Quella assurda alleanza tra americani e mafia

In guerra per amore il film di Pif del 2016, mostra lo sbarco degli americani nel 1943 in Sicilia, da un altro punto di vista.

Dietro una lunga vicenda d’amore, con quell’intelligenza soft che lo caratterizza, Pif denuncia una verità oramai certificata ma ancora ignorata nei libri di Storia.
Una verità scomoda: lo sbarco dei soldati americani in Sicilia avviene con il sostegno della mafia.
Il conto è presto pagato: gli alleati scarcerano i mafiosi e molti boss sono nominati, d’ufficio, sindaci e prefetti.

Sintomatica una scena del film: siamo nel 1943 in un piccolo paesino siciliano.
Un gruppo di militari US NAVY bussa alla porta di un mafioso.
Questi apre e, sorpreso, attende l’inevitabile arresto.
Il soldato, invece, legge un documento ufficiale: «in nome delle forze armate alleate, accetta l’incarico di Sindaco?».
«E certo» …

In guerra per amore: Pif riscrive i libri di scuola [RECENSIONE]

In guerra per amore: il primo selfie

In guerra per amore non è un documentario, è un film divertente.
Ad esempio, geniale la gag con Pif che, in modo inatteso, utilizza la macchina fotografica come un moderno smartphone e, nel lontano 1943, scatta un selfie con la fidanzata!

Tra l’ilarità e la riflessione, la pellicola colpisce un doloroso nervo scoperto: la Storia ufficiale, come la conosciamo oggi, risulta incompleta.

Perché se la mafia, il «mostro» dai mille tentacoli, è tutt’oggi viva e presente dentro le Istituzioni, un motivo c’è.
E va ricercato nel nostro passato.

E allora, perché la scuola, il luogo dove formiamo le coscienze e forgiamo i futuri adulti, racconta vicende parziali?
Perché, sui libri istituzionali, il corso degli eventi è narrato con faziosità?
A chi conviene, nel ventunesimo secolo, censurare i reali avvenimenti?

A Pif il merito di aver portato, all’attenzione del grande pubblico, questi segreti inconfessabili.

Sempre strappando un sorriso.
Purtroppo, amaro.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

In guerra per amore, il trailer


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Commenta via facebook

Commenti