faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: idee

Io, un controllore VIP allo SMAU 2018 [13-14 dicembre]

SMAU, l’invito VIP della Regione Campania

Abbandono l’edizione 2017 con l’amara in bocca: una manifestazione troppo canonica, nessuna versa scommessa tecnologica.
L’organizzazione preferisce giocare sul sicuro: spazio ai soliti noti, i giganti del mercato tecnologico, briciole alle piccole start up emergenti.

Da una manifestazione davvero innovativa, attendo scelte ardite.
Puntare sul coraggio invece del solito minestrone, aprire spazi agli sconosciuti anziché ai soliti noti, puntare su idee rivoluzionarie piuttosto che su spot inflazionati.

Il giorno dopo, pubblico un duro post (con denuncia video) per spronare lo SMAU a tornare quello di un tempo: via lo smoking delle serate istituzionali e gli slogan precotti, ridateci lo spirito da pioniere e riaprite il laboratorio di idee!

Dunque, accetto con soddisfazione l’invito VIP della Regione Campania allo SMAU Napoli 2018 del prossimo 13 e 14 dicembre.

Lo considero una investitura ufficiale, una chiamata alle armi che non posso proprio rifiutare.

Allo SMAU 2018, con l'invito VIP

SMAU 2018, il compito del sottoscritto

Chiedere il controllo degli organi di stampa è un segnale di forte onestà intellettuale.

Considerare le (eventuali) critiche come aspetti da migliorare, pretendere la presenza degli addetti ai lavori – anche di chi immagina il ruolo della tecnologia in modo diverso dal tuo – è indice di trasparenza.

Dunque, registro con sommo piacere la posizione della Regione Campania nei confronti degli oppositori allo SMAU di oggi: confermare il sottoscritto – nonostante la delusione pubblica dello scorso anno – tra i VIP della manifestazione dimostra che la voce di ognuno di noi ha un forte valore.

Ed è ascoltata.

Il prossimo 13-14 dicembre sarò al padiglione 5-6 della Mostra d’Oltremare di Napoli.
Per documentare.

Soddisfatto se il proposito dello scorso anno sarà raggiunto.
Pronto a nuove critiche in caso contrario.

Sogno, nella prossima edizione, di capovolgere gli schemi: novanta secondi alla Regione Campania e alla TIM, il resto dedicato alle piccole start up con idee rivoluzionarie.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

«Fight Eat Club? Ispirato da Edward Norton e Brad Pitt» [INTERVISTA]

Fight Eat Club, da un sogno di Antonio Prestieri

Quella domenica di ottobre del 2016 in tv davano uno dei miei film, ma soprattutto uno dei miei romanzi preferiti, Fight Club.

Questa storia non parte da un garage di Palo Alto: stavolta siamo in Italia, nel produttivo nord.
Tra la nebbia della periferia milanese, avanza l’idea di un gruppo di giovani capeggiati dall’istrionico Antonio Prestieri.

Già scrittore (Le Cose degli Altri, il suo romanzo d’esordio), dal nulla crea Fight Eat Club, il primo portale dedicato alle sfide tra cuochi amatoriali.

[…] Hanno messo sopra un piatto da portata la loro tenacia, competenze e complicità, e fatto di un guantone da cucina il loro acchiappasogni

Con curiosità, intervisto l’Amministratore Delegato di Fight Eat Club.
Per carpire quel momento magico nel quale un sogno diviene realtà.

Fight Eat Club, lo staff

Fight Eat Club, le 8 regole della sfida

D: Antonio, amo studiare i casi di successo e la vostra startup lo è.
Rientri tra quelle persone che, grazie ad un’idea vincente, modifica il proprio destino.
Ci racconti il momento magico nel quale scatta la scintilla e nasce Fight Eat Club?
R: Tutto accadde lo scorso autunno.
Avevo avuto un improvviso attacco di Media.
Succede ogni volta che per pigrizia cerco di liberare la mente senza dover uscire.
Così mi lascio andare sul divano e subisco il flusso televisivo.
Quando ho bisogno di resettare la mente la televisione riesce pienamente ad addormentare i neuroni.
Quella domenica di ottobre del 2016 in tv davano uno dei miei film, ma soprattutto uno dei miei romanzi preferiti, Fight Club.
Il cervello così si attivò e, anziché spegnersi, iniziò ad eccitarsi sotto lo sguardo di Edward Norton il quale acquistava mobili dagli svedesi.
Fu l’alter ego, Brad Pitt, ad accendere la miccia.
L’attore aveva interpretato in Ocean’s eleven e in Snatch, un personaggio che spesso mangiava.
Non so perchè, quando lo rividi in Fight Club pensai alle scene di questi film.
La parola “eat” entrò di prepotenza e nacque Fight Eat Club con le sue 8 regole

Antonio Prestieri, quando la scintilla

D: Antonio, Fight Eat Club era nei meandri del tuo cervello.
Nascosto tra i geniali pensieri che emergono di sera, prima di addormentarsi, e svaniscono con i primi raggi di sole.
Stavolta il sogno è proseguito.
Perché? Quali gli elementi forti/diversi dell’idea?
R: Quella notte di ottobre sognai le sfide tra cuochi amatoriali come la lotta liberatrice del film.
Come tanti cuochi e foodie, quando cucino mi rilasso col mondo ma non abbasso la guardia, anzi sono più combattivo che mai e so che potrei vincere con chiunque ai fornelli.

D: Talento, passione, coraggio: sono i tre elementi necessari per vincere una sfida.
In quale dei tre ti riconosci?
R: Sicuramente nella passione.
Quando c’è la passione, il coraggio arriva sempre e il talento sbuca improvvisamente dal nulla.

Antonio Prestieri, Amministratore Delegato di Fight Eat Club

Fight Eat Club, come funziona

D: La passione per la tecnologia, l’amore per il buon cibo, la voglia di divertirsi.
Ci spieghi come funziona Fight Eat Club?
R:  Fight Eat Club è il primo “talent” sul web di sfide culinarie a premi tra cuochi amatoriali, una vera e propria gara con video ricette da casa.
L’innovazione è soprattutto nella APP.
La prima al mondo dedicata alle video ricette: l’APP permetterà a chiunque volesse realizzare una video ricetta da casa di farlo in modo semplice usando solo il proprio cellulare.
L’app, infatti, guida l’utente passo passo nella realizzazione della video ricetta, curando anche il montaggio e la musica.
In questo modo tutti i cuochi amatoriali possono partecipare e vincere!

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

La forza di un sognatore

D: Fight Eat Club: quali obiettivi vi siete posti?
Quando il vostro progetto sarà «un successo» e quando «un fallimento»?
R:  In America un business man si valuta dal numero dei suoi fallimenti, maggiori saranno e maggiore sarà il suo successo.
A questo punto della mia vita possiamo essere tranquilli: sarà un successo!

D: Antonio il percorso da seguire per concretizzare un sogno è zeppo di fossi, curve, salite. Quali i principali ostacoli da segnalare ai futuri sognatori?
Come superare i mille imprevisti?
R:  Troppe variabili per dare un consiglio, posso solo dire che il mondo non ama i sognatori perché sono capaci di cambiarlo.

Fight Eat Club, lo staff

Fight Eat Club, emozioni culinarie

D: Antonio, sei sul blog dei «mostri».
Ci sono più «mostri» in cucina o sul web?
R:  Nel Web.
In cucina i mostri sono pochi.
Qualche chef professionista che crede che pendano tutti dai sui piatti; non ricorda che tutto il cibo si trasforma e una buona parte si scarta nei wc di ogni cliente.

D: Antonio, salutaci con una riflessione libera e stimola il nostro appetito con una video ricetta speciale.
R:  Quando, per la prima volta, vidi crescere il Flan nel forno ebbi la netta sensazione che quella sarebbe stata la prima di un’infinita serie di emozioni culinarie.
L’emozione più grande però arrivò dopo, quando le persone che amavo assaggiarono il piatto e rividi nei loro occhi l’espressione dell’amore che avevo riversato dentro …
Il progetto Fight Eat Club nasce da un film, chiuderei con una frase allora.
Con una frase del film Ratatouille:

“Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare! “

Tra le tante ricette, vi consiglio la Tarte Tatin alle Cipolle di Stefano Callegaro, il nostro testimonial (Vincitore di Masterchef 4)


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Dove nascono le migliori idee?

