faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: donne (Page 1 of 3)

Manila, di Enrica Orlando: storia di «mostri» e di speranza [RECENSIONE]

Manila, libro estremo 

Manila, di Enrica Orlando, è una storia ricca di «mostri».
I peggiori.
I «mostri» ai qual non puoi sfuggire.
Perché ti perseguitano da dentro.

Un libro duro da leggere.
Conversazioni spietate che spiazzano per crudezza e degrado (morale e fisico dei personaggi ).
La disperazione porta ad azioni disumane e la brava Enrica Orlando, con uno stile asciutto (e spesso volgare), sbatte in faccia al Lettore il lato più oscuro dell’animo umano.

Quello che vorremmo dimenticare ed, invece, è solo celato dietro l’angolo di ogni coscienza.

Manila, di Enrica Orlando, la mia recensione

Manila, quante volte sei morta?

Manila suscita sentimenti opposti: la detesti quando si autodistrugge, sorridi per l’ironia con la quale affronta i drammi del destino, entreresti nelle pagine del libro pur di aiutarla.
Infine, l’ abbracceresti per augurarle un po’ di meritata felicità.

Personaggi estremi, contesto fatiscente, legge della sopravvivenza, periferie sporche ed abbandonate.
Cancellazione di ogni briciola di umanità.
Come in una guerra.
E l’inevitabile caduta negli inferi.

Eppure, anche nel buio più assoluto, nei peggiori inferni metropolitani, la forza della vita trova e si aggrappa a quella mano tesa, pronta ad aiutarti.

Manila non lascia indifferenti.
E, per un’artista, è il miglior complimento. 
Per questo va letto.

Acquista il libro su Amazon!


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

La casa del Gattopardo [Il vizio di Paola]

Nuovi amori

Me la canti sempre, quella canzone.
Ti amo da morire, mi canti.

Ci siamo conosciuti in un bar, dove tu andavi per il karaoke e io ad annegare la solitudine di questa città che mi ha accolto, impiegatuccio di banca, senza restituirmi il calore del mio paesello.

Lì sì che stavo bene.

Ti ci avrei portato, ti dissi già al nostro primo appuntamento.

Altre donne ne avevo avute, ti confessai subito, sarebbe stato strano il contrario, ribattesti tu, comprensiva.
Ti rassicurai che erano state tutte, in un modo o nell’altro, definitivamente cancellate dalla mia vita.

Inclusa la mia ex moglie, che era sparita portandosi via la nostra bambina di quattro anni.

La casa del Gattopardo, per la rubrica Il vizio di Paola

«Mi sembra la casa del Gattopardo»

Come avevo fatto a stare lontano da mia figlia?, mi chiedesti.
Le avevo seppellite in un angolo recondito del mio cuore, da dove solo qualche volta riemergevano, ti sussurrai commosso.

Il racconto della mia vita ti aveva colpito, me ne resi subito conto, e così cominciasti ad essere ciò che avevo disperatamente cercato per tutta la vita, una compagna, una sorella, un’amica, un’amante.

Poi è arrivata l’estate, un’estate caldissima.
‘Andiamo qualche giorno al tuo paese?, mi hai chiesto.
E come dirti di no, lo desideravo anche io, portarti in quei luoghi che mi hanno visto bambino.

Il tuo entusiasmo alla vista dell’antica casa dei miei genitori. ‘Mi sembra di essere nella casa del Gattopardo’, mi hai detto, ed hai cominciato a ballare un valzer di coppia canticchiando il tema del film di Visconti.

Forse non dovevo portarti lì … o forse doveva succedere.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Il mistero di Barbablù

Tu sei una grande lettrice, una lettrice seriale, come ironicamente ti piace definirti.
E la tua passione ti ha portato lì, stanotte, nella stanza in cui tengo tutti quei libri, tanto gelosamente custoditi che non consento a nessuno di entrarci, ti avevo detto.

Ma tu non riuscivi a dormire, evidentemente, e contravvenendo alle mie raccomandazioni sei entrata.

Tra i tanti libri, uno ha attirato la tua attenzione: Barbablù.

Una favola per bambini.
Aprendo il libro hai trovato una chiave, la chiave di una porta.

E allora, come avrebbe fatto la protagonista di uno dei tuoi amati romanzi, hai cercato la porta da aprire.
E l’hai trovata …

No, non sono il mostro che pensi, lei voleva lasciarmi e portarsi la mia bambina.
Non potevo consentirglielo.
Ed ora che sai, cos’altro potrei fare?

Ti troverai bene con loro, soprattutto con la mia bambina, è dolcissima, sai?
E non ti preoccupare, tornerò a trovare anche te, tutte le estati.

«Il vizio di Paola», note sull’autrice

Paola, lettrice per passione e scrittrice per vizio.
Alla continua ricerca di ispirazione.
Gli specchi è il suo breve racconto vincitore del primo premio della «III edizione di Scintille in cento parole».

Paola, autrice della rubrica «Il vizio di Paola»


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

D come Desiderio [Il vizio di Paola]

Quel desiderio irrefrenabile

Era ancora una bambina quando lo aveva visto per la prima volta al di là di quel vetro.
Aveva provato un’insolita sensazione che non avrebbe saputo descrivere, se qualcuno le avesse chiesto di farlo.

Solo anni dopo, quando aveva ormai raggiunto la piena consapevolezza di sé e delle sue percezioni, le capitò di rivederlo.
Non aveva memoria del loro primo incontro, ma aveva avvertito subito l’appannamento dei sensi di fronte a quella apparizione.

Tipi così non si vedono tutti i giorni, non li vendono al supermercato, pensò in estasi.

Dietro quel bancone, tra la schiera di suoi simili, l’oggetto del suo desiderio faceva bella mostra di sè, quasi godendo dello sguardo dei passanti che gli indirizzavano sguardi vogliosi.

E fu allora che lei capì cosa fosse il desiderio.

Un pensiero che non ti abbandona, la necessità di possesso al di là di ogni ragionevolezza.

Un desiderio inconfessabile, per la rubrica «Il vizio di Paola» (foto di Luigi Borrone)

Il piacere dell’incontro clandestino

Quando per la prima volta lo aveva portato di nascosto nel buio della sua camera, aveva capito subito che ciò che stava facendo poteva essere giudicato condannabile, ma questo pensiero non le aveva impedito di godere di quell’incontro clandestino.

E così erano andati avanti per mesi.

Gli incontri erano diventati quasi quotidiani, fino a quando ai suoi genitori non era apparso chiaro il suo cambiamento.
Le forme di adolescente acerba avevano lasciato il posto alle rotondità di donna matura.

Eppure nei piatti rimanevano buona parte dei succulenti manicaretti che la mamma preparava.
Neanche più la lasagna le impediva di trattenersi solo qualche minuto a tavola e di schizzare nella sua camera, dove, quasi ogni giorno, la aspettava ‘lui’.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

L’insospettabile segreto

Il sospetto di un segreto inconfessabile, pensarono i genitori, andava confermato.
Prima di una decisione drastica, bisognava effettuare le opportune verifiche.
Cominciarono a seguirla.

Ogni giorno, dopo scuola, percorreva la stessa strada.
Da sola.
Bello o brutto tempo, con un sorriso radioso e con passo svelto si incamminava verso una strada secondaria, che raddoppiava il percorso verso casa.

Fino a quella piazza, una bellissima piazza.
Lì gruppi di studenti si incontravano ogni giorno per chiacchierare, fumare una sigaretta, o semplicemente a scambiare qualche effusione con l’amorino di turno.

Ma lei no, lei procedeva con passo spedito, ignorando i suoi coetanei e l’allegria che produceva il loro vociare.
Alla fine entrava in quel negozio e lo trovava lì, insieme agli altri.
L’insegna, esternamente, svelava il suo segreto: ‘Il regno del babà’.

«Il vizio di Paola», note sull’autrice

Paola, lettrice per passione e scrittrice per vizio.
Alla continua ricerca di ispirazione.
Gli specchi è il suo breve racconto vincitore del primo premio della «III edizione di Scintille in cento parole».

Paola, autrice della rubrica «Il vizio di Paola»

Luigi Borrone, fotografo per passione

«Amo la fotografia perché unico strumento per fermare il tempo. due foto scattate nello stesso istante non saranno mai uguali »
Luigi Borrone, fotografo per passione, è l’autore della foto presente in questo post.
A Luigi il mio sincero ringraziamento.

Per chi volesse seguirlo, segnalo la fanpage ufficiale Luigi Borrone – Fotografo Per Passione, il profilo twitter ed i canale Instagram.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Festa della donna, istruzioni per gli uomini

8 marzo, auguri si/no

«Come sto col nuovo taglio?» ecco l’ingenua domanda che ti porta direttamente nel ben mezzo di un campo minato.
Un passo falso e rischi il botto.
Ogni uomo è conscio: qualsiasi risposta potrebbe essere utilizzata contro se stesso.

«Auguri, buona festa per la donna!»: l’8 marzo è una data speciale?
Oppure fingere normalità perché i diritti della donna vanno rispettati ogni santo giorno?

Donne, foto di Luigi Borrone

Festa della donna, le difficoltà di noi uomini

Care donne, rinunciate alla gonna ed indossate i nostri panni.
Non è facile trovare il giusto equilibrio tra galanteria ed emancipazione.

In entrambi i casi, una fetta rosa criticherà la scelta, l’altra sorriderà.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Come risolvere?

Vuoi vedere che anche oggi, 8 marzo, vale la solita, saggia, regola antica come il mondo?
Il consiglio della mamma al figlio, dell’amica all’amico, dell’innamorata all’innamorato: sii te stesso.

Sarò me stesso.

Care Lettrici, auguri!
Buona festa della donna.

PS: stai bene col nuovo taglio 🙂

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Luigi Borrone, fotografo per passione

«Amo la fotografia perchè unico strumento per fermare il tempo. due foto scattate nello stesso istante non saranno mai uguali».
Luigi Borrone, fotografo per passione, è l’autore della foto presente in questo post.
A Luigi il mio sincero ringraziamento.

Per chi volesse seguirlo, segnalo la fanpage ufficiale Luigi Borrone – Fotografo Per Passione oppure i profili twitter ed Instagram.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Luciano Esposito alla Ubik di Napoli: «Abbi fortuna e dormi», storia di polifedeltà

Luciano Esposito alla libreria Ubik

La sala conferenza della libreria Ubik, nel centro storico di Napoli, fatica a contenere il calore intorno a Luciano Esposito.

Il giovane scrittore presenta – per la prima volta in pubblico! – il suo libro Abbi fortuna e dormi.

Dopo l’intervista esclusiva pubblicata qualche tempo fa, il sottoscritto non poteva mancare all’imperdibile manifestazione.

Luciano Esposito alla libreria Ubik di Napoli presenta il suo libro «Abbi fortuna e dormi»

Gli amici di sempre

Riconosco un po’ tutti: Antonio, Rosy, Angelo, Daniela …
Sono i soliti amici di Luciano, gli amici di sempre.

L’introduzione di Gerardo – professore di letteratura – presenta la storia e descrive lo stile «fresco» utilizzato dall’esordiente autore.

La musica di sottofondo del maestro di conservatorio Federico rende l’atmosfera magica (inutile ricordare che entrambi sono cresciuti con Luciano).

Osservo la sala gremita, sorrido compiaciuto.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

La cultura, una serata intorno ad un libro

L’emozione suscitata da un evento culturale è un aspetto di Napoli importante e poco evidenziato dai media.

Dibattere intorno ad un libro, confrontarsi con le dotte parole dell’editore, ascoltare pagine del romanzo recitate da Michele – altro vecchio amico – con l’enfasi giusta, è il miglior biglietto da visita per conoscere il mondo di Luciano.

«Scrivere è una forma di espressione come disegnare» spiega lo scrittore.
«Ho impiegato sette anni per completare Abbi fortuna e dormi. Mi è sempre piaciuto raccontare storie e pubblicare il libro era per me inimmaginabile. Essere qui è un sogno» confida Luciano con un pizzico di commozione.

Luciano Esposito alla libreria Ubik di Napoli presenta il suo libro «Abbi fortuna e dormi»

«Abbi fortuna e dormi» e la polifedeltà

«Non è una storia autobiografica e la trama non è incentrata su un volgare tradimento. Piuttosto parliamo di un sentimento puro, di vero amore: l’amore di un uomo per due donne».

La definizione utilizzata durante il dibattito è perfetta: polifedeltà.

Può un uomo essere innamorato contemporaneamente di due donne?
Una passione pulita, di assoluta dedizione – non certo un prosaico adulterio.

Luciano garantisce un finale non banale, fuori dagli stereotipi tipici di una “relazione a tre”.

La fiducia del Lettore è ben riposta.
Parola di chi conosce il buon, vecchio Luciano, narratore di storie fantastiche.

Luciano Esposito alla libreria Ubik di Napoli presenta il suo libro «Abbi fortuna e dormi»

Acquista il libro su Amazon!


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Partire o restare, Lorenzo Marone risponde [INTERVISTA+FOTO]

Lorenzo Marone alla Feltrinelli di Napoli

«Ci siamo sentiti per l’intervista» farfuglio mentre, emozionato, stringo la mano a Lorenzo Marone,
Siamo alla Feltrinelli di Napoli ed il giovane scrittore napoletano presenta il suo nuovo libro, Magari domani resto.

«Si certo, grazie» risponde gentile prima di essere risucchiato dalla folla.

Appena lo scrittore termina l’intervista al TG3 Campania, mi fiondo ma non ho la prontezza per scattare una foto insieme, per l’intervista.

L’occasione sfugge, Lorenzo Marone scompare tra gli abbracci degli amici, i saluti ai fan, gli autografi sui libri.

Lorenzo Marone alla Feltrinelli di Napoli presenta "Magari domani resto" (intervista al TG3)

Lorenzo Marone, scrittore napoletano

Decido di intervistare Lorenzo Marone dopo aver pubblicato la recensione di «La tentazione di essere felici».
Perché il libro, nella sua semplicità, colpisce e spinge a riflettere.

L’autore, con toni delicati, tocca argomenti a me cari: la difesa dei più deboli, il contrasto all’indifferenza generale, la non accettazione della triste realtà, la voglia (e possibilità) di cambiamento, la denuncia dell’assuefazione, il primo pericoloso passo perché il degrado (morale e civile) diventi normalità.

Lorenzo Marone e Diego De SIlva alla Feltrinelli di Napoli per presentare "Domani magari resto", il nuovo libro di Marone

La scuola, perno fondamentale

D: Lorenzo, l’assuefazione fa apparire normale ciò che normale non è.
A Napoli, la nostra città, abbiamo mille esempi di piccole e abnormi assuefazioni.
Una delle armi più potenti per contrastare tale «mostro» è la cultura ed il tuo bel libro, La tentazione di essere felici, ne è un felice esempio.
Concordi?
R: La cultura è conoscenza, e la conoscenza permette di sviluppare il libero pensiero. È l’unico modo che abbiamo per contrastare le storture e l’assuefazione, come dici, alla bruttezza.
Anche un libro, nel suo piccolo, contribuisce a questo.

D: Lo scrittore, dunque, nella guerra contro l’ignoranza, è un soldato fondamentale.
Credi che a scuola si insegni cultura oppure aride nozioni?
A tal proposito, il tuo professore di Italiano, ha contribuito alla formazione di scrittore?
R: La scuola è il perno fondamentale, certo, poi dipende dagli insegnanti, bisogna essere fortunati in tale senso.
Credo che dovrebbero essere previsti test psicologici approfonditi prima di diventare insegnanti.
Loro hanno in mano il futuro della società.
Dovrebbero essere il top da ogni punto di vista, e, allo stesso tempo, essere trattati da top economicamente.

Feltrinelli di Napoli, sala gremita per Lorenzo Marone e Diego De Silva

Il rapporto con Napoli

D: Napoli, città degli eccessi, oscilla tra bellezza e degrado e la normalità è spesso un risultato faticoso da raggiungere.
Come definisci il tuo rapporto con la città?
La vivi? Ti spaventa?
R: La vivo e non mi spaventa.
Nel mio piccolo cerco di raccontare la mia Napoli, una città “normale”, un quartiere borghese che racchiude vite normali, come ce ne sono tanti in ogni città.
Raccontare gli eccessi di questa città non mi interessa granché, c’è già chi lo fa.

"Magari domani resto", il nuovo libro di Lorenzo Marone presentato alla Feltrinelli di Napoli (con Diego De Silva) - Antonio Bassolino, ex sindaco di Napoli ed ex Presidente della Regione Campania in prima fila

“Magari domani resto”, il nuovo libro di Lorenzo Marone presentato alla Feltrinelli di Napoli (con Diego De Silva) – Antonio Bassolino, ex sindaco di Napoli ed ex Presidente della Regione Campania in prima fila

La tentazione di essere felici, in difesa delle donne

D: Lorenzo, La tentazione di essere felici affronti il delicato tema della violenza sulle donne.
Come nasce l’esigenza di raccontare tale storia?
R: È un argomento del quale si parla sempre poco.
In Italia c’è un femminicidio ogni 2,3 giorni.
Nel libro è un evento che spingerà il protagonista a cambiare, a tendere la mano, lui che ne è sempre stato incapace.
Tendere la mano, quello che dovremmo fare tutti.

D: Dal sito ufficiale leggo che, nella tua ex vita, eri un avvocato ma «dentro di me sentivo che quella non era la mia strada».
Quanto coraggio hai avuto per scegliere di cambiare, uscire dal binario prestabilito e seguire la passione?
Temevi di finire come Cesare Annunziata, il vecchio protagonista del tuo libro, rancoroso ed insoddisfatto del passato?
R: Sì, è stato un attimo di lucida follia, di coraggio e anche dolore, che mi ha permesso, alla fine, di uscire da una strada che non sentivo mia.

Lorenzo Marone alla Feltrinelli di Napoli con Diego De Silva

Magari domani resto, il nuovo romanzo

D: Lorenzo, da poco è uscito il tuo nuovo romanzo Magari domani resto.
Puoi anticiparci la trama del romanzo?
R: Magari domani resto, edito per Feltrinelli, è incentrato sul tema dell’andare o restare, del fuggire o resistere.
La protagonista è Luce, una ventiquattrenne avvocato nata e cresciuta nei Quartieri Spagnoli.
Mi andava di raccontare una parte della città che non avevo ancora raccontato, la Napoli popolare, e mostrare come, anche in un quartiere difficile, esistono persone che conducono vite normali, combattendo ogni giorno per affermarsi nonostante le difficoltà.

"Magari domani resto", il nuovo libro di Lorenzo Marone presentato alla Feltrinelli di Napoli

Essere sempre se stessi

D: La stesura, ti ha prosciugato oppure volavi sull’onda dell’entusiasmo?
Quali i momenti di difficoltà? Mai affrontata la «crisi della pagina bianca»?
R: No, per fortuna ho una buona fantasia.

D: Amo chiedere agli scrittori come immaginano i propri Lettori.
Sei curioso di carpire l’espressione quando, col volto immerso nelle pagine del tuo libro, leggono le parole uscite da dentro la tua anima?
Sorridono? Riflettono? Si emozionano?
R: Non penso mai ai lettori mentre scrivo, altrimenti mi farei fuorviare e finirei per scrivere per loro, per accontentarli o conquistarli.
Sarebbe lo sbaglio più grande, perché nella scrittura bisogna essere se stessi, autentici al cento per cento.

Anche Antonio Bassolino, ex sindaco di Napoli ed ex Presidente della Regione Campania, alla Feltrinelli di Napoli per Lorenzo Marone e Diego De Silva

Anche Antonio Bassolino, ex sindaco di Napoli ed ex Presidente della Regione Campania, alla Feltrinelli di Napoli per Lorenzo Marone e Diego De Silva

Perché leggere

D: Lorenzo, sei sul blog ufficiale dei «mostri».
Quali i peggiori affrontati?
R: Sono pieno di mostri che mi porto dietro e cerco di tenere a bada ogni giorno.

D: L’intervista termina con una riflessione a piacere.
A te il messaggio da lanciare nell’oceano sconfinato della Rete.
R: Spegnete lo smartphone e aprite un libro.
Almeno la sera nel letto!

L'attimo in cui Lorenzo Marone, Diego De Silva ed Antonio Bassolino - alla Feltrinelli di Napoli per presentare il nuovo libro di Marone - guardano il sottoscritto :-)

L’attimo in cui Lorenzo Marone, Diego De Silva ed Antonio Bassolino – alla Feltrinelli di Napoli per presentare il nuovo libro di Marone – guardano il sottoscritto :-)

Acquista «Magari domani resto», il nuovo romanzo di Lorenzo Marone, su Amazon!

Acquista «La tentazione di essere felici», di Lorenzo Marone, su Amazon


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

L’amore non invecchia [Domande PerBeni]

Se ti innamori di tua suocera

“Caro Beni,
amo una donna da due mesi.
Il problema è che questa persona è mia suocera.
Cosa devo fare?”
Genny

Quel mostro di mia suocera

Antonio P. Beni risponde

Caro Genny,
il tuo è un problema che alcuni sprovveduti potrebbero definire “gerontofilia”.

In effetti sembri proprio affetto da questo tabù se non fosse che tua suocera è in un polmone d’acciaio!

Mi sono confrontato con il professore Whisky Allenth, noto psichiatra del comportamento umano nei confronti delle luci stradali e, con lui, ho concluso che tu sei affetto da una forma di “spettro autistico gerontofiliaco”.
È una rara forma di disturbo che spesso porta alla morte per asfissia, parlo di tua suocera, tu rischi solo il carcere.

Questo disturbo può essere guarito in un solo modo: devi avere un rapporto d’amore con tua suocera e poi con il polmone d’acciaio.
Infatti, solo oggettivando potrai allontanare da te l’amore.

Però devo avvisarti: questo processo di oggettivazione potrebbe portarti ad amare ancora di più tua suocera e/o il polmone d’acciaio, cosa che potrebbe crearti, in ordine:

  1. disturbi bi-polari, o a corrente alternata
  2. cambio colore dei capelli, diventerai biondo per colpa del ossigeno
  3. ritiro della patente
    – Inibizione ai pubblici uffici
    – Reversione pensione
    – Percezione errata dello spazio, crederai che le dimensioni saranno solo 2
    – Varie ed eventuali

L’amore è una cosa meravigliosa, ancestrale, antica come l’uomo.
Nel tuo caso, come la tua nonna.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Chi è Antonio P. Beni, esperto in aMORE

Scrivi ad Antonio P. Beni





Acquista l’ebook di Antonio P, Beni!

Le cose degli Altri è anche cartaceo


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Se perdi un amico (e lo ritrovi per caso)

Un incontro inatteso

Livia è ad un passo.
Il taglio degli occhi, il sorriso, il solito entusiasmo nel parlare.
E’ proprio lei.
Nonostante non l’incontri da più di vent’anni, la riconosco.

Sliding doors e le possibili scelte

Diciotto anni, stessa comitiva di amici

Le caotiche uscite del sabato sera, in coda al freddo o sotto la pioggia per una pizza, in lotta per conquistare i migliori posti al cinema (negli anni ottanta, la prenotazione era fantascienza), le chiacchierate infinite, «faremo», diremo, «mai», «sempre».

Io, Livia, compagni di gioventù, insieme a pochi amici – quelli che si contano sulle dita di una mano – con i quali condividere sogni, vacanze, momenti indimenticabili, emozioni.

Poi svaniti col tempo.

La vita scorre e scioglie quel gruppo di amici: da «inseparabili» a distanti, il passo è breve.
Fino a perdersi, ognuno per la sua strada.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Amici ieri, estranei oggi

La metro viaggia veloce, affollata di pendolari ansiosi di rientrare, ognuno immerso nei propri pensieri.

Osservo le stazioni scorrere: Garibaldi, Municipio, Università.

Con gli occhi nel finestrino, intercetto il riflesso di un volto familiare.
Giro lo sguardo, metto a fuoco, tra i tanti c’è Livia.

Siamo a pochi passi l’uno dall’altro ma non ci intercettiamo.
Lei conversa amabilmente con un tizio, c’è confidenza tra loro.
La guardo ma lei non guarda me.

Oggi Livia è una donna, della ragazzina di vent’anni fa restano i lineamenti delicati, il taglio degli occhi, il sorriso, la voce allegra.
Dopotutto, è sempre la stessa.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Amicizia, questione di evoluzione

Inchiodato al mio posto, ascolto ma non oso avvicinarmi.
Livia sembra non accorgersi del sottoscritto e nemmeno scruta gli altri passeggeri.
La sua attenzione è assorbita dall’interlocutore.
Ha una borsa a tracolla, tipica di chi porta documenti.
Sarà un avvocato?

La metro continua il suo percorso, indifferente agli incontri casuali consumati nei vagoni.

Giungo a destinazione, il treno frena, le porte scorrono, fuggo via, con un pensiero saluto Livia.
Mentre cammino verso l’uscita della stazione, un quesito guadagna spazio: dovevo avvicinare Livia?

Chissà se avrò una seconda chance.

Forse non sarà necessaria.
Avvicinarsi o perdere i contatti con un amico è un’evoluzione, positiva o negativa che sia resta comunque un’evoluzione.

Frequentare o seguire l’inerzia è un comportamento non casuale.

Nessun alibi, nessun «mostro» celato nell’animo umano.
Solo una libera scelta dipendente dalla volontà di ognuno di noi.
O sbaglio?


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Violenza sulle donne, un delicato romanzo di Lorenzo Marone

Lorenzo Marone, una bella scoperta

Amo scoprire nuovi autori.
Se poi mi imbatto in uno scrittore napoletano, la soddisfazione è doppia.

Come nel caso del giovane Lorenzo Marone.

Entro nel sito ufficiale dello scrittore e sbircio nella biografia: Lorenzo Marone è ignoto al sottoscritto ma è già un personaggio pubblico con importanti collaborazioni e vari romanzi in libreria.

Conosco Lorenzo Marone attraverso La tentazione di essere felici, un romanzo delicato su un tema scottante: la violenza sulle donne.

Lorenzo Marone, autore di "La tentazione di essere felici", un libro per ricorda il dramma della violenza sulle donne

Violenza sulle donne, un dramma infinito

La tentazione di essere felici colpisce per la sensibilità con la quale affronta il tema del maltrattamento tra le quattro mura domestiche (nell’indifferenza generale).

La prospettiva è originale: la storia ruota intorno a Cesare Annunziata, un anziano egoista, egocentrico, insoddisfatto della vita.
Finché un giorno, nel condomino dove abita – una palazzina del Vomero, quartiere residenziale di Napoli – giunge una giovane coppia.

Gli occhi di Emma, la nuova vicina, lanciano messaggi di aiuto.
Stavolta il vecchio individualista non potrà girare il viso dall’altra parte.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Perché leggere «La tentazione di essere felici»

Il romanzo è narrato come un diario.
Con uno stile scorrevole e veloce, Lorenzo Marone – attraverso gli occhi del finto scorbutico Cesare Annunziata – ci porterà nel mondo di un anziano che continua a lottare (in primis, contro la vecchiaia).

Un uomo insoddisfatto per una serie di scelte sbagliate eppure, dietro la scorza di persona scontrosa, si cela la difesa di un napoletano non assuefatto.

Ecco il messaggio importante nascosto tra le righe di La tentazione di essere felici: non dobbiamo girare il viso dall’altra parte.

Contro un maleducato che non rispetta la fila al parco giochi oppure per aiutare una donna maltrattata nel silenzio generale: non possiamo fingere di non vedere.

La lezione del vecchio Cesare Annunziata è chiara: il «mostro-violenza» si alimenta di indifferenza ed assuefazione.
Tocca a noi, singole persone, trovare il coraggio di reagire.

Acquista il libro su Amazon!


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

La vera storia di Irina Lucidi (di Concita De Gregorio)

Una storia agghiacciante (e vera)

Concita De Gregorio racconta una storia agghiacciante.
Una vicenda realmente accaduta, nel 2011, nella perfetta Svizzera: la scomparsa delle due gemelline Alessia e Livia di sei anni, le figlie di Irina Lucidi, ad opera dell’ex marito poi suicidatosi a Cerignola in Puglia.

Mi sa che fuori è primavera è un libro duro.

Leggere e comprendere – pagina dopo pagina – il piano folle di Mathias Schepp, il padre premuroso e marito iper-rigido che sfocerà nella follia, costa molto.

Il dramma di Irina Lucidi raccontato da Concita De Gregori in "Mi sa che fuori è primavera"

«il dolore fa male ma non ti uccide»

Da ogni parola di Irina emerge il dolore.
Ma, come afferma lei stessa «il dolore fa male ma non ti uccide» ed allora devi trovare la forza di andare avanti.
Per non morire, come avrebbe voluto l’ex marito.

Da un male immenso, Irina Lucidi riemerge.

Senza mai dimenticare – è impossibile – ma tentando di proseguire.
Per aiutare gli altri.
Crea l’organizzazione Missing Children Switzerland, «perché quando un bimbo sparisce, bisogna che ci siano meccanismi automatici che si attivano. Procedura. Priorità».

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Se il «mostro» è dentro casa

Il «mostro» è tuo marito, l’uomo col quale vai a dormire ed hai creato la tua famiglia.
Il «mostro» è il padre premuroso di Alessia e Livia.
L’uomo attento, pianificatore, gelido, malato, pazzo.

Concita De Gregorio narra con delicatezza una vicenda impossibile da accettare.

A metà libro, speravo si trattasse di un giallo col colpo di scena finale.
Invece, la lettura avanza e l’angoscia aumenta con essa.

Fino alla cruda realtà.
Impossibile da comprendere nonostante lo stile impeccabile ed un racconto asciutto.

Perché leggere la storia di Irina Lucidi

La lettura di Mi sa che fuori è primavera è ardua.
La domanda naturale posta dal Lettore è scontata quanto naturale: è possibile superare un dolore così forte come la scomparsa di due figlie e tornare un giorno ad essere felici?

Nessuno di noi può immaginare l’abisso nel quale è sprofondata Irina.
Nessuno di noi può rispondere ad un quesito tanto oscuro.

Ognuno di noi può sostenere il prezioso lavoro di Missing Children Switzerland,
Come?
Leggendo il libro.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Parla Concita De Gregorio, l’autrice

Ho cercato in Rete.
Il web è ricco di notizie su Alessia e Livia.
Chi vuole, può approfondire la drammatica vicenda.

Rimando all’intervista rilasciata dall’autrice del libro, Concita De Gregorio, mamma di quattro bimbi:
MI SA CHE FUORI È PRIMAVERA. INTERVISTA A CONCITA DE GREGORIO.

Acquista il libro su Amazon

Autostrada per l’amore [Domande perBeni]

Amore e bancomat: il dubbio di Fra74

“Gentile signor Beni, come faccio a far capire alla mia fidanzata che, dopo che l’ho portata a cena in un ristorante dove i camerieri hanno i guanti, sarebbe un bel gesto di riconoscenza da parte sua pagare l’autostrada?”
Fra74

Amore al bancomat

Antonio P. Beni risponde

Gentile Fra74, dopo che ho letto la tua missiva mi sono chiesto come mai i nostri politici non fanno nulla al riguardo.

Siamo una generazione in crisi: sentimentale, sociale e soprattutto economica.

Dodici ore fa ho portato una ragazza fuori a cena, costo 120 euro, solo perché ho evitato di mangiare.
Poi siamo andati a teatro, costo 80 euro, grazie ad un coupon scaricato sapientemente due anni fa.
Infine siamo andati a bere qualcosa al lounge bar che affacciava sul Duomo di Milano, costo 55 euro.

Tornando a casa, per evitare il traffico, abbiamo preso l’autostrada, costo 5 euro.

In totale ho speso 260 euro.
Lei, la ragazza, non ha neppure fatto il gesto di tirare fuori un euro dalla sua minuscola e insignificante borsetta nera con glitter luce.

Essendo la prima nostra uscita ho ricevuto in cambio un bacio e una carezza sul collo.

Dopo questa esperienza, dopo la tua lettera e dopo un’analisi con il mio consulente bancario, ho capito tre cose:

  1. Autostrada per l’amore è un problema che hanno otto milioni di uomini ogni ora nel mondo
  2. Il redditometro indica che il costo di una Escort è più basso del 27%
  3. Se proprio occorre andare a cena e non sei con una escort, allora fingersi vegano metodista transitorio. E’ una rara malattia che dura tre ore che non permette di spostarsi in auto, di mangiare in locali costosi e di spendere in bar

Ad ogni modo, due ore fa ho incontrato l’ex moglie di Trump che si offerta di offrirmi la cena in cambio di sesso.
Forse potrebbe essere questa la soluzione …

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Chi è Antonio P. Beni, esperto in aMORE

Scrivi ad Antonio P. Beni





Acquista l’ebook di Antonio P, Beni!

Le cose degli Altri è anche cartaceo


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Santa Maria Francesca e la sedia della fertilità

Santa Maria Francesca al vico Speranzella

«Siediti. Vuoi un figlio?» chiede l’energica suora.
Sono nel Santuario di Santa Maria Francesca delle cinque piaghe, nel centro storico di Napoli, in una traversa dell’affollata via Toledo.

Fuori la piccola chiesa, incastonata tra le pizzerie e le bancherelle con le foto di Maradona, leggo vico Speranzella.

Al Santuario di Santa Maria Francesca: la sedia della fertilita per le donne in attesa del figlio che non arriva

La sedia della fertilità

La suora sembra uscita dal set di Sister Act: bassa, paffuta, con un pesante crocifisso tra le mani, sorride, diretta e sincera.

La sedia sulla quale mi accomodo, secondo la credenza popolare, possiede un potere miracoloso: è la sedia della fertilità.

Molte donne, in attesa del figlio che non arriva, chiedono la grazia a Santa Maria Francesca pregando dove la religiosa riposava «quando soffriva dei dolori della Passione (dovuti alle stigmate) che si presentavano ogni anno in concomitanza con la Quaresima».

A giudicare dalla parete strapiena di fiocchi rosa ed azzurri, la sedia funziona egregiamente 🙂

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

La galleria fotografica

«Allora una benedizione per te e famiglia?» la suora propone la cordiale alternativa.
«Grazie, con piacere» replico soddisfatto.

La sorella parte con il sentito rituale che si concluderà con l’amen finale.

Continuo la visita al museo dedicato alla Santa, osservo l’altare, scatto qualche foto, leggo la biografia.

Vado via con lo stupore negli occhi.
E’ davvero incredibile come, in un piccolo vicoletto, si nasconda un miracolo così grande.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Page 1 of 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »