faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: panorama (Page 1 of 2)

Quel maledetto, ultimo 33esimo piano [FOTO]

33esimo piano, perchè?

Cosa diavolo pensavo di trovare su quel maledetto 33esimo piano?

La setta dei poeti estinti?
Una riunione degli scrittori anonimi contro la sindrome della pagina bianca?
Il Sindaco col comitato di accoglienza?

Forse, un angolo di città con una prospettiva diversa?
Una visuale ispiratrice?

La vista dal 33esimo piano di un grattacielo del Centro Direzionale di Napoli

In cima alla torre del Centro Direionale

Desidero raggiungere quel maledetto ultimo piano da anni.
Il richiamo degli ascensori volanti è forte: «prima o poi salgo in cima» mi ripeto ogni volta che passeggio nei viali del Centro Direzionale di Napoli.

Pigio il bottone con curiosità.

Chiuso nella ermetica cabina, scruto il display scorrere veloce.
1, 2, …, 17, … 26 … …. 33!
Il bip sancisce la fine dell’ascesa.

Le porte dell’ascensore si spalancano e, prudente, sbarco lassù in cima, dove mai ero giunto prima!

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

La delusione di quel maledetto 33esimo piano

Un alveare di uffici.
Impiegati alienati nascosti dietro ai monitor, chiusi in piccole prigioni come in qualsiasi altro ufficio del mondo.

Guadagno le prime finestre.

Fotografo nell’indifferenza generale.

Armato di smartphone, punto il panorama ma gli scatti sono filtrati dai vetri delle finestre sigillate.
La visuale non è diretta.
La presenza della barriera alimenta la delusione.

La vista dal 33esimo piano di un grattacielo del Centro Direzionale di Napoli

Ritorno alla realtà

Ritorno sui miei passi.
33 … 26  …  … ….  17 … 2 … 1
Il bip sancisce la fine della discesa.

Raggiungo l’uscita.

Alzo lo sguardo, con la mano proteggo la vista mentre un raggio di sole taglia quel maledetto 33esimo piano.

«Che diavolo mi aspettavo di trovare?» rimugino disilluso.
Qualsiasi cosa cercassi, non l’ho trovata.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Salone del libro, le magnifiche immagini da Castel Sant’Elmo (e la coraggiosa vita di Mario Francese) [FOTO]

Mario Francese, giornalista ucciso dalla mafia (1979)

Divenuto giornalista professionista si occupò della strage di Ciaculli, del processo ai corleonesi del 1969 a Bari, dell’omicidio del colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo e fu l’unico giornalista a intervistare la moglie di Totò Riina, Antonietta Bagarella.
Fu uno dei primi a capire cosa stesse accadendo all’interno di Cosa nostra negli anni Settanta, raccontando l’ascesa dei corleonesi Riina e
Provenzano […]

Al salone del libro di Napoli, scopro Mario Francese, giornalista siciliano ucciso dalla mafia davanti casa, la sera del 26 gennaio 1979, a soli 54 anni.
A ricordare le sue coraggiose inchieste, il figlio Giulio.

Con commozione, Carlo Verna, presidente del consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, insieme ad altri autorevoli colleghi siciliani, ricorda Mario Francese.
Una vita dedicata all’informazione con le prime inchieste sulla mafia di Totò Riina e le denunce pubbliche contro la violenta ascesa dei corleonesi alla spietata conquista di Palermo.

Una guerra contro lo Stato che raggiungerà l’apice nella tremenda stagioni delle stragi del 1992 ed annunciata, molti anni prima, dagli articoli di Mario Francese.

La sua figura viene ricordata anche dal Ministero degli Interni in una biografia da leggere e condividere.

a Castel Sant'Elmo, il salone del libro di Napoli

Salone del libro, felice di esserci

Prima Renzo Arbore, poi la scrittrice Cinzia Leone, infine il giornalista Mario Francese.

Dopo le irrinunciabili foto, lascio Castel Sant’Elmo soddisfatto.

Un pomeriggio costruttivo in una location magnifica.
Dove trionfano i tanti libri (famosi e non) e si vive il giusto mix tra intrattenimento e impegno.

In altre parole, dove tocchi con mano i mille volti della cultura.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

La galleria fotografica

Tra le immagini della galleria, si riconosce il poliedrico Renzo Arbore, la scrittrice Cinzia Leone durante la presentazione del suo ultimo libro Ti rubo la vita.
Tra le ombre di Castel Sant’Elmo, Carlo Verna – giornalista RAI – ricorda Luigi Necco e conduce l’incontro in memoria di Mario Francese.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Vesuvio: il cratere e il panorama mozzafiato in un videoclip di due minuti [VIDEO]

Vesuvio, a 1167 metri sopra il livello del mare

La guida indica una linea rettilinea – i binari del treno – poi una macchia verde.
Subito dopo, gli scavi di Pompei.
La giornata è limpida, distinguo chiaramente la sagoma di Capri distesa sul mare blu.
Lo sguardo si sposta verso il litorale flegreo: Capo Miseno e Procida, sono proprio loro!

Da 1167 sopra il livello del mare, il golfo di Napoli, nella sua magnificenza, è un quadro perfetto impossibile da descrivere per il sottoscritto, principiante della penna,

Armato di videocamera, registro.
Con la speranza di catturare la «bellezza» nell’hard disk della handycam.

Vesuvio, 1167 metri sopra il livello del mare

Consigli pratici (ed uno speciale)

Giunti alla biglietteria, per salire sul cratere, occorre passeggiare per quasi un’ora.
Difficoltà particolari non ce ne sono.

Occorre, però, seguire alcuni consigli pratici:

  • il biglietto costa 10€ (al momento in cui scrivo)
  • dopo la biglietteria, non sono presenti servizi igienici (e nemmeno in vetta)
  • lungo il sentiero, sono previste panchine per riposare
  • meglio indossare scarpe comode e cappellino con visiera
  • zaino in spalla con acqua
  • la passeggiata è percorribile da adulti e bambini ma necessita comunque di un minimo di allenamento
  • giunti sul cratere, ogni trenta minuti, partono le visite guidate in tutte le lingue (visite incluse nel biglietto)
  • un binocolo può risultare molto utile

Per rendere la visita speciale, il sottoscritto consiglia di estrarre dallo zaino l’ottimo panino (preparato prima perché sul cratere non si vendono) e gustarsi la pausa pranzo con vista mozzafiato.

Dopotutto, mangiare un panino a 1167 metri di altezza, alle spalle di un cratere di un vulcano, dinanzi ad una distesa di mare blu, non capita tutti i giorni 🙂

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Vesuvio, il videoclip di due minuti


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Dalla terrazza di Castel dell’Ovo, il mare di Napoli in un minuto [VIDEO]

Castel dell’Ovo, aria di mare

«Vogl respirà nu poc e arie e mar» intercetto la mezza frase di un uomo mentre passeggio sul lungomare di Napoli.

Siamo in pieno inverno ma nessuno se ne accorge.

Turisti a mezze maniche, famiglie in bici, ciclisti e sportivi liberi di correre: tutti a godere del sole primaverile … di fine gennaio.

Perché è proprio così: il napoletano, appena può, viene a respirare l’aria di mare.
Forse, vivere in una città di mare, crea un legame naturale con questa enorme distesa d’acqua blu.

Quasi una necessità: guardare l’immensità azzurra rilassa, osservare le barche a vela e sognare – un giorno – di navigare all’orizzonte.

Così, anche il sottoscritto risponde al richiamo e raggiunge il lungomare.

Stavolta, però, scruto l’orizzonte da un punta di vista privilegiato: la terrazza del Castel dell’Ovo.

Dalla terrazza di Castel dell'Ovo, un panorama eccezionale

Dalla terrazza di Castel dell’Ovo, Il video

Una lunga scalinata dalla quale osservo il borgo marinari sovrastato dal caro, vecchio Vesuvio.

Poi, dopo un’ulteriore scarpinata, una prima terrazza che affaccia sul lungomare.
In lontananza Capri, la collina di Posillipo, la città.

Salgo ancora.
Sono nel punto più alto di Castel dell’Ovo con i cannoni a difesa della città, un gabbiano vola libero nel cielo terso ed un panorama immenso, spettacolare, totalmente blu.

Il piccolo smartphone non può catturare cotanta magnificenza.
Ci provo lo stesso.

Un minuto per raccontare il mare di Napoli.
Come promesso.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Napoli in chiaroscuro [FOTO]

Effetto chiaroscuro

Metà città al sole, l’altra metà in ombra.
Il crepuscolo di maggio regala un panorama unico.

Il golfo illuminato da un faro naturale, il Centro Direzionale ed il tappeto di cemento che segue, nella semioscurità.

A completare l’opera d’arte, dei nuvoloni densi e pesanti coprono la testa del Vesuvio, stavolta spettatore impotente.

Osservo il quadro – perché il panorama che si presenta dinanzi agli occhi del sottoscritto, è un quadro.
Posso solo immortalare il momento.
Le parole risultano superflue.

A voi, amici Lettori, il chiaroscuro napoletano.

Il chiaroscuro napolatno


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Villa Floridiana, vince la bellezza

Villa Floridiana, vince il panorama!

La burocrazia malata nulla può contro la bellezza della Villa Floridiana di Napoli.

Su, dalle vette del Vomero, il panorama è finalmente libero dalla cancellate che – per quanti anni? – mortificavano l’accesso totale alla spettacolare vista.

Dal mitologico Castel dell’Ovo alla collina di Posilippo, con il blu intenso del mare a completare la cartolina.
In lontananza, il profilo di Capri ricorda una sirena distesa sulle onde.

Fotografo ma lo scatto non rende cotanta magnificenza.

Villa Floridiana di Napoli, panorama mozzafiato ma negato a metà dalla burocrazia malata

Villa Floridiana, vittima della burocrazia

Gli alberi imprigionati dall’inefficienza della pubblica amministrazione, il verde sottratto ai cittadini per volgari bieche politiche.
La Villa Floridiana è l’ennesima vittima di un paese ingessato in eterno conflitto con se stesso.

Quando l’intero parco pubblico sarà restituito alla città?
A chi tocca intervenire per mettere in sicurezza il verde pubblico?
Al Comune? Alla Sopraintendeza?
Perché a Napoli è cosi faticoso godere di un po’ di sana normalità?
Mistero della fede.

A pagare i litigi tra istituzioni, ovviamente, la collettività.

Stavolta, però, voglio andare oltre.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

La bellezza contro i «mostri»

E’ una bella e calda domenica di febbraio, il luogo non merita volgari polemiche.

Sposto lo zoom dalle squallide cancellate con i desolanti cartelli di «accesso vietato» e punto lo sguardo verso il mare.

Il fascino della Villa Floridiana annienta i soliti «mostri» nostrani.
Per oggi, vince la bellezza.

Villa Floridiana di Napoli, panorama mozzafiato ma negato a metà dalla burocrazia malata


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Grotte di Seiano, panorama mozzafiato [FOTO]

Grotte di Seiano, 800 metri dopo …

Lunedi 19 settembre

Quindici minuti, è il tempo necessario per attraversare la Grotta di Seiano, la galleria che da Coroglio porta ai piedi della collina di Posillipo.

Meno di ottocento metri e ci lasciamo alle spalle l’ex Italsider, il «mostro» di Bagnoli.
Meno di ottocento metri per giungere nel magnifico parco archeologico -ambientale di Posillipo o del Pausilypon, tra il vallone della Gaiola e la baia di Trentaremi.

Usciti dalla grotta, ci aspetta un panorama mozzafiato, impossibile (per il sottoscritto) da descrivere.

Panorama dalle Grotte di Seiano, Napoli

Procida, Ischia e Capri: il trio delle meraviglie

La pioggia della notte spazza via la foschia, i colori sono vivi e la visuale perfetta.

Alla nostra sinistra, dopo la baia di Trentaremi, la zona flegrea, Capo Miseno, Procida ed Ischia sono in mostra per uno scatto perfetto.

Dopo la Gaiola, Capri è in posa: la vanesia signora distesa nel mare attende solo di essere immortalata.

Capri dalla Gaiola, Grotte di Seiano

La galleria fotografica

Le parole sono superflue, il luogo è un concentrato di storia e natura unici nel loro genere.
A voi Lettori la mia testimonianza.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Bianco e nero: la foto ci guadagna?

Bianco e nero vs colore

Il medesimo scatto suscita sensazioni diverse: il primo, in bianco e nero, richiama alla mente il tempo che fu – perché al sottoscritto, l’immagine priva dei colori è un salto all’indietro …

Bianco e nero, perché (a volte) è meglio

… la seconda, l’originale, è la foto priva di ritocchi ed immortala – in tutta la sua semplicità – un giorno qualsiasi sul litorale domitio con la sedia di un bagnante per scrutare il mare, l’eterno movimento.

Bianco e nero, perché (a volte) è meglio

Bianco e nero, quando preferirlo?

Ad ogni foto, la domanda sorge spontanea: quando proporre una foto oscurata dei colori originali?

Il volto di un anziano?
Un panorama dove lo sguardo si perde nell’infinito?
L’immagine anticata?

E se applico il filtro e rovino lo scatto originale?

Nonostante i mille «mostri» catturati con un clic dello smartphone, non ho ancora trovato la giusta risposta.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Se la foto è introspettiva?

Nemmeno il mio amico Mario Cavaliere, instagramer di successo fornisce la soluzione: per lui, lo scatto in bianco e nero è introspettivo.

E per voi, amici Lettori?
Aiutatemi a sciogliere il dilemma: quando applicare il filtro ed eliminare i colori?


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Centro Direzionale di Napoli: il grande intruso [FOTO]

Il Vesuvio

A Napoli abbiamo due giganti, uno naturale e l’altro costruito dall’uomo.
Il primo è famoso in tutto il mondo e si identifica – da sempre – con la stessa città.
E’ lo sfondo delle cartoline napoletane, ha scritto la storia ed è la star più fotografata dai turisti (e non).

Il Centro Direzionale

Il secondo è meno celebre, non compare nei set cinematografici, è privo di bellezze naturali ed è un concentrato di uffici e negozi.
La sua storia è più recente: nasce nel 1995 per opera di un architetto giapponese e rappresenta «il più esteso e imponente agglomerato urbano di grattacieli italiani e dell’Europa meridionale» (fonte), il quartiere (ai piedi del Vesuvio) che agglomera le sedi di aziende ed imprese (di diversi settori e grandezza).

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

La foto

La foto l’ho scattata dal corso Vittorio Emanuele e ritrae il golfo di Napoli ed i due giganti.
Trovate voi l’intruso.

Centro Direzionale di Napoli, il grande intruso


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Castel dell’Ovo, la star del lungomare di Napoli

Castel dell’Ovo, la sentinella del lungomare

Se passeggi sul lungomare di Napoli, è impossibile resistere alla tentazione: smartphone alla mano, inquadri il vecchio VIP, stai attento alla posizione del sole, osservi il mare e scatti.

L’antica sentinella entra di diritto tra le star più fotografate dai turisti, dagli stessi napoletani e visitatori da ogni angolo del mondo (per le sue dimensioni e fermezza, viene consigliato anche per un veloce selfie).

Se la fotografia non è la materia nella quale eccelli, non ti preoccupare.
Il fascino naturale della maestoso avamposto, i colori azzurri delle onde di Mergellina, la luce accecante sopperiscono alla inesperienza dell’autore e alla deficienza del dispositivo.

Eppure, nonostante sia un soggetto inflazionato, come tutte le bellezze risulta diverso ed attraente in ogni fotografia.

Non c’è dubbio: il il Castel dell’Ovo è proprio fotogenico.
(segue lo scatto dello scrivente)

Castel dell'Ovo, la star del lungomare di Napoli

Il Vesuvio fantozziano

Stamane il cielo di Napoli è finalmente azzurro.
In giro c’è solo una nuvola, proprio sulla cima del Vesuvio.

Sorrido al pensiero che il potente vulcano partenopeo, abituato ad essere temuto da tutti, oggi è un po’ Fantozzi 🙂

Fotografo, applico un filtro “crema” e la correzione automatica di Google+ completa il quadro.
A voi la cartolina.

Il Vesuvio fantozziano

Napoli, tre scatti dal pontile di Bagnoli

La passeggiata nel mare

E’ bastato un raggio di sole dopo litri di pioggia e la voglia di libertà ritorna prepotente.
Il pontile di Bagnoli parte dall’ex ITALSIDER e viaggia per ottocento metri nel mare, in direzione Procida strizzando l’occhio a Nisida, Posillipo e la zona flegrea.

Una passeggiata ecologica in un luogo silenzioso, lontano dal traffico caotico della città che pure resta sempre ben visibile.

Smartphone alla mano, inizio a camminare e fotografare.

Se capitate da queste parti, regalatevi la passeggiata nel mare.
Ne vale la pena.

Nisida vista dal pontile di Bagnoli - Napoli

Pozzuoli vista dal pontile di Bagnoli (Napoli)

Un gabbiano osserva la zona flegrea - pontile di Bagnoli - Napoli

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »