faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Se i grattacieli non sono poi così alti

Lo smarrimento dei primi giorni

Con gli occhi dell’adulto, i grattacieli del Centro Direzionale non appaiono poi così alti.
Eppure, ricordo lo sconforto del primo giorno: l’arcipelago di isole, un labirinto dai mille ingressi tutti eguali.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Dove è il nuovo ufficio?

Al terzo giro intorno alla stessa edicola, il dubbio è certezza: mi sono perso ancora.
Seguo le indicazioni sparate tutte d’un fiato dal gentile venditore – procedi diritto fino al secondo incrocio a sinistra mantieni la destra sei arrivato – invece dopo dieci minuti sono ancora di fronte al medesimo giornalaio.

Mi guardo intorno sconsolato, nessuna insegna, poche indicazioni mangiate dalle intemperie.

I grattacieli del Centro Direzionale di Napoli non sono poi così alti

Come l’Edenlandia

Da piccolo, emozionato, varcavo l’ingresso dell’Edenlandia e tutto appariva enorme.
Con la meraviglia negli occhi, alzavo lo sguardo al cielo per ammirare la vetta delle irraggiungibili montagne russe.

Lo stupore è svanito con il trascorrere del tempo: più crescevo e più il parco giochi si restringeva intorno a me.

Centro Direzionale, sessanta giorni dopo

Dopo due mesi nella nuova sede di lavoro, il Centro Direzionale è fin troppo piccolo.
La passeggiata lungo i soliti viali, l’uomo vitruviano di Leonardo, la chiesa, i negozi, il palazzo di Giustizia, la galleria commerciale, le torri dell’ENEL.

Uno schema semplice e lineare: i grattacieli disegnano due linee parallele.
Come ho fatto a non orientarmi fin da subito?

Una prigione ben organizzata con i mille ristorantini dove consumare il pranzo ed una serie di bar per il caffè napoletano doc.

L’esercito dei lavoratori sfrutta l’ora d’aria: un fiume di persone che si sposta tra le isole per la migrazione intelligente, sgranchirsi le gambe, un incontro inatteso con un vecchio amico («lavori anche tu qui?»), chi tenta la fortuna al superenalotto e poi tutti insieme negli uffici di pertinenza.

Alle prime ore del pomeriggio, i soliti viali tornano deserti.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Ricordi futuri

Consumo la pausa passeggiando con le mani nel giubbotto.
A marzo l’inverno presenta il conto: folate di vento gelido tagliano il viso come rasoi, il cielo nuvoloso promette tempesta.

Un profumo familiare interrompe gli ultimi pensieri.

Proviene dal bar adiacente.
Mi volto, attirato da un ricordo magico.
Torno bambino, all’Edenlandia, mentre assaporo la graffa e lo zucchero lava il viso innocente.

Le vedo: graffe ancora fumanti.
Sorrido.

Guardo i grattacieli del Centro Direzionale.
Sono davvero alti come appaiono?
Forse.

Dipende da come li guardiamo.
Come il nostro futuro.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti

Previous

«Operazione Penelope», di Raffaele Cantone (recensione)

Next

Quattro amici al bar

2 Comments

  1. Gianluigi

    Riesco a figurarmi lo scenario e le sensazioni… Grazie Mario, era un pó che non passavo a leggerti, ora ti ho aggiunto alla mia lista di RSS (composta quasi esclusivamente di blog tecnici) così non mi perderó nessuno dei tuoi scritti! 😉

    A proposito, la sensazione di miniaturizzazione delle cose, io l’ho avvertita con le merendine! Da bambino con una Girella superavo agilmente la pausa merenda, ora ce ne vorrebbero almeno 3! Ricomprandole per mia figlia la prima cosa che ho pensato è stata : “le aziende fanno di tutto pur di risparmiare, addirittura riducono l’impasto!” :-)) Poi i miei neuroni (2) hanno smesso di giocare a nascondino e dalla sinapsi è venuto fuori che (forse) ero cresciuto io… :-))

    • Mario Monfrecola

      AHAHAH
      divertente l’esempio delle merendine!
      però non esagerare: da “grande”, la girella non ti fa proprio bene 🙂

      Linea alla pubblicità:
      se vuoi, puoi iscriverti alla newsletter oppure scaricare l’app di faCCebook
      inoltre, ti ricordo la fanpage 🙂

      grazie ed a presto
      Mario

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »