L’agonia della fontana del CDN

Dopo quattro anni, la fontana malata del Centro Direzionale di Napoli, è ancora a secco.

Nonostante la promessa dal Sindaco De Magistris alla domanda diretta posta dal sottoscritto nell’incontro a Palazzo San Giacomo con i cittadini.
E’ l’ottobre 2016, il Sindaco annuncia una rivoluzione per l’intero Centro Direzionale.

Le stagioni si alternano, Trump diviene il 45º Presidente degli Stati Uniti, Sarri passa alla Juventus … insomma, mentre il mondo continua la sua folle corsa, la fontana malata resta congelata, con la vasca asciutta e il rubinetto chiuso.

Il totem ricorda una statua abbandonata, corrosa dal tempo, minacciata dalle intemperie, vandalizzata dall’incuria.
Un monumento lasciato al suo triste destino, distante dall’immagine di gioia che esprime lo spruzzo d’acqua di una fontana pubblica.

Fontana malata al Centro Direzionale di Napoli: 4 anni dopo

Tra immobilismo e burocrazia

Da quattro anni, nemmeno una goccia d’acqua.
Anzi, la fontana malata diviene una pattumiera a cielo aperto o – nel migliore dei casi – una giostra utilizzata per il girotondo dai bambini del quartiere.

Questo totale disinteresse è la somma dei colpi sferrati da due dei peggiori «mostri» in circolazione: l’immobilismo e la burocrazia.

Un labirinto di regole, commissioni, cavilli dai quali è impossibile uscire.
Un insieme di forze negative che annullano qualsiasi possibilità di azione.
Rinvii, tavoli di lavoro virtuali, incontri tra le parti, una marea di carte, timbri mancanti e pratiche smarrite: immagino la palude nella quale i tecnici ed i funzionari del Comune si muovono e nella quale annegano.

La domanda resta in orbita: a chi tocca intervenire?

Fontana malata al Centro Direzionale di Napoli: 4 anni dopo

Lo stop: da GE.SE.CE.DI a Napoli Servizi

La cronaca racconta: lo stop dello zampillo avviene quando la gestione passa dalla società privata GE.SE.CE.DI alla partecipata del Comune, la Napoli Servizi.
Cioè, esattamente quattro anni fa.

A partire dal mese di novembre 2015 il Comune di Napoli prenderà in carico la gestione delle aree pubbliche e delle aree private ad uso pubblico poste a livello pedonale (Piano Zero) e delle opere infrastrutturali di sua proprietà del Centro Direzionale per il tramite delle sue partecipate ASIA e NAPOLI SERVIZI
(fonte:sito del Comune di Napoli)

Questo è il dato di fatto, privo di inutili pregiudizi o qualsivoglia ideologia politica.

Si dirà: è solo una fontana.
Al contrario, l’iter che prima spegne o poi non riattiva la fontana è l’esempio eclatante di burocrazia perversa, quei processi assurdi, incomprensibili per un cittadino, capaci di ingessare una nazione intera.

E, dopo quattro anni, non è più un’opinione confutabile.
E’ una sentenza.

Fontana malata al Centro Direzionale di Napoli: 4 anni dopo


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti