faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: betime

Museo Campano di Capua a rischio chiusura? [VIDEO]

Al Museo Campano di Capua con Pulcinella

Davvero lo storico Museo Campano di Capua rischia la chiusura?
L’allarme lanciato delle guide è surreale.

Un luogo che conserva la collezione delle “Madri” – statue millenarie raffiguranti le donne con la prole – meriterebbe ben altre prospettive.
Invece, in questa prima mattina di marzo, con l’ingresso gratuito e la visita teatralizzata organizzata dall’Associazione Damusa aps, il museo non è (purtroppo) tutto esaurito.

In visita al Museo Campano di Capua con BeTime

Quella strana sensazione di solitudine

Mi sarei atteso il pienone.
Purtroppo constato che il nostro gruppo – BeTime, l’Università del tempo libero più Damusa – attraversa le sale senza incrociare altre comitive di turisti.

Ascolto Pulcinella-guida spiegare i quadri dell’800 e le monete coniate a Capua – unica città dell’impero romano ad avere una propria moneta – e registro uno strano turbamento: la location è magnifica ma trasmette una sensazione di solitudine.

La passeggiata tra la Storia risulta vivace grazie alle spiegazioni degli attori-guide ma trovo l’ambiente austero.
Freddo.
Il freddo percepito in quelle case che, da troppo tempo, non vedono la luce.

Vorrei aprire le grandi finestre del museo, far entrare il calore del sole e la freschezza dell’aria.
Cancellare l’umidità con le risate dei bambini alle battute di Pulcinella.
Colorare le pareti per trasformare il museo in un luogo vivo.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Il (mio) video per BeTime

La visita termina tra gli applausi.
Grazie al lavoro delle associazioni, per due ore il Museo Campano di Capua torna a risplendere di entusiasmo, curiosità, stupore, gioia.

Non credo rischi davvero la chiusura.
Sicuramente, però, il Museo vige in uno stato di immeritata sottovalutazione.


 


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter


 

La dura vita del cameraman: dietro le quinte del convegno «Salute e benessere» [VIDEO]

Io, cameraman per passione

A volte mi regalo un cameo, è raro ma succede.
Accade quando l’evento mi coinvolge.
Perlopiù resto dietro la videocamera, nascosto dai flash e dalle condivisioni social.

Non amo le luci della ribalta.
Amo, invece, riprendere gli altri e renderli attori protagonisti.

Registro le scene di un film personale, immagini accompagnate dalla giusta colonna sonora, da rivedere dopo qualche tempo col sorriso sulle labbra.

Rivedere non per nostalgia.
Rivedere per riprovare quel sano sentimento che ti fa pensare: «però, sono riuscito nell’impresa».

La dura vita del cameraman: dietro le quinte del convegno «Salute e benessere»

Al convegno BeTime sull’alimentazione

Il convegno La prima prevenzione è a tavola organizzato da BeTime, l’Università del tempo libero, merita la dovuta attenzione.

Dunque, accetto con piacere l’invito.
Armato di videocamera, riprendo gli esperti, registro le riflessioni della platea.

Un dibattito su alimentazione e salute.
Argomenti interessanti, la serata è ben spesa.

Il cameraman, il regista ed il montatore

La sera, a casa, scarico i filmati sul computer.
Con calma, rivedo ogni ripresa.
Come sempre, non sono pienamente soddisfatto del lavoro.
E’ sfuggito quel fotogramma, una scena risulta mossa, manca una frase che avrei voluto inserire.

Il regista che vive dentro di me, è sempre molto critico con il cameraman.

Inizio il montaggio.
Elimino le scene morte, taglio gli interventi lunghi, cerco di dare spazio ai presenti.
Nel film, ognuno merita una parte.
Infine, scelgo la colonna sonora – elemento fondamentale per il successo del video.

Dopo un paio di ore, creo un videoclip di due minuti.
Per il sottoscritto, la giusta durata per mostrare tutto senza annoiare lo spettatore.

A voi il risultato. 


 


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

San Leucio: l’arte della seta, i colori della sfilata storica ed il magnifico belvedere [FOTO]

A San Leucio con BeTime

Il belvedere è il primo, magnifico colpo.

Con la domenica limpida, Capri è ben visibile all’orizzonte.
A pochi passi dalla stupefacente terrazza di San Leucio, scorgo l’imponente Reggia di Caserta.
Alle spalle, il Vesuvio domina – come sempre – la scena.

Aderisco all’evento organizzato da BeTime, l’Università del tempo libero: siamo al Complesso Monumentale di San Leucio pronti a visitare il setificio più famoso al mondo ed ammirare la sfilata storica, una festa che si tiene (ogni anno) a giugno.

a San Leucio con BeTIme

Lo statuto di Ferdinandopoli

Il paesaggio alle mie spalle è una tavolozza di colori.
Chiedo ad un amico di immortalare il momento: prevale l’azzurro, forse i Borboni tifavano Napoli?

All’interno del museo dedicato alla seta, difronte all’ingegno dei macchinari e alla precisione della lavorazione, resto sbigottito.

La guida ci spiega, con minuzia di particolari, perché la seta di San Leucio è presente nei palazzi del potere più importanti al mondo: dalla Casa Bianca a Buckingham Palace!

E poi, le innovazioni introdotte dallo Statuto di San Leucio (o Codice leuciano) di Ferdinando IV di Borbone: l’istruzione scolastica per ragazzi e ragazze, la formazione lavorativa, la specializzazione nel settore della seta, la parità di trattamento economico uomo/donna, la sanità garantita per tutti, una casa assegnata ad ogni operaio, la possibilità di accedere a sussidi sociali …

Leggi presenti a San Leucio, il piccolo borgo in provincia di Caserta … nel 1700!
(basta cercare in Rete per confermare o smentire le affermazioni della guida)

A San Leucio, i macchinari per produrre la seta

La galleria fotografrica

La bellezza del luogo resta negli occhi dei visitatori, rapiti dai colori della sfilata storica e dai balli ottocenteschi organizzati per la serata (del 24 giugno).

A voi le foto per spronarvi a visitare un luogo dalla storia unica.
Forse irripetibile?


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Francolise e Valogno: due storie speciali da conoscere [VIDEO]

Fracolise e Valogno, esempi di coraggio

Francolise e Valogno sono due granelli di sabbia sulla cartina della Campania.
Ma, le due micro-realtà in provincia di Caserta, raccontano storie speciali.

Che vale la pena conoscere.

Perché questi piccoli centri, grazie alla determinazione di alcune persone, rappresentano un importante baluardo contro il degrado.

A Francolise, il Gruppo Archeologico Falerno-Caleno, richiede alle autorità competenti l’affidamento della villa romana di San Rocco.

Il Gruppo Archeologico Falerno Caleno, conduce una intensa attività di valorizzazione e fruizione della villa romana in località San Rocco (Francolise)

A Valogno, il prof. Giovanni Casale fa rinascere il borgo dimenticato tramite l’arte.

Il sottoscritto, alla villa romanda di Francolise, cerca i migliori punti per le riprese

Se ragionassimo al contrario?

Per comprendere l’importanza dei volontari di Francolise e del vulcanico professore di Valogno, ragiono al contrario: se non fossero intervenuti, questi due luoghi, oggi, cosa sarebbero?

L’incuria e l’indifferenza avrebbero mangiato i resti della magnifica villa romana di Francolise.
Il borgo di Valogno sarebbe disabitato e prossimo a divenire un paese fantasma.

Invece, con l’azione diretta di queste donne e uomini, a Francolise è possibile visitare gli importati scavi romani, a Valogno passeggiare per il borgo in compagnia degli ottantanove abitanti, osservare i quarantacinque murales che ornano il paese, partecipare al pranzo condiviso organizzato dalla signora Dora – la moglie del professore Giovanni.

I murales di Valogno

Francolise e Valogno, l’arte contro il degrado

L’arte contro il degrado, Francolise e Valogno confermano l’idea vincente: la cultura e l’esempio diretto sono le migliori armi per fermare il degrado (morale e non).

Il sottoscritto registra in tre minuti di videoclip l’entusiasmo dei volontari di Francolise e gli ideali del professore di Valogno.

Grazie a BeTime, l’Università del tempo libero, sono felice di aver scoperto due angoli nascosti della nostra Campania dove, i soliti «mostri», stavolta, sono stati respinti.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Il video


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Esercito di terracotta cinese, due motivi per visitare la mostra

1 La location

La Basilica dello Spirito Santo, nel centro storico di Napoli, è il luogo ideale per mostrare il mistero e le meraviglie dell’esercito di terracotta cinese.

Le luci soffuse, quell’aria fredda che si respira nelle chiese maestose, gli affreschi settecenteschi, i quadri della scuola napoletana, i volti impenetrabili dei soldati cinesi in difesa del mausoleo di Qin Shi Huang, il primo (sanguinario) imperatore della Cina.

La bellezza della nostra arte, il fascino orientale: un connubio perfetto.

Esercito di terracotta cinese, la visita del sottoscritto con BeTime

2 La denuncia 

La mostra, oltre all’interesse storico, ha un altro notevole merito: accendere i riflettori in una luogo ricco di opere ma che necessita di restauro.

Alzo lo sguardo e scruto delle macchie che minacciano parte della volta della Basilica.

Umidità?
Perdite d’acqua?
Non saprei.

Però, sono certo: la presenza dei soldati cinesi è una denuncia contro l’incuria del nostro patrimonio artistico.

L’importante mostra, sotto l’attenzione mediatica, può servire a sbloccare i meccanismi arrugginiti della burocrazia malata.
E avviare quella manutenzione necessaria per conservare la bellezza di questi luoghi.

L'esercito di terracotta cinese in mostra alla Basilica dello Spirito Santo di Napoli

Esercito di terracotta cinese, con BeTime

Visito la mostra con BeTime, l’Università del tempo libero.

La guida d’eccezione, il prof. arch. Massimo Rippa, ci svela i misteri che si celano dietro la costruzione del maestoso esercito – senza mai trascurare le opere della Basilica dello Spirito Santo.

Rapito dalle bellezze della chiesa, affascinato dalle parole del prof. Rippa, attratto dalle espressioni secolari scolpite sui volti dei soldati, dimentico di scattare foto e registrare video.

Ad immortalare la visita, ci penseranno gli scatti del bravo Raffaele D’Agostino, il fotografo ufficiale dell’evento BeTime.

A voi la la galleria fotografica (sul sito di BeTime).


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Quartieri spagnoli, oltre il pregiudizio (ma non troppo) [FOTO+VIDEO]

Quartieri spagnoli, tra arte e degrado

Le parole del Prof. Arch. Massimo Rippa illuminano i vicoli dei quartieri spagnoli.
Le storie, raccontate dalla nostra guida d’eccezione, sono saette luminose che squarciano il buio del degrado.

Almeno io così le immagino.

Mentre il gruppo passeggia per questa famigerata zona di Napoli, osservo l’alternanza continua tra cultura ed inciviltà, ricchezza ed incuria, arte ed abbandono.

Il tutto concentrato in pochi metri, nello stesso vicolo.

L'Iside, il murales dell'artista argentino Francisco Bosoletti ai quartieri spagnoli di Napoli

Come l’esperimento di fisica

L’evento organizzato da BeTime, l’Università del tempo libero al quale aderisco con convinzione, mi ricorda il famoso esperimento di fisica: poggiate la mano sinistra su una piastra fredda e la destra su una piastra bollente.
Il cervello, incapace di valutare nello stesso istante due sensazioni opposte, resta sbigottito ed agisce d’istinto.
Lo stupore fa scattare la veloce reazione: toglierete entrambe le mani dalle piastre.

La visita ai quartieri spagnoli suscita la medesima reazione: vado via con il dubbio, incapace di valutare con obiettività ciò che ho ascoltato/visto.

Mille sensazioni contrastanti in pochi minuti: bambini in sella ad uno scooter che sfrecciano nei vicoli, a pochi metri da quella che fu la casa di Giacomo Leopardi.

Pazzesco.

Il murales di Maradona ai quartieri spagnoli di Napoli

Uno dei mille paradossi di Napoli

Le parole scritte a caldo subito dopo la visita ai quartieri spagnoli ben rappresentano lo stato d’animo mentre mi reco alla vicina stazione della metropolitana di via Toledo.

Per comprendere il contesto dei quartieri spagnoli, occorrerebbe ascoltare le mille storie della guida.
Le immagini per raccontare un lato di Napoli ricco di contraddizioni.
Come tutta Napoli [VIDEO]

Quartieri spagnoli, il (mio) video

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Capodimonte di sera con BeTime, un granello di cultura per bloccare la routine [FOTO]

Il museo di Capodimonte di sera

Una serata al museo, la passeggiata nel weekend … i nostri eventi sono granellini di sabbia che inceppano il grande meccanismo della routine. La cultura per spezzare il monotono meccanismo casa-lavoro-casa […]

Il sottoscritto ed Osvaldo – segretario di BeTime, l’Università del tempo libero – concordano: desideriamo fermare il trita-tempo, occorre agire contro la routine che trasforma le nostre giornate in sbiadite fotocopie tutte uguali.

Aderire agli eventi organizzati dalla nostra associazione culturale, ci aiuta ad affrontare le settimane (lavorative) con maggior entusiasmo.

La visita al museo di Capodimonte è la testimonianza perfetta: serata magnifica in un luogo magico, tra i capolavori di Caravaggio e Tiziano e le mille storie celate dietro ogni opera d’arte.

Un piccolo, importante granellino di cultura per inceppare la mastodontica macchina del tempo.

Il museo di Capodimonte di sera, una magnifica visita con BeTime

Capodimonte di sera, con BeTime e Le Capere

L’evento è organizzato in collaborazione con Le capere, donne che raccontano Napoli.

Rifletto: puoi visitare il museo di Capodimonte dodici volte l’anno ed ogni volta scopri un itinerario insolito, una storia mai ascoltata prima, un’opera che ti colpisce.
Perchè il museo di Capodimonte è meraviglioso – ancora di più in questa calda serata di settembre.

Al sottoscritto, ospite attento, non resta che ascoltare la narrazione della capera, guida professionale ed entusiasta.

E scattare foto, per Voi amici Lettori 🙂

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Capodimonte di sera, la galleria fotografica


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »