La richiesta della Sirena

“Ciao, da oltre un mese ho una relazione con una Sirena.
Da qualche settimana abbiamo dei problemi, lei vuole farmi conoscere i suoi genitori, ma io non so nuotare”
Ulisse88

La sirena, di Antonio P. Beni

Antonio P. Beni risponde

Caro Lettore,
sono stato mezzo mozzo sul Nautilus col Capitan Nemo e ho avuto una storia con una Sirena di nome Antefatta.

Il nostro amore era puro e cristallino come le acque del Pacifico.
Era bellissima con le sue lunghe trecce bionde, i suoi occhi verdi e la sua pinna gialla.

Antefatta amava lanciare il bastone ai pescecani, fare gavettoni e cantare.
La sua voce soave mi faceva dormire sogni tranquilli, ero felice.

Un giorno però Antefatta scoprì che con il Capitan Nemo mangiavo i bastoncini Findus.
Rimase inorridita da quella scena, ancora oggi ricordo i suoi occhi rossi e le sue branchie fissarmi con disprezzo.

Sua madre era stata presa per errore con la rete a strascico e inserita nella catena alimentare con una panatura croccante.

Due giorni dopo mi lasciò per mettersi con un merluzzo ed io rimasi come un baccalà.

Caro Ulisse, il consiglio che posso darti è di accontentare la tua sirena in tutto.

Se non sai nuotare, devi imparare.
Ci sono corsi per gente come te in ogni piscina comunale e non preoccuparti della pressione dell’acqua sotto i 100 metri, basta non pensarci.

Ricorda però di non commettere uno dei seguenti errori, perché il mare è grande e i pesci che possono portarti via la tua sirena sono tanti.

  1. Non lamentarti se le pinne sono fredde.
    Alle sirene piace se sotto le coperte gli scaldi le pinne
  2. Non mangiare i bastoncini findus.
    Le sirene mangiano pesce, ma non sopportano che sia panato, in ogni famiglia di mezzi pesci almeno un componente è stato catturato ed impanato.
  3. Non ordinare al ristorante la Pizza Mare-Monti.
    La tua sirena potrebbe pensare che sei fedifrago.
  4. Ricorda che alle sirene non piace la pasta asciutta.
    Tutto deve essere umido.
  5. Non regalare perle, per loro è la pupu dell’ostrica.

Fammi sapere com’è andata la cena con i suoceri e se dovessi incontrare Antefatta, dille che da allora non impano neppure la cotoletta alla milanese.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Chi è Antonio P. Beni, esperto in aMORE

Scrivi ad Antonio P. Beni





Acquista l’ebook di Antonio P, Beni!

Le cose degli Altri è anche cartaceo


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti

Google+ Comments