno scopo “civico o di servizio”.
Ma cosa si intende per “giornalismo di servizio”?

 
 
Leggi Tutto ... | [1632 letture]
 
Penne digitali: faCCebook, blog civico
Scritto da webmonster il 06/09/10
 

Gli amici ed i conoscenti che scoprono questo mio (anzi nostro!) spazio mi chiedono: “Mario, ma che cos’è faCCebook?”.
Con mia somma presunzione mi piace definire faCCebook.eu un blog civico e non vi nascondo che, tra le tante sezioni del sito, io sono particolarmente affezionato al Monster’s Blog
Che cos’è un blog dunque?
Da “Penne Digitali”: il termine, contrazione delle parole “web” e “log”, nasce appunto come una sorta di registro dove tenere traccia in ordine cronologico di annotazioni e commenti circa la navigazione in Internet [...] il blog è uno strumento, come lo definisce Luisa Carrada ideatrice del sito Il mestiere di scrivere, a disposizione di tutti per pubblicare le proprie parole e, attraverso le parole, entrare in relazione con gli altri. Ognuno con il proprio carattere, i propri gusti, le proprie passioni, pe proprie idee, il proprio stile di comunicazione.

All’interno di un blog ognuno è libero di trattare il tema che più lo appassiona senza censura (se non il buon senso) e rinviando il lettore ad approfondimenti ed opinioni verso altri blog creando così una vera e propra comunità basata sul linking, ossia l’attività reciproca di rimando verso altri siti.
Altro elemento caratterizzante del blog sono i commenti indice della interattività tra l’autore del blog ed i suoi lettori liberi di esprimere opinioni sul tema lanciato, di aprire una vera e propria discussione che ogni successivo commento andrà ad arricchire.

Quale è dunque la differenza tra un blog ed un sito web?

 
 
Leggi Tutto ... | [1408 letture]
 
Penne digitali: cosa sarebbe Internet senza l'IPERTESTO?
Scritto da webmonster il 02/07/10
 

Man mano che scrivo articoli per il Monster’s Blog sono sempre più consapevole che, a differenza del reporter classico della carta stampata, il cybergiornalista ha a disposizione innumerevoli nuovi strumenti di comunicazione e di trasmissione delle notizie che evolvono molto rapidamente e che occorre conoscere per padroneggiare le possibilità offerte dal web.
Da “Penne digitali”: solo conoscendo lo specifico dell’Internet è possibile esaltarne il potenziale ed offrire qualcosa di più di un semplice trasferimento sul monitor di informazioni nate per la carta.
L’aspetto che maggiormente contraddistingue la scrittura online è senza dubbio l’ipertestualità.
Lavoro nel campo informatico da quasi tredici anni e senza dubbio le mie conoscenze tecniche mi aiutano a comprendere le infinite risorse che la Rete mette a disposizione. Però non avevo mai approfondito la vera importanza che ricopre il link nelle pagine web. Mi riferisco a quelle parole (o frasi) sottolineate che se cliccate rimandano ad altre pagine web per i dettagli.
Per capire al meglio il concetto di ipertesto usiamo ... un ipertesto a Wikipedia!

 
 
Leggi Tutto ... | [1271 letture]
 
Penne digitali: gli strumenti del cybergiornalista
Scritto da webmonster il 10/06/10
 

Quando scrivo un articolo, intervengo in una discussione su un forum oppure compongo una semplice e-mail, ho l’abitudine di consultare i miei strumenti di lavoro senza i quali i miei scritti risulterebbero meno eleganti e ricercati.
Parlo ovviamente dei nuovi suppporti digitali che l’avvento di internet ha messo a disposizione dei cybergiornalisti o di chiunque voglia scrivere un post per il proprio blog.
Tra i segnalibri-preferiti del mio browser quindi non possono più mancare i link al vocabolario di italiano, all’insostituibile dizionario dei sinonimi e contrari, all’enciclopedia libera Wikipedia, ai feed RSS per scovare notizie ed approfondimenti sull’attualità.
Da “Penne digitali”: l’avvento del digitale ha messo nelle mani degli operatori dell’informazione nuovi strumenti per diffondere, ricercare, scrivere ed archiviare le notizie. Il buon vecchio taccuino e il registratore analogico restano tra i supporti più affidabili e cari al cronista [...] Ma a queste realtà tradizionali si affiancano utili e spesso insostituibili strumenti che anche il collega più anziano e tradizionalista non può trascurare [...]

 
 
Leggi Tutto ... | [1193 letture]
 
Penne digitali: l’information overload ed il ruolo del giornalista online
Scritto da webmonster il 05/05/10
 

Il termine information overload indica il sovraccarico cognitivo ovverosia l’essere inondati da troppe informazioni e non riuscire a sceglierne una specifica sulla quale focalizzare l’attenzione.
Questo fenomeno è esploso soprattutto con la diffusione di internet: molti navigatori passano da sito a sito, da link a link, non riuscendo poi a fermarsi ed a ricordare le informazioni ricevute. D’altronde la seconda parola più cliccata sui motori di ricerca è “news” (la prima, come è ben noto, è “sesso”) proprio ad indicare la volontà degli utenti nell’essere informati, nel cercare notizie ed aggiornamenti sui più disparati argomenti.

Il problema del lettore quindi non è nella penuria di informazioni bensì nell’eccesso.

 
 
Leggi Tutto ... | [1107 letture]
 
Penne digitali: Scampia, l'Australia e l’informazione glocale
Scritto da webmonster il 06/04/10
 

Mi affascina il rapporto tra web ed informazione e come i media trattano le notizie. In questo scenario trovo fondamentale il ruolo dei siti di news, dai grandi network ai piccoli spazi autonomi come un blog personale quale può essere faCCebook.eu
Il mio sito mi fornisce l’opportunità di pubblicare articoli su argomenti che mi interessano anche se chiaramente non sono (ancora!) un blogger ne tantomeno un giornalista. Animato solo dalla mia passione per internet e per il giornalismo e non avendo nessuna preparazione specifica ne esperienza sul campo, mi sono lanciato nel mondo dei blogger spulciando in rete siti come splinder.com o o wordpress.com e coltivando da sempre l'idea di trovare un luogo ove poter dire la mia confrontandomi con il libero pensiero altrui.
Divertito dalla storia di Mr. Pin (Piero Sermasi), il blogger ufficiale di Skype, ho acquistato il suo libro “Professione blogger” che introduce in modo simpatico e leggero il lettore aspirante “giornalista” nel mondo dell’informazione on-line spiegando come e dove cercare l’idea giusta per scrivere un post interessante e rendere il proprio blog un luogo dove pubblicare i propri articoli in modo più o meno professionale.
La lettura di questo testo mi ha entusiasmato e spronato a migliorare i miei topic, sia nel contenuto che nello stile. L’unico modo che conosco per evolvere è studiare e con ancora il vento in poppa ho acquistato un secondo libro, “Penne digitali 2.0, fare informazione online nell’era dei blog e del giornalismo diffuso” di Carlo Baldi e Roberto Zarriello.
Sono appena al secondo capitolo e ho già cento nuovi spunti su cui riflettere!
Per non far scappare questi mie pensieri mi ritrovo la notte di Pasqua con la pancia piena di pastiera a scrivere questo memo che vuole essere l’introduzione ad una serie di topic che pubblicherò su faCCebook.eu il cui titolo inizierà sempre con “Penne digitali ...”.
Questi rappresenteranno i miei appunti del dopo-lettura di ogni nuovo capitolo, saranno una specie di rubrica che raccoglierà le mie riflessioni sul rapporto tra giornalismo e web, il tutto sempre calato nella mia realtà e condito da esperienze quotidiane e riflessioni personali che renderanno il topic “diverso ed originale”, come mi ha insegnato Mr. Pin.
Il primo interessante argomento su cui vorrei porre la vostra attenzione è il giornalismo glocal.

 
 
Leggi Tutto ... | [1224 letture]
 
 
 
 

"Questa rubrica vuole essere un ricordo dei libri che ho letto e che mi hanno introdotto nel mondo del blog.
Appunti utili per i futuri cybergiornalisti e per tutti i reporter-diffusi sparsi per il nostro Pianeta. Credo che ognuno di noi sia un possibile cronista, sentinella della propria realtà, pronto a denunciare le ingiustizie che su giornali e tv non troverebbero mai spazio e che grazie ad Internet è possibile pubblicare saltando la censura dei media tradizionali.

Mario, il webmonster.

 
 
 
 
 
 
 
 


Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.05 Secondi