San Gennaro, moderno James Dean

Giovane, scaltro, seducente.
Più che un uomo di chiesa, il murales in un vicolo di via Duomo rappresenta San Gennaro come un moderno James Dean.

Ed al sottoscritto, quel quadro disegnato lungo la parete di un palazzo nel centro storico di Napoli, piace (e anche molto).

Il murales di San Gennaro, vicino al Duomo di Napoli

A due passi dal Duomo

L’immagine del Santo lontana dagli stereotipi del religioso attira l’attenzione dei passanti.

Siamo a due passi dal Duomo – dove sono conservate le ossa del patrono ed avviene il miracolo due volte l’anno – quartiere popolare ricco di chiese, cultura e colori.

A pochi metri, in un piccolo spazio ricavato tra due strade, dei ragazzi giocano un’interminabile partita di calcio.
Le porte, il centrocampo e le linee esistono solo nell’immaginario di questi calciatori in erba, svegli quanto basta per sopravvivere ai tanti «mostri» metropolitani.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Un anfratto d’arte

Le difficoltà di un ciclista metropolitano sono innumerevoli, non c’è dubbio.
Vivere la città in bici, però, tra una pedalata ed un mancato pericolo, permette la scoperta improvvisa di piccoli gioielli d’arte.

Rallento, accosto al marciapiede, tolgo il casco, stacco la mascherina antismog, sospiro.
Osservo con calma il contesto: mille contrasti in un anfratto di città.
Pazzesco.
Prendo lo smartphone e sorrido.
E’ lui, il murales di San Gennaro.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti

Google+ Comments