Le mie migliori idee? In piscina

Il silenzio dell’acqua aiuta a riflettere.
E così, mentre nuoto – vasca dopo vasca – dal labirinto dei pensieri, spuntano le migliori idee.

Il dolce formicolio delle piccole onde sul corpo, l’odore del cloro, il ritmo costante della respirazione, la fatica di ogni singola bracciata, stimolano la concentrazione.

Preferisco lo stile libero per approfondire, il dorso per recuperare, la rana per riordinare le migliori idee.

E così, dopo cinquanta minuti di nuoto, le riflessioni disordinate prendono la giusta forma.

In piscina, le mie migliori idee

Mens sana in corpore sano

La regola è antica come il mondo: lo sport ti fa stare meglio.

Per il sottoscritto, il relax nasce in piscina.
Per te che leggi, l’antistress è un’ora di corsa, una passeggiata o la pedalata libera?

Lo scrivente si riserva seri dubbi sulla palestra: oggi un centro di ritrovo (sociale) più che un luogo dove praticare sano sport?
Felice di essere smentito.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!.

In piscina, le interviste di faCCebook

Quanti post ho scritto in piscina!
La mia casa digitale deve molto al nuoto.

Ne beneficia soprattutto la categoria delle interviste: nell’ultimo periodo, difatti, la linea editoriale di faCCebook.eu si è arricchita di interessanti conversazioni con scrittori, amici e chiunque desideri raccontare il proprio punto di vista al mondo.

A proposito.
Per quest’anno, il corso di nuoto è giunto all’ultima vasca.

Tranquilli.
A Napoli vivono mille «mostri» ma abbiamo il mare 🙂


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

SMAU Napoli 2016: promossi e bocciati

Salvatore Rullo, da HP a speffy.com

Conosco Salvatore dal 1998.
Lui un Project Manager, il sottoscritto un neoassunto fresco di laurea.

Entrambi in EDS, una importante multinazionale americana confluita – dopo una mastodontica fusione tra colossi dell’Information Technology  – nell’HP (come è andata a finire in Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli, ebook gratuito).

Salvatore, anticipando la crisi, lascia il gigante per ricominciare da zero.

Oggi è responsabile di Dasir Tech, una giovane azienda informatica creatrice – tra l’altro – di Speffy, il motore di ricerca di palestre e centri sportivi.

Un salto allo stand della Dasir Tech allo SMAU Napoli 2016 è obbligatorio.

La sua scelta, rispetto agli standard culturali vigenti nella nostra nazione ingessata, va controcorrente.
Un mix tra coraggio imprenditoriale e passione per lo sport: in bocca al lupo Salvatore, ti seguo con interesse!

Salvatore Rullo di speffy.com allo SMAU Napoli 2016

Anna Pernice, fashion travel blogger

Il tema del workshop di Anna Pernice è vitale: lo storytelling.
Parola chiave per i blogger: l’arte del narrare.

Al di là dei concetti per addetti ai lavori, acronimi impossibili, trucchi e strategie, la brava giornalista di moda e viaggi – il suo blog, I consigli di una fashionista in giro per il mondo – evidenzia un aspetto sul quale concordo appieno: il racconto deve emozionare il Lettore.

Un articolo di giornale, il post della tua casa digitale: il successo dipende dalla reazione emotiva che trasmette.

E’ una regola vecchia come il pianeta, intrinseca nell’animo umano.
La medesima regola sulla quale si basano le favole, storie ricordate da tutti, storie ricordate nel tempo.

Storytelling, il workshop di Anna Pernice allo SMAU Napoli 2016

Stand istituzionali: ripetitivi e superati

Anche quest’anno, al sottoscritto, gli stand istituzionali, continuano a deludere: stantii, con i soliti slogan inzuppati di «start up», «innovazione», «facciamo rete».

La prosopopea al potere.

Concetti esposti da chi non è credibile, per trasparenza, sincerità, convinzione.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

SMAU Napoli 2016, promossi e bocciati

Lo SMAU partenopeo chiude i battenti.

Ai falsi innovatori – società con grossi capitali ma bloccate dalla peggiore burocrazia italiana – preferisco le idee fresche e coraggiose dei vari Salvatore ed Anna, professionisti convinti della propria forza e capaci di proporre un modello imprenditoriale e tecnologico originale.

Sono loro i veri motori dello SMAU.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

L’Internet delle persone

La stretta di mano

Quando arrivo all’appuntamento, Pasquale e Giampiero già discutono.
Ci siamo riusciti: organizzare un incontro tra i moderatori della nostra amata community, Napoli image Naples.

Perché la differenza tra l’essere virtuale e la vita reale è semplice: una stretta di mano.

Napoli image Naples, l'Internet delle persone: da sinistra, Giampiero, io e Pasquale

Napoli image Naples, l’Internet delle persone: da sinistra, Giampiero, io e Pasquale

Conoscersi d’avanti ad un caffè

Quale strano sentimento spinge sconosciuti navigatori del web a conoscersi ed incontrarsi?
Perché scatta la folle scintilla che smuove un individuo da dietro al monitor fino ad un affollato bar della stazione centrale?

Discutere, credere nelle proprie idee, confrontarsi e la ferma volontà di confluire le energie positive verso un obiettivo concreto, utile per la collettività.
Utopia per i molti, impegno per pochi.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Internet, persone connesse

Infastiditi dai due secondi di indignazione volatile dopo un post-denuncia o una foto-scandalo.
Stanchi di guardare la realtà scorrere indifferente attraverso lo schermo di un computer.
I clic facili non bastano più.
Noi vogliamo provarci.

Perché dietro ad un mouse c’è una persona.
Perché un “Mi piace” o un “+1” sono una pacca sulla spalla, un commento è voce, la condivisione uno sguardo d’intesa.

Internet è una rete composta da individui, non da freddi computer connessi.
Proprio come dimostra una stretta di mano tra amici.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Un po’ di #happytudine e lo SMAU sorride

#happytudine, una gioia, una speranza

Ho il piacere di ascoltare la brillante Eufemia Scannapieco, portatrice sana di #happytudine (il lato pink della Rete) al workshop Brand reputation e community building: team di lavoro coesi per community felici.

Eufemia Scannapieco portatrice sana di #happytudine allo SMAU Napoli

Eufemia Scannapieco portatrice sana di #happytudine allo SMAU Napoli

Il workshop di Eufemia è fresco, positivo e tocca temi importanti con la leggerezza di un sorriso.

#happytudine è un concetto che abbraccia punti di vista ampi: in quell’attimo in cui tutto ti sembra estremamente impossibile, in cui sei sul baratro e le emozioni tendono alla negatività, l’#happytudine ti apre una speranza, quell’oltre che serve sempre.

Dopo Eufemia, la noia

Giro per lo SMAU Napoli 2015 con l’entusiasmo che si spegne passo dopo passo.

«Startup», «opportunità», «innovazione» gli slogan ripetuti ad ogni stand ed il noioso tecno-mantra perfora l’udito come una mitraglia.

«siamo una startup rivoluzionaria», «offriamo nuove opportunità», «la nostra app migliorerà il mondo …»
… bla bla bla …

La solita minestra riscaldata.
Idee nuove già vecchie.

SMAU Napoli, idee nuove già vecchie

SMAU Napoli, idee nuove già vecchie

Alla ricerca di fondi

Il piccolo padiglione6 della Mostra d’Oltremare assomiglia, per gran parte, ad una parodia della Silicon Valley.

Informatici di ogni età alla ricerca di un investitore o – meglio ancora – di un finanziamento pubblico per lanciare la propria idea rivoluzionaria.

SMAU Napoli, alla ricerca di fondi

SMAU Napoli, alla ricerca di fondi

Dal palco dei workshop, sedicenti esperti di Information Technology dibattono dei massimi sistemi ma alla fine, scava scava, l’evento non è coperto dal wifi ed al bar una bottiglina d’acqua costa sempre un euro e mezzo.

Speffy.com la lieta sorpresa

Tra i novelli Steve Jobs, ritrovo un mio ex collega HP: l’eclettico Ing. Salvatore Rullo ideatore del «booking dello sport».

In 60 secondi l'Ing. Salvatore Rullo presenta speffy.com

In 60 secondi l’Ing. Salvatore Rullo presenta speffy.com

La sua creatura, Speffy.com è un motore di ricerca: digiti la città e con un clic ottieni l’elenco dei centri sportivi nella zona desiderata.

In sessanta secondi, è lo stesso Salvatore a presentare il prodotto durante un workshop per le nuove startup.

lo sport che vuoi, dove vuoi, quando vuoi.

L’ascolto con entusiasmo.
Dopotutto ha avuto il coraggio di tuffarsi in un’attività nuova, nella quale crede e spende con passione il suo tempo.

Bravo Salvatore, l’#happytudine sia con te!

Allo SMAU con Salvatore Rullo, ideatore di speffy.com

Allo SMAU con Salvatore Rullo, ideatore di speffy.com

Bill, David e quel folle desiderio nella notte di San Lorenzo

La notte di San Lorenzo

Stasera – la notte di San Lorenzo – un’idea folle si fa spazio tra i neuroni afflitti, uno di quei pensieri che di sera appare geniale ma che svanisce alle prime luci dell’alba sciolto nella sua stessa banalità.

Purtroppo su Napoli, anche se il calendario segna il dieci agosto, impazza una tempesta tropicale, il cielo stellato è osteggiato dai nuvoloni neri carichi di pallettoni d’acqua mentre in lontananza intravedo fulmini e saette scatenarsi nell’entroterra.

Appena il cielo si pulisce, dal mio balcone cittadino guarderò verso l’alto, combatterò contro l’inquinamento luminoso, sfiderò lo scetticismo, aggrotterò gli occhi(ali) ed osserverò la volta celeste.

Il desiderio è pronto.
Ora serve solo una stella compiacente tra le miliardi di stelle on-line.

La volta celeste

Il desiderio: scrivere a Bill e Dave

Come tutte le idee folli, il mio desiderio di contattare Bill e David crolla sotto i colpi impietosi della dura realtà: Bill Hewlett e David Packard dormono il sonno dei giusti.

Bill Hewlett e David Packard, scrivere ai fondatori dell'HP nella notte di San Lorenzo

Bill Hewlett e David Packard, scrivere ai fondatori dell’HP nella notte di San Lorenzo

Stasera, la notte di San Lorenzo, avrei voluto inviare loro un tweet, uno di quei cinguettii magici per chiedere ai due fondatori dell’HP – la multinazionale americana per la quale lavoro – perché HP licenzia me ed i miei 160 colleghi di Pozzuoli.

In questa notte di sogni, sono convinto che i due ingegneri statunitensi mi avrebbero risposto, studiato il problema e compreso.

Come tutti i veri leader, avrebbero rinnegato le decisioni del consiglio di amministrazione fedele solo ai bilanci per far vincere le ragioni delle persone.
Ed un giorno si sarebbero pure presentati nella dimenticata Pozzuoli per porgere le loro sincere scuse a noi lavoratori …

La decisione

Ora è meglio pubblicare subito questo post notturno, se domani mattina lo rileggessi finirebbe nel cestino dei romantici pensieri serali cancellati dal cinismo mattutino.

Fatto.

Buonanotte.

 
buzzoole code

Rotonda di Agnano, mix vincente tra pubblico e privato

Mix pubblico-privato

La rotonda di Agnano è l’esempio vincente di una giusta collaborazione tra pubblico e privati.
Il Comune affida un’area verde ad un imprenditore (piccolo e non) che si impegna a manutenere la piazzola/giardino utilizzando tale spazio per reclamizzare la sua attività.

Da questa semplice idea ci guadagnano tutti: lo Stato risparmia risorse, lo sponsor si fa conoscere ed apprezzare migliorando l’immagine, il cittadino resta gratificato dalla visione di uno luogo pubblico ordinato e ben conservato.

Napoli, la rotonda di Agnano una giusta collaborazione tra pubblico e privato

Testimonianza diretta

I risultati sono evidenti e difatti la medesima iniziativa è applicata dai negozianti in tutti i quartieri di Napoli.

Durante le mie passeggiate metropolitane, osservo le aiuole pubbliche e – con piacere – posso affermare che generalmente sono ben tenute.
Dal Vomero a via Toledo, sul lungomare liberato, Fuorigrotta, Pianura, Posillipo, Chiaia, Scampia – al centro come in periferia – un cartello indica l’autorizzazione comunale e l’affidamento dello spazio (pubblico) al commerciante di turno.

Gli ottimi risultati sono sotto gli occhi di tutti i napoletani e penso di non poter essere smentito.
Stavolta non ci sono «mostri», i conti tornano perfettamente.

[SCOOP] Perché ho rifiutato l’invito di Claudia Schiffer

L’ordine

«Mario, scendere subito!».
Claudia Schiffer non smette di martirizzare l’incolpevole citofono.
Immagino la scena e sorrido: fuori al portone del palazzo, la giovane top model germanica perde le staffe e con l’indice destro – snello, alto e biondo – martella il bottone del frastornato campanello.

E’ chiaro, la diva non è abituata ad attendere e non tollera chiedere.
A lei, prima donna capricciosa, gli uomini cadono umilmente ai piedi e tutto le è concesso.

Claudia Schiffer, il nuovo spot Opel a Napoli?

Il gran rifiuto

«Ehi non urlare, quì abitano persone civili e le tue grida isteriche sono fuori luogo» ribatto dalla finestra conservando un invidiabile self control.
Riempio un secchio con acqua gelata e sistemo la faccenda: una doccia inattesa affonda le invettive della dea teutonica.
«Vai a casa e non tornare più» sentenzio appagato.

La Schiffer mi guarda prima esterrefatta e poi esplode: dagli occhi di ghiaccio partono fulmini e saette mentre minaccia: «è una tedesca! è una tedesca!».
Con l’indice accusatorio ancora puntato verso la finestra del sottoscritto, apre lo sportello della sua lussuosa Opel e mentre sbraita il ritornello sgomma via insieme alla sua eleganza (bagnata).
L’intero condominio assiste allo spettacolo unico, irripetibile e gratuito: il pubblico stupito, applaude divertito.

Il prezzo da pagare

La scena dura sessanta secondi, un film di un minuto, il cortometraggio mai girato che io, ideatore di un innovativo filone pubblicitario, propongo all’importante colosso automobilistico che ha scelto come testimonial proprio la Schiffer, esageratamente impeccabile per essere vera.

La disordinata location napoletana distante mille miglia dalla realtà di Rüsselsheim (sede della Opel), l’imperfezione del sottoscritto, il rifiuto dell’uomo qualunque, la vittoria del mortale contro la divinità del nord, la fuga della regina umiliata hanno un prezzo: diecimila euro e cedo il geniale brevetto alla General Motors (il gruppo statunitense proprietario della Opel).

Vista la crisi economica, sono disposto anche ad uscire con la Schiffer e rivedere la cifra.
Dopotutto io non sono un tedesco.

Il primo pensiero appena svegliati: come riempire il salvadanaio a Natale

Un salvadanaio, due cucciolotti

Stamattina il primo pensiero: cosa c’è dentro al mio salvadanaio?
Se magari ci fosse qualcosa da parte potrei comprare proprio quella cosa che mi è venuta in mente.
Dal salvadanaio escono alcune monetine color rame. 
«Tesoro non bastano a comprare i mylittlepony dal giornalaio… ».

Nel frattempo Ilmiocucciolotto2 reclama anche lui di giocare con il salvadanaio. «Ecco, ecco qua il tuo salvadanaio».
LamiaCucciolotta1 è andata subito a recuperare il prezioso tesoro al suo fratellino. Ma il piccolo porcellino azzurro era vuoto!

«Tesoro perchè non dai una monetina al tuo fratellino, il suo salvadanaio è proprio vuoto». 
Ed ecco che arriva la monetina e il porcellino azzurro così emette il suo bel suono “tin – tin”.

Il primo pensiero appena svegliati: dov'è il salvadanaio di Natale?

La magia del Natale

Il mio spirito imprenditoriale incalza, visto che la maestra sta lavorando tanto per insegnare a LamiaCucciolotta1  le poesie di Natale (più di una!) e visto che LamiaCucciolotta1 le ripete ad ogni ora del giorno e della sera (e credo anche nel sonno) per invocare BabboNatale2013, allora le propongo: «Lo sai che quando i bambini a Natale ripetono la poesia di Babbo Natale, arrivano i soldini da ciascuno dei familiari seduti a tavola come buon augurio per l’anno nuovo? E’ un’antica tradizione che si ripete da sempre. Puoi portare il tuo salvadanaio se vuoi oppure farne uno speciale per il giorno di Natale».

I suoi occhi si sono illuminati.

Lo spirito imprenditoriale è innato.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »