faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: barzelletta

La raggelante classifica dei (tre) «mostri» top del 2018

Classifica 2018: i tre «mostri» top

  1. Come scegliere (e quando cambiare) la foto del profilo
  2. Mondragone, cittadinanza onoraria al grattacielo-ecomostro
  3. facebook, la barzelletta

I suddetti articoli sono i post più letti su faCCebook.eu nel 2018.
E chiariamo subito un punto: non ne sono orgoglioso.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Primo classificato: la foto del profilo

Quando cambiare e come scegliere l’immagine che ci rappresenta sui social, negli ultimi dodici mesi, distanzia tutti gli altri «mostri» di forma, colore e razze diverse e sale sul gradino più alto del podio.

Come scegliere (e quando cambiare) la foto del profilo dunque, trionfa e – leggendo meglio i numeri – doppia articoli ben più interessanti e profondi.
Questo aspetto proprio non mi piace.

A conferma che sul web la leggerezza premia, facebook, la barzelletta – post breve e divertente – occupa la terza posizione. 
Risultato, per il sottoscritto, raccapricciante.

Mario Monfrecola, ieri ed oggi: primo nella classifica dei post più letti nel 2018

Per fortuna c’è l’ecomostro di Mondragone

La consolazione giunge da un tema a me caro: la difesa dell’ambiente.

L’ironico articolo Mondragone, cittadinanza onoraria al grattacielo-ecomostro risulta il secondo più letto nel 2018, non distante dal vertice.

Contrastare il degrado (morale e non) puntando sulla bellezza ed il rispetto del territorio, è un concetto che ripresenterò nel nuovo anno.

Il grattacielo abbandonato di Mondragone, secondo in classifica tra i post più letti nel 2018

2019, si parte!

Del futuro non vi è certezza, non vi è dubbio.
Eppure una certezza esiste: anche il 2019 sarà un anno di «mostri».

Ma, attenzione: non necessariamente i «mostri» rappresentano esseri o eventi negativi.
Come la suddetta classifica dimostra, i temi affrontati sono di diversa natura, razza e colore.

Dunque, nel 2019 su faCCebook.eu troverete sempre storie di «mostri».
I «mostri» sono ovunque.
Perché sono dentro di noi.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Freddura: l’uomo senza bussola

La freddura, umorismo fulminante

Amo le freddure: un battito di ciglio per strappare un sorriso.
A volte amaro.

La velocità con la quale colpisce, sbalordisce l’ascoltatore.
Dopo l’attimo di percezione della barzelletta-lampo, il cervello innesca il meccanismo: prima sorridi e poi rifletti.

La freddura, senso dell'umorismo fulminante

La mia creazione

Creare una freddura non è semplice.
Con poche parole, devi essere divertente, tagliente, immediato.

Il gioco è stimolante, provate.
A voi, amici Lettori, la mia ultima freddura dalle mille, profonde riflessioni.

L’uomo perse la bussola.
Peccato fosse un marinaio.
Da allora, non ritrovò mai più l’equilibrio

(Mario Monfrecola)

Una freddura per ogni occasione

Dopo l’ennesimo tentativo, il problema non è ancora risolto.
Meditiamo ma la soluzione è lontana.

Occorre sdrammatizzare, un attimo di pausa per riprender fiato e continuare.
Ecco la freddura da utilizzare:

I conti non tornano.
Come disse il maggiordomo

La mia preferita

Tra le tante, la preferita del sottoscritto, resta l’evergreen:

“Dottore, quando parlo nessuno mi ascolta.”
E il dottore: “Avanti un altro”

Perché denuncia un aspetto dilagante: parliamo, parliamo, parliamo ma non ascoltiamo.

Ognuno desidera sfogarsi, raccontare, essere al centro dell’attenzione, essere compreso e consolato.
Ma quanti sono disposti a fare altrettanto?

Perlopiù vige l’egocentrismo galoppante.

A proposito, di uomini con la bussola, io ne conosco davvero pochi.
Forse nessuno.
E tu?

PS: il sottoscritto, oltre a creare freddure, è un ottimo ascoltatore.
       Mettimi alla prova 🙂 


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

facebook, la barzelletta

Le amicizie su facebook?

Le amicizie su facebook, una bzrzeletta per riflettere

La barzelletta (o la riflessione?)

Ieri trovo un amico che mi dice:

Siccome non ho Facebook, provo a farmi degli amici al di fuori del vero Facebook, applicando gli stessi principi.
Allora tutti i giorni io scendo in strada e spiego ai passanti che cosa ho mangiato, come mi sento, cosa ho fatto la sera prima, quello che sto per fare, quello che farò domani, gli do delle foto di mia moglie, dei miei bambini, del cane che ho avuto, di me che sto lavando la macchina e di mia moglie che sta cucendo.
Ascolto anche le conversazioni della gente e gli dico “mi piace!”

E sta funzionando!

Attualmente ho già 5 persone che mi seguono: due poliziotti, uno psichiatra, un psicologo e un infermiere.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

La barzelletta viaggia via Whatsapp

Il buon umore è contagioso

Il mio amico Alessandro è specializzato in freddure.
Il burlone, ogni settimana, via Whatsapp mi invia una nuova barzelletta.

Ecco l’ultima.
Divertentissima vero?

La barzelletta viaggia via Whatsapp

All’origine era il «Bar Mario»

Quando il web era una galassia di siti statici disegnati con Fronte Page, le gag viaggiavano perlopiù via e-mail.

I primi mattacchioni delle mailing list inviavano freddure e barzellette come semplici messaggi di testo a centinaia di destinatari (consapevoli e non).

Già allora – ma quanto tempo è trascorso? – io, «esperto del settore», utilizzavo il gruppo Yahoo! per restare in contatto con gli amici.
Il Bar Mario fu l’antesignano dei moderni social network, troppo avanti per essere compreso fino in fondo lo chiusi all’apice del successo (un numero esorbitante di iscritti e lo spam si impadronì del locale).

La barzelletta? Da condividere!

La notifica verde attende di essere letta.
Pigio col pollicione sullo schermo dello smartphone, leggo il nuovo messaggio di Alessandro.

E’ l’ennesima battutaccia via Whatsapp.
Rido.
Troppo demenziale per restare isolata sul mio cellulare.
Devo condividerla subito con i miei amici.

Col sorriso ancora stampato sul viso, in modo istintivo, inoltro l’immagine al gruppo WhatsApp della piscina.
In un secondo, la barzelletta raggiunge più di cento persone che, a loro volta senza pensarci troppo, rideranno e spingeranno la battuta verso altri innumerevoli contatti.

Perché l’emotività è il vero motore della condivisione ed il buon umore è contagioso.
Come una barzelletta via WhatsApp, appunto 🙂

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Nuova barzelletta sui napoletani: divertente o razzista?

La barzelletta

Un milanese, un romano e un napoletano avevano fatto domanda per diventare agenti della CIA ed avevano già superato diverse difficili prove attitudinali per questo lavoro.
Per la prova finale di obbedienza agli ordini, un agente della CIA portò il milanese davanti ad una grande porta di metallo e gli mise una pistola in mano.
“Dobbiamo essere sicuri che tu esegua le nostre istruzioni in qualunque circostanza. All’interno della stanza troverai tua moglie seduta su una sedia. Uccidila!”
Il milanese disse: “Non starai mica parlando seriamente, io non potrei mai sparare a mia moglie.”
L’agente: “Allora tu non sei l’uomo giusto per questo lavoro. Prenditi tua moglie e vattene a casa.”
Al romano dettero le stesse istruzioni.
L’uomo prese la pistola ed entrò nella stanza. Tutto restò calmo per circa 5 minuti, poi l’uomo uscì dalla stanza in lacrime, “Ci ho provato, ma non posso uccidere mia moglie!”
L’agente: “Tu non hai le qualità che cerchiamo…prenditi tua moglie e vattene a casa.”
Per finire, toccò al napoletano. Gli diedero le stesse istruzioni, lui prese la pistola ed entrò nella stanza. Si udirono diversi colpi provenire dalla stanza, uno dopo l’altro. Si sentirono urla, rumore di mobili rotti, si sentì battere sulle pareti.
Dopo alcuni minuti tutto fu calmo.
La porta si aprì lentamente e si vide il napoletano apparire sulla soglia.
Si asciugò il sudore dalla fronte aggiustandosi i vestiti laceri e disse:
” Uanm, mi avete dato una pistola caricata a salve!  L’agg avut accirr a siggiat!”

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

La risata amara

La battuta («wow, mi avete dato una pistola caricata a salve!  L’ho dovuta uccidere colpendola con la sedia!»), dopo aver strappato un’istintiva risata, nel mio cervello azzurro lascia un retrogusto amaro.

Le barzellette sui napoletani divertono per la presunta diversità e furbizia del popolo partenopeo mentre questa storiella lo ridicolizza riducendolo ad un primitivo, un essere troglodita, violento. maschilista, un rozzo automa privo di capacità critica.

A me (e Sofia) la barzelletta non è piaciuta affatto, e a voi?
«Mostro» chi ride 🙁

La nuova barzelletta sui napoletani: è davvero divertente o discriminatoria?


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

La Legge di Precarietà

Il senso dell’umorismo (nero)

Se non fosse una questione tragica, potrei anche sorridere.
Invece, le decisioni del Governo riguardano noi cittadini e dunque i paradossi politici più che ilarità mi destano preoccupazione.

Devo anche riconoscere, comunque, ai nostri uomini di Stato un sottile senso dell’umorismo, un’ironia subliminale, un humor nero conseguenza delle situazioni kafkiane di cui è vittima il Bel paese.

Perché ogni questione, anche la più semplice, se inserita in un sistema dominato dall’anarchia – per un conseguente effetto domino – diviene una matassa senza né capo né coda impossibile da sbrogliare.

L’ispirazione di questa amara riflessione nasce dal nome utilizzato per la madre di tutte le leggi, la maestosa «Legge di Stabilità».

La legge di stabilita ed il paradosso politico

Definizione di stabilità

Lascio agli esperti la discussione sul contenuto, io mi limito ad osservare la ridicolaggine del nome.
Dal dizionario giunge la delucidazione sul significato di stabilità:

che permane nel tempo, che non subisce variazioni SIN durevole, costante, definitivo.

Ebbene, cosa c’è di stabile oggi in Italia?
Ovviamente nulla.
Il prossimo futuro si prevede forse stabile?
Ovviamente no.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

PD + PDL

Se, infine, penso ai due maggiori partiti che costituiscono il Governo la zuppa è completa.

Il PDL spaccato tra falchi e colombe, i giorni pari minaccia di far cadere l’esecutivo (cioè se stesso) ed intimorisce i suoi ministri mentre i giorni dispari litiga con gli alleati delle “larghe intese” e denigra la magistratura, cioè parte dello Stato. 

Il PD, d’altronde, è costantemente diviso su ogni questione etica (e non), lacerato dalle faide interne non esprime nessuna idea innovativa, snella, veloce, moderna. Un gruppo dirigenziale preistorico, l’icona della burocrazia in attesa perenne di un vero leader, evento miracoloso senza una fine certa.

Due partiti nei quali la provvisorietà è all’ordine del giorno sono chiamati a promulgare la «Legge di Stabilità», una barzelletta migliore non la poteva immaginare nemmeno il compianto Totò.

Dunque, per non burlare la nazione, prima di un qualsiasi sciopero, critica e divisione sulle norme previste invito i sindacati e le parti sociali ad essere uniti sulla mia proposta: cambiamo il nome del decreto, dal beffardo «Legge di Stabilità» in un più realistico e serio «Legge di Precarietà».


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »