faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

La vera trasgressione è l’amore

Trasgredire con amore

Quando si tocca l’argomento “amore”, si finisce per impantanarsi nei luoghi comuni o nella psicologia spicciola.
E’ uno di quegli argomenti sui quali si può dire tutto ed il contrario di tutto, senza giungere a nessuna vera conclusione.
Ognuno di noi può raccontare una delusione o un torto subito in amore, un fallimento o un amore mai dimenticato.
Ma una ricetta universale non esiste.
Questa è l’unica certezza che abbiamo.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

La fine della certezza dei ruoli

Al tempo dei nostri nonni c’era la certezza dei ruoli: tutti sapevano esattamente quali comportamenti aspettarsi da un uomo e quali da una donna; il femminismo ci ha aiutato ad interrogarci a lungo su quello che vuole una donna.

Freud ci ha messo del suo, ma cosa vuole un uomo no, non saprei dirlo.
Ecco, ti pare di avere proprio tutto: la vita che volevi, il lavoro, e poi la casa, il conto in banca, e la famiglia, i figli e forse perfino l’amore.

La vera trasgressione: l'amore ai giorni nostri,

La trasgressione e l’amore

Poi un bel giorno vieni a sapere di una certa Lula o Maurizia che si prende “cura” del tuo uomo. E all’epicentro del terremoto che fa crollare la tua vita perfetta, un maestoso fallo con cui non c’è possibilità di gara!

Madre, santa e pu….a, il trans è un uomo che racconta ad un uomo come deve essere una donna: sempre disponibile, insaziabile, esperta, esile o morbida ma forte, attivo-passiva, attaccata, sensibile, comprensiva, paziente ascoltatrice e fine psicologa.

Ma spesso i consumatori di tali prestazioni sono uomini che hanno essi stessi bisogno di una terapia a sostegno delle carenze della propria personalità, in una società in cui l’allusione erotica si annida ovunque, divenendo oggetto di una forsennata mercificazione e spettacolarizzazione.

Infatti in tutto questo l’amore cosa c’entra?
Niente, proprio niente, direi.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Gli uomini innamorati e la crisi di coppia

Gli uomini innamorati sono disposti a tutto: fanno qualunque follia pur di avere la donna dei propri sogni, la passione li acceca e diventano off-limits per qualunque altra donna.

Ma dura lo spazio necessario per consumare la passione, finché la fiamma si spegne.

La cosa più difficile che ti possa capitare oggi è di avere una relazione esclusiva: relazioni complicate, amanti, incontri clandestini, ménage à trois consenzienti, sono tutto ciò che si riesce a rimediare se si cerca una relazione.

Non c’è una, dico una persona che conosco che si dichiari soddisfatta del proprio rapporto di coppia; ma soprattutto, se indaghi, viene fuori che quella relazione apparentemente felice, in realtà si basa sulla finzione, sulla convenienza e sull’opportunismo.

Il mio osservatorio, certo limitato alla mia cerchia di conoscenze, mi offre uno sguardo d’insieme desolante dei rapporti uomo-donna, dove osservi che si è fortunati se durano 2-3 anni.
Dopodiché diventano altro …

E allora ecco che entra in gioco la trasgressione che di per se non è negativa.
In molti casi ha una valenza se non positiva, fisiologica e naturale come parte del comportamento evolutivo di un individuo.

E quindi, in un universo maschile/femminile in cui la normalità è condividere più partners contemporaneamente e mollarsi al primo intoppo, io vedrei la vera trasgressione in un weekend romantico con cenetta a lume di candela e passeggiata mano nella mano, come preludio ad una storia d’amore in cui si condivida la vita quotidiana con un unico partner con il quale realizzare un progetto di vita comune, con onestà reciproca e sincerità.

Per riscoprire le emozioni che ci fanno sentire vivi perché, come si dice nel film “L’ultimo bacio” di G. Muccino, “la normalità è la vera rivoluzione”.


PS: purtroppo (per me) questo post non l’ho scritto io ma una lettrice che ringrazio ed invito a proporre altri argomenti
Mario


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti

Previous

Quell’odioso regalo di compleanno al collega d’ufficio

Next

La Terra dei Fuochi brucia (anche di parole)

1 Comment

  1. Mario Monfrecola

    Articolo pubblicato la prima volta nel novembre 2009 che ha riscosso un notevole successo e quindi volentieri ripropongo.
    Link originale: http://1su.net/k3e

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »