faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: MIUR

#SaveBikeSharingNapoli: se il MIUR mi ruba la bicicletta

Burocrazia del MIUR: il «mostro»

L’ultima «pedalata condivisa» risale allo scorso ottobre (2015).
Da allora, le bici arrugginiscono in chissà quale deposito mentre sale l’indignazione tra i cittadini: perché il progetto Bike Sharing di Napoli è fermo?

Il post Ridateci le bici! #SaveBikeSharingNapoli svela il mistero.
Il «mostro» ha un volto: la burocrazia, termine astratto per indicare l’inefficienza della farraginosa macchina pubblica capace di complicare (e fermare) un’idea tanto geniale quanto semplice.

In 15.000 per tre giri intorno alla Terra

Muoversi in città con il bike sharing presenta mille, innegabili vantaggi ed i numeri incredibili del progetto partenopeo lo dimostrano (io stesso ho provato il servizio con estrema soddisfazione).

Dal sito ufficiale::

Forse non lo sapevate, ma ci abbiamo creduto in più di 15.000 e insieme abbiamo percorso in bici oltre 120.000 km.
Circa 3 volte il giro della Terra, per intenderci!

Bloccare un’idea vincente a favore dei cittadini è tipico della burocrazia italiana, capace di ingessare un paese per una firma dimenticata su un modulo o la vacanza di un dirigente.
Oppure per negligenza ed incapacità.

#SaveBikeSharingNapoli, l’hastag dell’SOS

Gli organizzatori non si arrendono e lanciano l’SOS social.
L’hashtag #SaveBikeSharingNapoli vola su twitter: al MIUR giunge la rabbia, le proteste, richieste, testimonianze e foto dei tanti napoletani ai quali hanno scippato le bici.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Invece di ampliare, chiudono

Il sottoscritto, fermo d’avanti la ciclostazione «fuori servizio» di Castel dell’Ovo, pone un quesito elementare: invece di combattere per ripristinare il servizio (gratuito) di condivisione della pedalata, non dovremmo festeggiare l’estensione del progetto e le aperture di nuove ciclostazioni?

In una città (o nazione?) normale la domanda sembrerebbe assurda, da noi invece assume un tono provocatorio che suscita la risposta cinica del Lettore assuefatto: «ma dove credi di vivere? A Stoccolma?».
Domanda rispedita al mittente: anche a Napoli abbiamo il diritto di pedalare!

Ridateci le bici! #SaveBikeSharingNapoli

Ciclostazione di Castel dell’Ovo di Napoli: il bike sharing fermo dall’ottobre 2015. Perché?

Col casco ma senza le bici

Sul lungomare di Napoli, alla visione dell’ennesima ciclostazione in disuso, con i monitor spenti, i display privi di qualsiasi segnale vitale, l’assenza delle bici colorate, abbandonata al suo triste destino per colpe non sue, sorrido amaro alla mia stessa battuta:

 a Napoli usiamo il casco ma ci hanno tolto le bici

Mettiamo la parola fine a questa (ennesima) vergogna.
Ridateci il Bike Sharing.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Referendum sulle trivelle, e la scuola chiude (nell’indifferenza generale)

Scuole pubbliche chiuse per quanti giorni?

La prima conseguenza del referendum abrogativo sulla durata delle trivellazioni in mare del prossimo 17 aprile sembra non interessare nessuno, nemmeno a Stefania Giannini, l’attuale Ministro dell’Istruzione.

Tra preparazione dei seggi, pulizie generali, spoglio e disinfestazione le scuole pubbliche sedi del referendum chiudono venerdì e riaprono mercoledì (nel migliore dei casi).

Giorni di assenza nel un momento topico dell’anno scolastico passano nel silenzio generale.

Risulta normale e scontato sospendere le lezioni ad aprile: migliaia di genitori-lavoratori dovranno organizzarsi per affidare i figli a nonni (i più fortunati), baby sitter o altro.

La scuola pubblica risulta, anche per simili scelte, totalmente insufficiente per le reali esigenze delle famiglie di oggi.

L'attuale ministro del MIUR, Stefania Giannini, nessuna nota contro la chiusura della scuola pubblica per il referendum sulle trivelle

Referendum sulle trivelle, votare o non votare?

E’ una questione di scelta: partecipare ad un evento democratico oppure disertare?
L’opinione personale sulle trivelle non è in discussione: ognuno di noi si informi, rifletta e decida come votare.

E’ opinabile, invece, l’astensione.

Snobbare le urne per non raggiungere il quorum è un tradimento verso chi, al contrario, crede nello strumento popolare per abrogare una legge ritenuta ingiusta.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Domenica 17 aprile, due elementari domande

Se poi lo Stato, arbitro imparziale, ci mette lo zampino, i conti non tornano proprio.
Ingenue osservazioni sulla data del referendum:

  • Spesa pubblica ed astensionismo
    Perché non accorpare il referendum sulle trivelle con le prossime elezioni comunali per risparmiare soldi ed ottimizzare i tempi?
    Questa scelta avrebbe contrastato anche il temuto astensionismo.
  • Scuole chiuse
    La chiusura dell’anno scolastico è vicina: perché non votare fra qualche mese onde evitare la perdita di ulteriori giorni di lezione?
    Perché le Istituzioni sono indifferenti a tale anormalità che, troppo spesso, passa inosservata?
    Fino a ieri, in molti, ignoravano il problema delle trivelle in mare: procrastinare di due mesi non era poi così grave.

Attendo una nota ufficiale del MIUR che – temo – non giungerà mai.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Hp Pozzuoli affonda, colpita dal fuoco amico

La nave HP Pozzuoli affonda? Nessun rischio

«Tornate subito a bordo, tutti e 160!» tuonano dagli uffici del nord.
«Impossibile signore, la nave affonda» ribatte il fedele marinaio.

Con il cellulare sull’orecchio sinistro ed il braccio destro avvinghiato ad un pezzo di relitto galleggiante, l’uomo osserva i suoi 160 colleghi di lavoro caduti in mare aiutarsi con salvagenti e zattere improvvisate, increduli ed impotenti scrutano la loro nave – la giovane e proficua “HP Pozzuoli” – in una posizione sinistra con la prua che, mestamente, cala verso gli abissi.

Hp Pozzuoli affonda

Hp Pozzuoli affonda

I clienti non devono sapere

«Le merci sono salve? I nostri clienti non devono sapere dell’imprevisto» comandano dagli asciutti e sicuri uffici del nord.
«Signore, la nave “HP Pozzuoli” viaggiava a tutta birra ed era carica di merci per il MIUR, la Motorizzazione Civile, l’INPS … i nostri importanti clienti avrebbero ricevuto gli ordini e la relativa assistenza puntuali come sempre – la loro soddisfazione è tangibile – e tutti e 160 lavoravamo a pieno regime. Ma, a freddo e senza nessun segnale concreto, siamo stati colpiti da un siluro. E vuole sapere lo stupore? E’ un missile HP, capisce? Una pugnalata! Un siluro HP affonda una nave HP. Cosa succede signore?» chiede il marinaio tradito.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

La nuova opportunità

«Calma, possibile che non capiate? Vi offriamo una nuova opportunità!» confermano dagli uffici HP del nord.
«E non potevamo discutere questa “opportunità” insieme prima di affondarci? Avete colpito una nave carica di professionalità nel povero mare del Sud» replica il marinaio in balia delle onde.
«Guardate all’orizzonte, dal Nord giungono gli aiuti. Non vi abbandoniamo, smettetela di lamentarvi e cogliete questa nuova, imperdibile occasione» tagliano corto dagli uffici del Nord.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Il tradimento

Il fedele marinaio depone il cellulare e col binocolo studia l’orizzonte: felice, vede la grande ammiraglia HP navigare stabile e sicura verso i 160 naufraghi di Pozzuoli!
Poi, allarga la visione e scruta un numero indefinito di piccoli oggetti luccicanti intorno alla grande nave HP.

Preoccupato per la sorte della nave aziendale, avvisa immediatamente gli uffici del nord.
«Signore, grazie per gli aiuti ma attenzione ho contato 160 oggetti non identificati intorno alla nostra nave ammiraglia» informa il fedele marinaio.
«Non sono nemici, proprio non comprendete: sono delle piccole imbarcazioni, verrete trasferiti singolarmente, si prenderanno cura di voi, uno ad uno …» tagliano corto dagli uffici del nord.

Il marinaio incredulo riprende il binocolo ed osserva con maggiore attenzione.
La grande nava ammiraglia ha cambiato rotta e si dirige verso i mari del Nord, durante la manovra cala due scialuppe abbandonando altri cinquanta fedeli marinai alla loro sorte.

Il marinaio sconvolto effettua uno zoom su una delle piccole 160 imbarcazioni.
Sgrana gli occhi, ora la visione è chiara: ciò che da lontano appariva come un soccorso non è altro che uno squalo dai denti affilati.

Le lame del nemico luccicano al sole, i 160 marinai ora sono pronti: venderanno cara la pelle.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

HP Pozzuoli, cronaca di un lunedì bollente (tra MIUR e MISE)

Con cuore al MIUR

Alle 11,34 l’esercito dei cento informatici di HP Pozzuoli svolta l’ultima curva romana.
Dopo quattro ore di un interminabile viaggio, nonostante i 40 gradi di un torrido lunedì (20) di luglio, il maestoso edifico del Ministero dell’Istruzione si erige dinanzi ad essi.

Sui loro volti sudati, leggo l’orgoglio.

Cento donne ed uomini provenienti dalle cinque province campane riunitosi alle 6,30 davanti i loro soliti uffici e partiti per la capitale, destinazione MIUR, uno dei più importanti clienti della società informatica americana per la quale lavorano da quasi vent’anni.

Armati di fischietti, volantini e striscione i cento ingegneri del software invadono viale Trastevere ed urlano la loro rabbia.

MIUR, i programmatori HP Pozzuoli controllati con curiosità dalla polizia

MIUR, i programmatori HP Pozzuoli controllati con curiosità dalla polizia

Dalla strada bollente, controllati a distanza da una squadra di poliziotti, si alza il suono della protesta che all’unisono perfora l’atmosfera e giunge fin dentro le fresche stanze dei funzionari ministeriali intenti a regolare l’aria condizionata.

Esistiamo.
Siamo 161 persone.
Guardateci in faccia.
Non siamo indirizzi e-mail per chiedere assistenza.
Non siamo recapiti telefonici ai quali affidarsi.
Non siamo una cifra visualizzata in un foglio excel.
Non siamo un errore da correggere in un bilancio aziendale.
Non siamo l’obiettivo da perseguire per un manager americano.
Non siamo 161 numeri di matricole da cancellare per «ridurre i costi».

Siamo professionisti dell’Information Technology, lavoriamo in HP Pozzuoli ed abbiamo realizzato le più importanti applicazioni per il MIUR: dal concorso docenti alle commissioni di esami, dagli applicativi per le frequenze degli studenti al TFR dei precari, dalle iscrizioni on-line alla fatturazione elettronica, dall’assistenza a tutti i fornitori delle scuole agli esami di stato …

MIUR, la protesta di HP Pozzuoli contro la chiusura della sede

MIUR, la protesta di HP Pozzuoli contro la chiusura della sede

Blocchiamo tutte le attività informatiche da dieci giorni per impedire lo smantellamento del sito di Pozzuoli, l’unica sede HP in Campania (insieme a Bari, l’unica nell’intero sud Italia).

Con la testa al MISE

Dopo il MIUR procediamo verso il Ministero dello Sviluppo Economico.
Dopo l’interpellanza parlamentare al ministro Guidi è previsto un incontro istituzionale al quale partecipano il sindaco di Pozzuoli, un funzionario del Comune di Napoli, un assessore della Regione Campania, le RSU, i sindacati ed i vertici aziendali per discutere sul futuro di HP in Italia.

E’ tempo di trattare, sangue freddo ed incrociamo le dita.

«HP conferma la chiusura della sede di Pozzuoli», sono le parole del sindaco di Pozzuoli, il primo ad uscire dal MISE ed aggiornare noi lavoratori raccolti sotto il ministero ed in attesa da quasi tre ore di conoscere il verdetto.

La doccia gelata è servita.

Torneremo a casa verso le undici di sera, diciassette ore dopo la partenza da Pozzuoli.
Distrutti, stanchi, incerti, viaggiamo lungo l’autostrada in due autobus vicini, quasi a darci forza a vicenda.

Aggiornamento

Il Ministro fissa un nuovo tavolo istituzionale per lunedi 27 luglio mentre noi lavoratori della sede di Pozzuoli continuiamo lo sciopero ad oltranza finché da HP non giungerà un segnale di apertura.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »