faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: look

Io, fashion blogger (al 22,22%)

La forza del 22,22%

Buzzoole – il sito che misura l’influenza di chi produce contenuti web – assegna al sottoscritto un inatteso 22,22% nel campo della moda.

Se i numeri non mentono, deduco: se cento adulti (più un mezzo bimbo) leggono questo post, ventidue potrebbero prendere sul serio un mio consiglio fashion!
Prendere sul serio si traduce in acquisti, shopping, soldi, carta di credito, l’economia gira come una giostra, il PIL sale, il made in Italy vola!

WOW!!!

Non resta che travestirmi da blogger fashion e digitare un post sulla moda, il 22,22% farà il resto.

Io, influence fashion al 22,22%

Io, influence fashion al 22,22%

L’eleganza (innata)

Dopo le tediose sfilate tra New York e Bollywood, i giornalisti di mezzo mondo chiedono ripetitivi: «Mario, definisci l’eleganza?».

«L’eleganza è una caratteristica innata dell’individuo, come la tenacia, il sorriso o il colore degli occhi. La moda non c’entra nulla. La ragazza più elegante che abbia mai conosciuto non ha mai messo piede su una passarella nè tantomeno indossato un abito di uno stilista. Eppure era (anzi è) la più elegante semplicemente perché è nata elegante».

Dopo un momento di stupore, in sala stampa scoppia la rissa mediatica: «chi è questa ragazza? Il nome! Una foto!», assalito dai cameraman e paparazzi, difeso dai bodyguard, non mi resta che scappare sotto l’assedio dei riflettori, spinte e strattoni da parte dei colleghi della stampa e falsi fashion blogger (un comportamento tutt’altro che elegante!)

Il talento del fashion blogger

La moda, cos’è?

Per chi non lo ricordasse, è bene rinfrescare il concetto: la moda è il valore che compare più frequentemente
(ragazze/i, il vostro fashion blogger al 22,22%, da giovane studente universitario di Matematica, superò l’esame di Statistica con un ammirevole trenta …).

Secondo la definizione, se immaginiamo un’aula affollata da cento individui, la maglietta «più alla moda» sarà quella indossata dalla maggioranza delle persone (vestite tutte uguali dunque?).

Preferiamo essere trattati come soldatini in uniforme?
Oppure come piccoli scolari col grembiule?
Per essere «alla moda» dobbiamo comportarci come automi privi di individualità?
Masse uniformi di consumatori passivi?

Dal mio 22,22% affermo: ragazze/i, non fatevi fregare, la moda non esiste (stavolta sono aggredito dai colleghi fashion blogger)

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Come acquistare: consigli pratici

Regola base: seguire i gusti personali (pensate che Armani, Rocco Barocco e Gucci vi conoscano meglio di voi stessi?)
Sottoregola: assecondare le esigenze della tasca.
Consiglio: passeggiare, curiosare, provare, riprovare, scartare, acquistare (non fate impazzire le commesse però).

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Il look del fashion blogger al 22,22%

Dopo questo post, mi aspetto un forte balzo in avanti della mia influenza: sogno quel 22,22% schizzare ben presto a percentuali degni di un dittatore coreano.

Nel mentre ricordo a tutti (fashion blogger compresi) il dogma del mio infallibile look: semplice è bello 🙂

Entra anche tu in Buzzoole.com!

Vuoi misurare la tua influenza nel web?
Capire in quali campi sei più autorevole?
Entra nel network Buzzoole!


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Questione di look

Il look dei sex simbol

«Mario non ti senti bene?» chiede mia mamma visibilmente preoccupata.
Non ci vediamo da qualche giorno e nel mentre mi son fatto crescere una sottile barba incolta stile Raoul Bova in San Francesco d’Assisi.

«Sto benissimo, grazie» rispondo divertito (immagino già dove vuole parare) e difatti segue l’inevitabile domanda esistenziale «E perché hai la barba?».
«Mamma aggiornati, è una questione di look» ribatto convinto.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

L’osservazione della mia genitrice implica la dovuta riflessione mediatica: Brad Pitt, George Clooney e Richard Gere con la barba incolta sono sex symbol mentre io, se non mi rado per tre giorni, sono invitato a sbarbarmi, poi una doccia calda e subito a dormire così «poi ti senti meglio».

George Clooney dopo aver letto il mio post riflette sulla sua barba e sul suo look

La moda dei tatuaggi

E se decidessi di ricoprire il mio corpo statuario con dei fantasiosi tatuaggi?

La moda è dei calciatori: quando segnano e si mostrano senza veli appare evidente come siano “vestiti” con bizzarri disegni dall’unghia del piede fino all’ultimo capello della testa, nessun centimetro di pelle è risparmiato.

Aquile, serpenti, elementi della natura, dediche a figli, moglie ed amanti, simboli giapponesi, geroglifici egiziani … ogni decorazione nasconde un messaggio (più o meno esplicito).
Eppure un tempo, come ricorda mia mamma, «i tatuaggi se li facevano i carcerati» oggi, invece, sono una forma di comunicazione.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Eleganza e look, due concetti diversi

Mi gratto la barba ruvida e sentenzio: «mamma, l’eleganza non è una questione di look».
«Va bene, ora però mangia gli spaghetti così ti passa» ribatte mia madre mentre sul fuoco già arde la bistecca di maiale.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »