faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: riforme

Il Bersani che non ti aspetti

In banca

«Se sposta il suo conto corrente da noi, non verrà addebitata nessuna spesa di chiusura» enuncia l’impettito uomo d’affari.
«Davvero non pagherò subdole penali dichiarate in caratteri invisibili sotto un asterisco truffaldino dietro un cavillo scritto in burocratese?» replico stupito.
«Confermo: per la Legge Bersani nel cambio della banca non pagherà un centesimo» ribatte lo zelante impiegato.

Al telefono

«Per la Legge Bersani, se accetta le nostra offerta, nel cambio di operatore non dovrà pagare nulla. Riceverà una sim nuova con tariffe super scontate!».
E’ la martellante premessa ripetuta dalle compagnie telefoniche per convincermi a cambiare gestore ed accettare la convenientissima promozione del momento.

«Per la Legge Bersani, se accetta il tutto incluso, non pagherà penali se passa con noi».
E’ il medesimo slogan rassicurante spiegato dal call center polacco se propendo per la vantaggiosissima proposta di Telecom Italia.

In auto

«Non si preoccupi, per la Legge Bersani lei usufruirà della stessa classe di merito di sua nonna risparmiando una discreta somma, non so se mi spiego» ammicca il promotore assicurativo.
«Accetto subito!» azzardo felice dopo aver visionato (con depressione crescente) dei preventivi per il rinnovo dell’RC auto più alti del valore della macchina da assicurare.

Il Bersani che non ti aspetti

«Per la Legge Bersani non verranno addebitati costi»

Il pacchetto delle liberalizzazioni proposto dall’allora ministro dello Sviluppo Economico Pier Luigi Bersani (2007, Prodi) comporta tutt’oggi delle innegabili conseguenze positive per noi cittadini.

Da allora, quanti Governi e promesse si sono susseguite?
Innumerevoli riforme annunciate e lasciate marcire nei cassetti del Parlamento.

Dunque, diamo a Pier Luigi ciò che è di Pier Luigi: il merito di aver migliorato – un primo passo, certo – la vita degli italiani.
Dopotutto, in due anni (dal 2006 al 2008) l’ex segretario del PD nonché ex Premier ha realizzato piccole e concrete riforme annunciate e mai compiute da altri quotati politici.

Per apprezzare i suo operato, provate a rispondere a questo semplice quesito: riuscite ad indicare un altro nome che ha operato come il buon ministro Bersani?

La meritocrazia a scuola già esiste (nella testa degli studenti)

Il professore di Fisica

Ricordo perfettamente il professore di Fisica alle scuole superiori quando – a voce bassa e sicura – spiegava le leggi del la dinamica ed in classe calava un silenzio tombale.

Con la mano ferma, impugnava il gesso come una penna stilografica e con la scrittura elegante tracciava grafici precisi e formule sognanti.
A fine lezione, la lavagna appariva perfetta come un quadro di Leonardo.

Eppure sono trascorsi più di venti anni e per il sottoscritto, che dimentica anche la cena della sera prima, è un evento su cui riflettere.

La meritocrazia nella scuola già esiste

La meritocrazia secondo gli studenti

Penso nessun preside gli abbia mai assegnato un premio, allora la meritocrazia nella scuola era un concetto sconosciuto né tantomeno previsto da innovatrici riforme del Governo.

Il carisma, il nostro professore, ogni giorno lo confermava sul campo: gli altri docenti lo stimavano mentre noi – i suoi alunni – lo temevamo per quella brutalità (oggi incomprensibile) ai limiti della crudeltà, lo apprezzavamo per le lezioni impeccabili ed eravamo stimolati dalle interrogazioni pseudo-universitarie.

Un uomo che – oltre alla materia – ci ha insegnato a vivere (e sopravvivere, soprattutto quando col dito sadico scorreva la lista dei nomi per scegliere la vittima da sacrificare davanti alla classe, il suo pubblico – momenti di vero terrore mentre in aula calava il gelo).

Ricordo il professore di Fisica perché era semplicemente il migliore, anzi era il migliore secondo noi giovani studenti dell’Istituto Tecnico.

In effetti, la meritocrazia nella scuola è sempre esistita, basta chiedere agli interessati: gli studenti.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

L’Italiano, il cittadino più forte d’Europa

Non c’è (mai) l’alternativa?

«Siamo sul baratro, il professor Monti ci salverà. Non c’è alternativa».
E uno.

«Monti ha fallito, è tempo di un governo di grande intese che unisca il Paese ferito. Letta è l’uomo giusto, farà le riforme di cui l’Italia necessita. Non c’è alternativa».
E sono due.

«Letta è bloccato tra le paludi della politica, occorre accelerare e Renzi è l’ultima possibilità. Non c’è alternativa».
E tre.

Non ho alternativa!

I tre Governi senza voto

Sono tre governi che noi, elettori senza voto, subiamo.
Secondo i partiti, l’alternativa al Premier-non-eletto sarebbe la catastrofe, The End.

Eppure, al fallimento dei tecnici – che pure furono annunciati come i salvatori della Patria – siamo sopravvissuti.
Tempo trasacorso dal «Non c’è alternativa a Monti» alla sua caduta: 1anno-5mesi-12giorni per un totale di 530 giorni

Il Governo dei compromessi, invece, con una serie di riforme doveva spingere l’Italia fuori dalla crisi ma ben presto si è inceppato tra i meandri dei suoi stessi compromessi.

Eppure siamo sopravvissuti anche alla caduta delle prime grandi intese.

Tempo trascorso dal «Non c’è alternativa ad Enrico Letta» alla sua caduta: 9mesi-25giorni per un totale di 300 giorni.

Oggi siamo al terzo governo consecutivo sostenuto dal postulato matematico «Non c’è alternativa».
La storia insegna che il vigoroso Matteo cadrà quando un suo alleato lo tradirà perché se ti accordi col serpente, prima o poi ti avvelenerà.

E’ solo una questione di tempo.

L’Italiano, il cittadino di ferro

Nel mentre, l’italiano fornisce l’ennesima dimostrazione di forza: difronte all’assenza della libertà di scelta, in bilico sul ciglio del burrone, sotto la costante minaccia di cadere nell’oblio, con la Vita appesa ad un sottilissimo filo trasparente, allo stremo delle forze ed ormai privo di sogni, l’Italiano resiste da oltre 830 giorni senza alternative.

E’ evidente, siamo più resistenti di qualsiasi altro cittadino europeo.

Il cavalluccio rosso

«L’Italia ha bisogno di ripartire

In questo post raccolgo i primi annunci storici che mi sono balenati davanti gli occhi(ali), le stesse medesime dichiarazioni ripetute dai nostri uomini al potere da sempre.

Non ricordo l’età esatta quando – per la prima volta – ascoltai la profezia «Non possiamo più perdere tempo, l’Italia ha bisogno di ripartire».

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

«Il Sud è una risorsa»

Magari, in quel periodo, ad annunciare il presagio fu un volto nuovo pieno di belle speranze e noi, ingenui, ottimisti e speranzosi, lo credemmo.
Poi venne il momento del martoriato «Il Sud è una risorsa» a cui, nei secoli, non è mai seguita nessuna azione veramente coraggiosa.

L'anello di Mobius

Il cavalluccio rosso di Riccardo Pazzaglia

Le dichiarazioni ufficiali si ripetono ciclicamente, sempre uguali, mai risolte ma il tempo è galantuomo e svela i misfatti e le promesse (mancate).

Così, amici Lettori, vi invito a votare la dichiarazione «Cavalluccio Rosso», l’affermazione ripetuta da ogni nuovo Governo, l’annuncio clonato dal politico del giorno … proprio come la storia raccontata dal bravo Riccardo Pazzaglia nel divertente (ed amaro) film “Così parlò Bellavista“, con un lungimirante ed ironico Luciano De Crescenzo.

[socialpoll id=”2185558”]

 


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »