faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Processo Cuocolo ed il Capitano Fabroni, l’uomo che annientò la camorra (1912)

1912, la fine della camorra

Nel 1912 la camorra viene annientata.
Napoli liberata dalla Bella Società Riformata, la setta di delinquenti che, con la violenza e continui soprusi, per quattro secoli tiene in ostaggio la città.

La Bella Società Riformata nasce ufficialmente nel 1820 (cioè, si dota di statuto e gerarchia ufficiale) ma opera sul territorio napoletano dal lontano 1500.
I membri di tale organizzazione criminale sono appunto i camorristi e dalle sue ceneri (ri)nascerà poi il «mostro» come lo conosciamo oggi.

La cancellazione della Bella Società Riformata non implica la fine della criminalità nel napoletano ma occorrerà attendere l’ascesa di Raffele Cutulo e gli anni settanta per parlare nuovamente di «organizzazione».

Il punto saliente, comunque, resta: agli inizi del 1900, lo Stato cancella la camorra da Napoli.

La notizia – per il sottoscritto – rappresenta una novità assoluta.

Processo Cuocolo (1911): grazie al capitano dei Carabinieri Carlo Fabroni, la camorra viene debellata da Napoli

Carlo Fabroni ed il Processo Cuocolo

L’evento fu possibile grazie al coraggio e l’intraprendenza dei Carabinieri comandati dal capitano Carlo Fabroni (o Fabbroni).

Anche il sito del Ministero della Difesa celebra IL MERITO DEL CAPITANO FABBRONI con un articolo del 1911.

Durante il discusso Processo Cuocolo (1911) – un moderno maxiprocesso – grazie alle confessioni di Gennaro Abbatemaggio,  il primo pentito di camorra, vennero inflitte condanne per 400 anni smantellando, di fatto, l’organizzazione criminale napoletana.

Il processo Cuocolo: la fine della camorra (1911)

Processo Cuocolo, a scuola? Mai sentito

La fine della camorra: un evento di tale portata nascosta tra le righe della Storia.

Da quanto ricordo, a scuola il processo Cuocolo non venne mai menzionato.
Del Capitano Carlo Fabroni nessuna traccia, mai una citazione della professoressa di Italiano, una istituto scolastico a lui dedicato oppure un convegno per approfondire quegli avvenimenti.

Eppure – nonostante gli errori giudiziari, il ritardo dello Stato intervenuto solo su pressante richiesta della nobiltà napoletana minacciata dall’ascesa dei camorristi – il capitano Carlo Fabroni doverebbe essere considerato un eroe, al pari di Garibaldi.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Storia della camorra, di Vittorio Paliotti

Basta cercare in Rete «processo cuocolo» per comprendere l’importanza (anche mediatica) di quel dibattimento.
Perché i media non ricordano il processo Cuocolo?
Perché il capitano Carlo Fabroni resta un perfetto sconosciuto?

La Storia è maestra: ciò che è accaduto più di cento anni fa può essere di insegnamento per oggi.
La camorra – se lo Stato vuole – può essere nuovamente sconfitta.

Il sottoscritto ringrazia Vittorio Paliotti (scrittore e giornalista), l’autore dell’interessantissimo Storia della camorra.
Un libro da leggere assolutamente.
Meglio se a scuola.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti

Previous

faCCebook reloaded 2016, un anno di «mostri»

Next

Dove il Mare Luccica [Domande perBeni]

1 Comment

  1. Mario Monfrecola

    ho inviato un tweet a Roberto Saviano: sarebbe meraviglioso se parlasse del Processo Cuocolo in televisione, magari in prima serata.
    Il grande pubblico accetterebbe l’idea: la camorra può essere sconfitta!

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »