faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: new york

«Il grande Gatsby» è davvero grande? [RECENSIONE]

Un classico della letteratura americana

I classici posseggono il segreto dell’immortalità.
La regola vale anche per Il grande Gatsby, il romanzo di Francis Scott Fitzgerald.

Il libro racconta l’epopea di Jay Gatsby.

La vita di un ricco uomo dal passato ignoto, capace di organizzare – nella sua magnifica villa di New York – ogni sera, feste con centinaia di invitati provenienti da tutta la città.
Party sfarzosi, tra champagne e jazz, conoscenze occasionali e relazioni importanti.
Tra un drink ed un ballo, gli estasiati ospiti si pongono sempre la medesima domanda: «ma tu l’hai mai visto Gatsby?».

Nato povero, la vita del misterioso Jay Gatsby, viene raccontata attraverso le parole di Nick, un testimone dell’intera vicenda.
Pagina dopo pagina, scopriremo la verità: fin dove arriva la potenza di un amore mai dimenticato?

Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald, la recensione di un classico della letteratura americana

Gatsby, l’alter ego di Fitzgerald?

Il libro è una fotografia della società americana dei primi del novecento.

Il sottoscritto non conosce l’autore e nemmeno gli intrecci psicologici che legano Fitzgerald e Gatsby – lo scrittore si racconta attraverso il personaggio del libro?

Dunque, privo di influenze esterne, apprezzo l’opera per quello che è: un romanzo della letteratura americana.
La grandezza di questo libro è nella sua semplicità: la trama lineare, il racconto immediato, l’evoluzione della storia, il finale perfetto.

Concordo: «Il grande Gatsby» è davvero grande.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

I film

Dal libro di Fitzgerald, ricordo due film:
– Il grande Gatsby del 2013 con Leonardo Di Caprio
– Il grande Gatsby, film del 1974 con Robert Redford

Non ho ancora visto nessuna delle due pellicole.
Però, mentre leggevo le gesta di Jay Gatsby, mi balenava alla mente il volto sorridente ed elegante di Robert Redford.

Acquista il libro su Amazon!

A New York con Guia Rossignoli, blogger e studiosa d’arte [RECENSIONE]

Guia Rossignoli, dal blog al libro

Planando piano su New York: un anno nella Grande Mela tra musica, libri e musei di Guia Rossignoli non è la classica guida su New York.

Al contrario, l’autrice presenta la metropoli statunitense con un libro … di post.

Strutturare l’opera con uno stile da sito web, caratterizza – nel bene e nel male, l’ebook di Guia Rossignoli.

Invece dei capitoli, le riflessioni.
Anziché pure informazioni su un luogo, un articolo nato dall’esperienza diretta di vita vissuta.

La New York di tutti i giorno: i mercatini, la lavanderia sotto casa, i mille labirinti della metropolitana, i quartieri multirazziali, i bar ed i locali.
Ma anche l’amore, l’attenzione e la dedizione che gli «altri» dedicano all’ arte – a differenza di noi italiani.

Un intenso anno di esperienze che Guia Rossignoli raccoglie in questo libro originale, fresco, leggero.

Guia Rossignoli, autrice del libro Planando piano su New York: un anno nella Grande Mela tra musica, libri e musei

Osservazioni sull’ebook

Un aspetto da evidenziare: la lettura dell’ebook, con il mio Kindle Paperwhite, non è risultata perfetta come al solito.

Difficoltà per visualizzare le foto nei post ed impossibilità ad accedere ai link suggeriti, privano l’ebook del valore aggiunto scaturito dalle origini del libro: il blog.

D’altronde, la struttura dei post scritti da Guia Rossignoli risulta corretta – link ed immagini sono il cuore di un blog – ma i limiti dello strumento riducono l’efficacia dell’opera digitale.

Ma non bisogna scoraggiarsi: l’esperienza risulta innovativa ed interessante.
Da provare.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

I love New York

Visitare New York?
Non basta.

Due, tre settimane, un mese?
Nemmeno.

Desidero vivere New York, entrare nel circuito sociale della Grande Mela e carpire i segreti nascosti oltre la cartolina riservata al turista.
Verificare se davvero New York regala opportunità come visto in mille pellicole hollywoodiane.
Vivere il sogno.

Proprio come la brava Guia Rossignoli.

Acquista il libro su Amazon!


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Steve McCurry al PAN di Napoli. Io c’ero [FOTO]

Steve McCurry, la ragazza afgana

Era destino, l’ audioguida stringe i tempi e spinge l’attenzione del sottoscritto sulla foto numero 37: la ragazza afgana.
La giovane, immortalata da Steve McCurry nel 1984, suo malgrado, diviene l’icona dei conflitti afgani.

Sono alla mostra dedicata al maestro della fotografia al PAN di Napoli ed invece di pigiare 47, sbaglio tasto ed ascolto – dalla voce dell’autore – come è nato lo scatto che poi finirà sulla copertina del National Geographic.

«Sono contento perché la foto ha migliorato la vita di questa ragazza» spiega McCurry.
Parliamo dello scatto che ha regalato la notorietà mondiale al fotografo di Philadelphia.

La ragazza afgana al PAN di Napoli, lo scatto che ha reso celebre Steve McCurry

La ragazza afgana 17 anni dopo

La storia è nota: Steve McCurry ritorna in quel villaggio di profughi dimenticato da Dio per ritrovare la ragazza afgana.
Dopo 17 anni, 

La ragazza afgana di Steve McCurry

La ragazza afgana di Steve McCurry 17 anni dopo

Povertà e ricchezza, la potenza di uno scatto

Lui, il ricco occidentale chiuso al sicuro nel taxi in direzione dell’hotel.
Fuori, sotto la pioggia, la mamma ed il bimbo sotto i colpi del monsone chiedono l’elemosina per sopravvivere.

Il finestrino dell’auto divide i due mondi.

Secondo McCurry, questa immagine, è l’icona della ricchezza e della povertà.

La povertà e la ricchezza, la foto di Steve McCurry al PAN di Napoli

Le mie foto … alle foto di Steve McCurry

La mostra al PAN è magnifica.
Gli scatti di McCurry raccolgono quaranta anni di storie straordinarie, accendono il riflettore negli angoli sperduti della Birmania, nei monasteri Shaolin, tra le tendopoli dei rifugiati di una guerra dimenticata da Dio.

A voi le mie foto … alle foto del Maestro McCurry.

New York, quanto costa prendere un taxi (giallo)?

A New York, in taxi

New York, prima o poi, salirò sul taxi.
Intendo i taxi gialli resi famosi dalle mille pellicole hollywoodiane.

I taxi gialli che chiami urlando dal marciapiede combattendo contro la folla multicolore, manager e immigrati tutti di corsa alla ricerca dell’opportunità.

Con tenacia, guadagno spazio tra la calca, giungo a bordo strada, attendo qualche minuto finché tra il fiume di auto lungo la Fifth Avenue compare un puntino giallo.

Il taxi giallo da condividere

Ad attendere però non sono solo.
Anche una frenetica Jennifer Ariston in perenne ritardo, il posato Richard Gere nell’elegante completo scuro mentre impugna (col guanto, ovvio) una misteriosa valigetta 24ore ed una stravagante Cameron Diaz in abito da sposa, desiderano il mio stesso mezzo di trasporto.

Alzo la mano destra, mi sbraccio, urlo e sbraito fino a quando l’agognato taxi giallo rallenta, accosta e ci preleva.
Il taxi driver pachistano – immigrato di terza generazione – alla vista del bizzarro gruppo non batte ciglio: a New York tutto è possibile.

Viaggio in compagnia degli illustri ospiti perché nella Grande Mela condividere il taxi per dividere le spese è consuetudine.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Dopo il lavoro, al karaoke (sempre in taxi)

Dopo una stressantissima giornata di duro lavoro, la sera – distrutto dalla fatica – trovo le energie per bere una birra in un locale di Manhattan pieno di altri giovani uomini e giovani donne in carriera.

Freschi e riposati nonostante le quattordici ore trascorse in ufficio, dietro un monitor, a servire clienti al ristorante italiano di Brooklyn o friggere patatine in un fast food del Bronx: il karaoke fortifica le amicizie ed incentiva le relazioni.

Fino a notte inoltrata quando un nuovo taxi giallo ci riporterà tutti a casa.

Solo con Jennifer Ariston, come in un film

Il taxi giallo rallenta, accosta, si ferma.
Scendo per primo.
Apro lo sportello: la sposa fugge, sull’altare l’attende un amore a nove zeri.
L’uomo d’affari non perde ulteriore tempo, paga la quota e svanisce nel maestoso Trump Building.

Restiamo io e Jennifer.
Da vecchio galantuomo, verso al taxi driver l’intera somma (più il 15% di mancia).
«Thanks».
Jennifer ringrazia, sorride e si dilegua con eleganza tra la folla newyorkese.

Come in film.
The End.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Central Park, di Guillaume Musso – la recensione

Alice e Gabriel, personaggi affascinanti

Premetto: non amo i gialli.
Ammetto che Central Park di Guillaume Musso è la piacevole eccezione.

Si fa presto ad amare Alice, la delicata e forte poliziotta dal passato atroce.
E come non rimanere intrigati dal misterioso e sensibile Gabriel?

La storia è appassionante già dalla primo rigo: perché Alice e Gabriel si svegliano una mattina ammanettati tra loro su una panchina di Central Park a New York? (lei vive a Parigi, lui a Dublino)

Un giallo psicologico

La trama è avvincente, i colpi di scena si susseguono.
Più che sparatorie e scazzottate, la vicenda è incentrata sui misteri della mente e l’indagine scorre veloce tra ipotesi, moventi ed intuizioni.

Attenzione: non parliamo di una novella Agatha Christie ma di una poliziotta che combatte prima di tutto contro i fantasmi del passato.

Al povero Lettore non resta che leggere tutto d’un fiato il libro fino allo sconcertante finale.

Central Park, di Guillaume Musso - un giallo psicologico

Central Park, di Guillaume Musso – un giallo psicologico

Il dettaglio per i personaggi ed i luoghi

I personaggi – principali e non – sono profondi e tratteggiati con dettaglio.
L’autore pone attenzione anche a descrivere i luoghi con particolari maniacale: durante le scene di azione ambientate a New York sembra di vedere un film!
(scommettiamo che dal libro tirano fuori una pellicola hollywoodiana di successo?)

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Perché (non) leggerlo

Per il finale di speranza.
Per il finale amaro.
Dipende dagli occhi del Lettore.
A voi la scelta.

Acquista subito il libro su Amazon!

Pete Sampras, il mio (famoso) sosia

I gemelli del tennis

D’accordo, ho solo un pizzico di Brad Pitt e da lontano ricordo Richard Gere.
Invece, io e Pete Sampras, siamo due gocce d’acqua.

Ad essere precisi, quella vecchia racchetta ha messo piede sul pianeta Terra sette mesi dopo il mio atterraggio.
Lui è nato in un caldo agosto del ’71, io nel freddo autunno del ’70 (ottima annata, non vi è dubbio).

Immagino gli amici dell’ex numero uno del tennis mondiale navigare su internet, scoprire l’originale e restare a bocca aperta di fronte all’evidenza: il mito Pete Sampras ha un sosia, il sottoscritto.

Io e Pete Sampras, due gocce d'acqua

Io e Pete Sampras, due gocce d’acqua

Io e Sampras: la scheda

Pete è alto 185 cm, io 178.
Lo scrivente più longilineo (l’americano pesa 80 kg, qualche etto in più rispetto al peso forma dell’italiano), entrambi destri e scuri di carnagione, amanti del buon cibo ed attenti alla forma fisica.

Il napoletano (sempre io) si preferisce per l’eleganza nei movimenti, il sette volte vincitore di Wimbledon per la potenza della muscoli.

Il sottoscritto – secondo fonti non ufficiali – nuota meglio (sia al mare che in piscina, laghi e fiumi non contemplati) e, dall’ultimo sondaggio SIAE, risulta più intonato.

L’incontro: l’appello allo sponsor

Nonostante l’evidente affinità, Pete non si è fatto vivo.
Per una questione di età – è lui il giovanotto – attendo un suo cenno ma l’ex atleta (oggi con una pancetta rilassata) resta prigioniere della timidezza.

E’ vero: tutti e due non alimentiamo gossip, evitiamo scandali e paparazzi, detestiamo le serate mondane, preferiamo vivere lontano dai riflettori.

Ma oggi il destino ci mette lo zampino, anzi la racchetta: entrambi utilizziamo la medesima Wilson (che firma anche le nostre scarpe, calzini, i pantaloncini e maglietta ma, secondo i fashion blogger, il più anziano – sempre io – è comunque più chic).

Dunque, l’idea: la Wilson sponsorizza l’incontro tra il sottoscritto e Pete Sampras.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Il mio impegno per i fans

La multinazionale dell’abbigliamento sportivo investe e stanzia i (volgari) soldi, lo scrivente raggiunge il sosia junior a New York, pernotta nella suite dell’Hilton Hotel, per esibizione gioca qualche set col campione americano sul cemento di Flushing Meadows, posa per le riviste a Times Square, vive la Grande Mela con la guida di Sampras, redige un diario degli eventi per la gioia di voi appassionati fans.

Io ci sto, e tu Pete?

PS: ovviamente, per l’intero mese newyorkese (scusatemi, non posso restare oltre), vestirò Wilson 🙂


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Chi è Youri?

Youri siamo noi

Youri è un ragazzo di New York, Youri è il vicino di casa, Youri è un sognatore in cerca di fortuna, Youri è la solitudine, Youri è l’allegria della folla, Youri è il coraggio del dubbio, Youri è una scelta impossibile, Youri è un viaggio senza meta, Youri è la sconfitta, Youri è il successo, Youri è Napoli, Youri è la pioggia nella periferia del mondo ed una giornata di primavera a Parigi.
Youri sono io, sei tu, Youri siamo noi?

Youri, musicista in giro per il mondo

L’intervista

D: allora Youri, chi sei veramente?
R: Sono un ragazzo napoletano che aveva dei sogni di “globalità” come tanti miei concittadini e compaesani, e che è semplicemente arrivato a far arrivare la magia dell’essere napoletano a milioni di persone di ogni paese del mondo, attraverso l’uso di lingue straniere, del canto accompagnato da chitarra e attraverso quella gestualità e comicità appartenente solamente al mio popolo.

D: il bimbo Youri da dove è partito? E l’adulto Youri dove vuole arrivare?
R: Il bimbo Youri è partito dalla strada, dai quei primi calci al pallone ,dai quei campetti dove, cadendo, rompevi un paio di pantaloni e scarpe al giorno. L’adulto vuole arrivare dove il destino ,già benevolo, vorrà portarlo.

D: cosa hai trovato in questo tuo, lungo, personalissimo viaggio (o percorso)?
R: Ho trovato me stesso prima di tutto, ho trovato una realtà molto più dolce di quella in cui sono nato, ho trovato un mondo fantastico, ho trovato la fiducia nel prossimo, ho trovato un pianeta molto più piccolo di quello che immaginavo da bambino.

D: parlaci del tuo CD “Melodies from a busker”: quale è il pezzo al quale sei più legato?
R: Il mio album è l’ecografia musicale della mia vita, dei miei viaggi, delle persone che mi sono passate davanti e di coloro che mi hanno segnato. Busker è un termine inglese che definisce un’artista che si esprime per strada. Il pezzo a cui sono più legato è sicuramente “I still remember you” ,canzone dedicata a coloro che segnano il nostro passato, poiché è con esso che ho capito la mia propensione verso la creazione e la capacità di fare arrivare il mio messaggio a gente internazionale.

D: Youri sappiamo che eri una promessa calcistica, com’è stato passare dal pallone alla chitarra? Quando hai appeso definitivamente (se l’hai fatto) le scarpe al chiodo e hai deciso di dedicare la tua vita alla musica?
R: Si, ero una promessa e lo sono rimasto come tanti talentuosi calciatori napoletani. Ero salito sul treno del successo andando a giocare nel Siena ma dopo poco dovetti ritornare a Napoli per motivi familiari. Nella Puteolana ero stanco di dover ricominciare a convincere i procuratori e allora decisi di smetterla. Ora a distanza di anni, mi rendo conto di cosa avrei perso nella vita se fossi diventato professionista. La musica e il canto sono arrivati solo a Parigi come una maniera per sconfiggere la solitudine e poi è diventato il mio lavoro.

D: quale è la città che, da un punto di vista artistico, ti ha emozionato maggiormente?
R: Direi Parigi, perché è qui che ho suonato di più ed è qui che mi sono trovato davanti alle situazioni più belle, assurde e emozionanti in assoluto. Anche New York ,Berlino e Granada mi hanno regalato dei brividi indimenticabili.

D: Youri, quale cantante segui? Che tipo di musica ami?
R: Non seguo un cantante in preciso, se non per sbirciare nel loro modo di comunicare su internet. Il mio cantante preferito è Freddy Mercury ma da quando ero piccolo ,ho sempre ascoltato stili diversi di musica, dalla country di James Taylor e gli Eagles,al rock psichedelico dei Pink Floyd fino a cantautori come Tracy Chapman, Anouk e George Michael.

D: Youri, per approfondire un tema a noi caro, quale è il «mostro» che più ti spaventa?
R: Il mostro che in un certo modo mi spaventa si chiama “gelosia” o come si definisce nel gergo comune “occhio del malaugurio”. Nel mio caso, non si tratta di un “mostro” fittizio ,creato dall’immaginazione, ma di una vera e propria arma usata dalla mediocrità umana verso coloro che arrivano a qualcosa di buono nella loro vita.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

D: razzismo, paura della diversità, pregiudizi, la diffidenza dei mondi chiusi: giunto in una nuova città, quale è il sentimento (negativo) più diffuso e con il quale ti sei scontrato?
R: Ho avuto tantissimi sentimenti negativi e complessi, difficili da spiegare. Il pregiudizio è un triste pilastro della nostra società ma delinea il livello d’ignoranza e di chiusura mentale di una persona. Per me la parola razzismo è stata coniata apposta mediaticamente per accusare certa gente e per dividere i popoli.Io la chiamerei intolleranza verso persone che non appartengono al circolo ristretto di ogni essere umano, quest’intolleranza è nata con l’uomo e gli apparterrà per sempre.

D: i «mostri» sono ovunque perché presenti nell’essere umano: Youri, ci racconti un episodio accaduto durante i tuoi innumerevoli viaggi che rappresenti l’opposto di ciò che noi definiamo «mostro»?
R: L’opposto di mostro dovrebbe essere sogno. In vacanza nel 2009,cammino per strada a New York nei pressi di Central Park , un tipo mi ferma e mi dice in inglese:”ehi, sei proprio tu? Ti ho visto di cantare al Sacro Cuore di Parigi qualche mese , ho visto il tuo spettacolo ,sei bravissimo!” – e io – “ ma tu di dove sei?” – e lui –“ sono del Belgio”. Riconosciuto dall’altra parte del mondo.

D: Youri, chiudiamo questa simpatica chiacchierata con un finale libero: a te il microfono!
R: Finirei con un consiglio: per tutti coloro che sentono il bisogno di esprimersi e che non possono farlo in Italia, non abbiate paura, partite,lasciate questa terra che non vi merita e con pazienza e coraggio, ci sarà un posto che vi accoglierà a braccia aperte e darà voce ai vostri sogni.

PS: per approfondire, segnalo il sito ufficiale di Youri Menna


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »