faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Evernote, per non stressarsi con le password (dimenticate)

L’amnesia post ferie

Dopo il lungo sonno estivo, al primo bip il computer dell’ufficio chiede impassibile la password.

Nessuna pietà per un lavoratore al rientro.
Assente da tre settimane, il reset vacanziero di agosto cancella riti da impiegato e memoria d’ordinanza.

Davanti al monitor, altri rientranti protestano: ancora con la testa in spiaggia, dopo vari tentativi e relativi fallimenti, restano con lo stupore scolpito sul volto e le mani immobili sulla tastiera.
Account bloccato – la medesima espressione sbigottita di fronte al bancomat che si mangia la carta dopo i tre errori del PIN.

Per il sottoscritto, nessun dramma.
Apro il taccuino, leggo la nota.
Addio amnesie: le password dell’ufficio sono scritte, classificate per argomento, pronte alla consultazione.

Ovvio?
Guardandomi in giro, direi proprio di no.

Evernote, per non restar fregati dalle password dimenticate

Evernote, taccuini e note

Un gruppo di taccuini da portare ovunque.
In ogni taccuino, le mille note ordinate e comode da consultare.

Dal computer, con lo smartphone e dal tablet, i cento taccuini ed i mille appunti di Evernote sempre a portata di clic.

Il funzionamento dell’app è intuitiva perché rispecchia la medesima organizzazione della vita reale con l’indubbio vantaggio della dematerializzazione dei taccuini e la facilità di consultazione delle note.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Tecnologia semplice, tecnologia amica

Prendere appunti, scrivere un post-it, memorizzare le password, ritagliare un pezzo di carta da conservare sono gesti comuni.

Le stesse azioni eseguite con lo smartphone finiscono in Evernote – l’app con la memoria d’elefante – che registra sul cloud taccuini e note.

Elementare Watson?
Forse sì o forse no.

Banale?
Come diciamo dalle nostre parti:

dopo la soluzione tutti i ciucci sono maestri

Registrate il consiglio con un post-it.
Sarà necessario quando non ricorderete più la password per entrare in Evernote 🙂

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti

Previous

Mondragone, cittadinanza onoraria al grattacielo-ecomostro

Next

Il murales di Materdei, l’arte contro il degrado

2 Comments

  1. Gianluigi

    Ciao Mario, ma ti fidi sul serio a memorizzare tutte le password sul cloud?
    Vabbè… Da paranoico non posso che consigliarti un sistema diverso, Keepass (http://keepass.info).
    Spero anch’io di scordarmi la password, è un segnale positivo, vuol dire staccare la spina dal lavoro con successo! 😉
    Un caro saluto,
    Gianluigi

    • Mario Monfrecola

      Ciao Gianluigi,
      non mi fido nemmeno della mia ombra figuriamoci di una nuvoletta bucherellata.
      Però utilizzo Evernote e cloud con opportuni accorgimenti.
      D’altronde, gli strumenti sono utili tocca a noi usarli con la dovuta prudenza ed intelligenza.
      E poi – lo sai meglio di me – la sicurezza informatica è un problema atavico al pari dei dati sensibili.
      Raggiungiamo un giusto compromesso, o no?

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »