Vesuvio, a 1167 metri sopra il livello del mare

La guida indica una linea rettilinea – i binari del treno – poi una macchia verde.
Subito dopo, gli scavi di Pompei.
La giornata è limpida, distinguo chiaramente la sagoma di Capri distesa sul mare blu.
Lo sguardo si sposta verso il litorale flegreo: Capo Miseno e Procida, sono proprio loro!

Da 1167 sopra il livello del mare, il golfo di Napoli, nella sua magnificenza, è un quadro perfetto impossibile da descrivere per il sottoscritto, principiante della penna,

Armato di videocamera, registro.
Con la speranza di catturare la «bellezza» nell’hard disk della handycam.

Vesuvio, 1167 metri sopra il livello del mare

Consigli pratici (ed uno speciale)

Giunti alla biglietteria, per salire sul cratere, occorre passeggiare per quasi un’ora.
Difficoltà particolari non ce ne sono.

Occorre, però, seguire alcuni consigli pratici:

  • il biglietto costa 10€ (al momento in cui scrivo)
  • dopo la biglietteria, non sono presenti servizi igienici (e nemmeno in vetta)
  • lungo il sentiero, sono previste panchine per riposare
  • meglio indossare scarpe comode e cappellino con visiera
  • zaino in spalla con acqua
  • la passeggiata è percorribile da adulti e bambini ma necessita comunque di un minimo di allenamento
  • giunti sul cratere, ogni trenta minuti, partono le visite guidate in tutte le lingue (visite incluse nel biglietto)
  • un binocolo può risultare molto utile

Per rendere la visita speciale, il sottoscritto consiglia di estrarre dallo zaino l’ottimo panino (preparato prima perché sul cratere non si vendono) e gustarsi la pausa pranzo con vista mozzafiato.

Dopotutto, mangiare un panino a 1167 metri di altezza, alle spalle di un cratere di un vulcano, dinanzi ad una distesa di mare blu, non capita tutti i giorni 🙂

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Vesuvio, il videoclip di due minuti


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti