faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

La grande patacca

La grande bellezza, di Paolo Sorrentino, vince l’Oscar

Premessa: non ho ancora visto il film di Paolo Sorrentino, la pellicola tricolore fresca vincitrice dell’Oscar, osannata dalla critica e divenuta da subito icona del made in Italy.

Eppure un’idea strampalata mi sollazza l’emisfero destro del cervello: abbiamo rifilato l’ennesima paccotto agli americani.

La grande bellezza o la grande truffa?

La grande bellezza o la grande truffa?

Penso alla «Grande bellezza» e mi balena alla mente il Totò truffa del 1962: Antonio e Camillo (il fido Nino Taranto) vendono la fontana di Trevi ad un ingenuo italo-americano, il famoso Decio Cavallo – Caciocavallo.

Immagino il divertimento del cast nel girare le scene della celebrata opera cinematografica: ogni ciak pensato per compiacere i membri dell’Academy, i colloqui non-sense tra gli attori ideati per destare curiosità tra i giurati, le atmosfere felliniane che scimmiottano la dolce vita romana degli anni sessanta, le pause studiate a tavolino con i soliti spunti esistenziali, i primi piani insistiti a ricordare un improbabile stile Bohémien.

Il significato della storia è quasi incomprensibile ma non importa, sarà un capolavoro.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Tra Totò e Bellavista

Il sospetto diviene certezza vista l’origine partenopea dello scaltro regista: Sorrentino, da buon napoletano, conosce i film di Luciano De Crescenzo e senza dubbio ricorda la famosa scena di Bellavista ove un ispirato Riccardo Pazzaglia recita la parte dei pittore folle: «il pubblico vuole il pittore pazzo? Ed io gli do’ l’artista pazzo!» urla mentre indossa una lunga parrucca e con atteggiamenti da squilibrato si prepara a vendere delle banali tele al fesso di turno.

Il progetto è perfetto: i napoletani furbi non mancano (la maschera di Servillo e la chiacchiera di Buccirosso sono un ottimo indizio) e nemmeno i romani scherzano (il Verdone qualunquista e l’immancabile bellezza italica Ferilli). 

La banda è completa, mancava solo il turista americano da truffare.
Hollywood non è poi così lontana.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti

Previous

Perché Paolo Sorrentino ringrazia Maradona

Next

Lo schiavo (tecnologico)

1 Comment

  1. Mario Monfrecola

    Il film su canale5 è stato visto da quasi 9milioni di spettatori.
    E’ il più visto negli ultimi dieci anni: il trucco c’è ma non si vede!

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »