faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

«Io non sono d’accordo», l’orgoglio dell’ultimo marinaio

Dalle puntate precedenti

La nave “HP Pozzuoli” naviga verso l’isolotto, i 160 marinai oramai rassegnati all’infausto destino sono incapaci di reagire a qualsiasi ordine giunto dagli uffici del nord.
Può un solo uomo cambiare le sorti già segnate?
Forse no, però un solo uomo può decidere secondo i propri principi e vivere con dignità anche le vicende più drammatiche.

Puntata1: Hp Pozzuoli affonda, colpita dal fuoco amico
Puntata2: HP Pozzuoli, il giorno della decisione
Puntata3: fatti non foste a viver come bruti?

L’ordine inderogabile

«Entro due settimane, dovete affondare la nave “HP Pozzuoli”».
Il comando giunto dagli uffici del nord è perentorio, scolpito nero su bianco.

Il dispaccio è nelle robuste mani del fedele marinaio, liberato dai suoi stessi carcerieri dopo l’ammutinamento, la ribellione figlia della paura che ora porta la nave “HP Pozzuoli” verso l’inesorabile destino.

«Giunti sull’isolotto, centoventi vi si stabiliranno mentre i seguenti quaranta saranno prelevati per tornere nella capitale» continua il messaggio.
Seguono nomi e cognomi dei prescelti, strappati al mare e trasferiti sulla terraferma.

La rotta controllata dagli uffici del nord

“HP Pozzuoli” viaggia in acque tranquille, la tempesta appare lontana.
Nessun marinaio presiede il ponte di comando, la nave è guidata a distanza e la rotta stabilita dai lontani uffici del nord.

I 160 uomini, attanagliati dal panico, smarriscono qualsiasi forma di opposizione, paralizzati dall’incertezza del futuro sono oramai ridotti ad automi inermi.

La quiete apparente nasconde l’inganno, la fine di”HP Pozzuoli” e dei 160 professionisti è prossima ed accettata con rassegnazione crescente.
L’ineluttabile fato potrà essere modificato?

«Burattini, siamo burattini nelle mani dei superiori» è la pacata riflessione del fedele marinaio.

principi e dignità, l'orgoglio dell'ultimo marinaio

L’orgoglio dell’ultimo marinaio

L’uomo è solo sul ponte della nave, l’isolotto è visibile ad occhio nudo.

«Ci ordinano di affondare le nostre vite, tradire i principi nei quali crediamo. Come possiamo accettare? Cosa siamo diventati?» riflette mentre il sole tramonta alle sue spalle.

«Non lottiamo più, ci siamo arresi, abbiamo perso, siamo divisi e rassegnati. Gli uffici del nord hanno vinto, la partita è finita!» le voci degli automi riunitosi in spontanee assemblee si alza da ogni angolo della nave.

Il fedele marinaio guarda il foglio di carta che ancora conserva tra le robuste mani tipiche di chi ha sempre navigato.
Con rabbia strappa il dispaccio e riduce il messaggio in mille innocui coriandoli portati via dal vento.
«IO NON SONO D’ACCORDO» urla a denti stretti con l’ultima goccia di orgoglio.

Commenta via facebook

Commenti

Previous

HP Pozzuoli, siamo ai titoli di coda

Next

HP Pozzuoli, giornale di bordo di un dipendente – data astrale 1709.05

1 Comment

  1. Mario Monfrecola

    è on-line la quarta puntata della storia:

    Chi è il vero nemico?
    http://www.faccebook.eu/wp/2015/09/29/chi-e-il-vero-nemico/

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »