faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: rosa ventrella

«Fiori di magnolia» di Rosa Ventrella: un romanzo davvero rosa [RECENSIONE]

Fiori di magnolia: per chi ama le storie d’amore senza tempo

Fiori di magnolia di Rosa Ventrella è un classico romanzo rosa.
Un genere che seguo ma con un pizzico di prudenza perché troppe smancerie innalzano il livello di glucosio nel sangue.
Per il sottoscritto, Fiori di magnolia è un dolce fin troppo calorico: a fine lettura, i valori di glicemia schizzano prepotenti oltre la soglia consentita.

Ma alternare i generi permette di viaggiare in nuovi mondi altrimenti ignorati.
Questione di abitudini (letterarie).
E proprio in uno di questi viaggi esplorativi scopro la brava Rosa Ventrella.
Colpito dall’intenso Storia di una famiglia perbene, le chiedo un’intervista.
Vorrei approfondire.

La giovane scrittrice – gentile e disponibile – si sottopone all’interrogatorio di un lettore desideroso di carpire quel momento magico che tramuta un flusso caotico di pensieri in un libro emozionante.

E così, risposta dopo risposta, divento fan di Rosa Ventrella!
Fino a giungere agli odierni Fiori di magnolia che, ne ero certo, dalla biografia presente sul sito ufficiale dell’autrice, risulta uno dei suoi primi romanzi.

"Fiori di magnolia" di Rosa Ventrella: la mia recensione

Fiori di magnolia: perché leggerlo

Fiori di magnolia rientra nelle fase acerba della scrittrice?
Probabile.

Lo stile è scorrevole ma la storia subisce forti rallentamenti dalle (troppe) considerazioni interiori della bella Nina, la protagonista.
Scorrono le pagine ma la trama evolve lentamente, per poi accelerare con un lungo balzo temporale che spiazza.

Ma, giunti all’agognato finale, a mente fredda, mi convinco: trattasi di innocenti peccati di gioventù dell’autrice.
Fiori di magnolia merita la lettura.

Oltre agli inguaribili romantici, consiglio il romanzo anche ai duri di cuore: dopotutto, l’Amore è il motore della vita 🙂

Acquista il libro su Amazon!


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

«Come in un film, le immagini della storia mi scorrono davanti»: l’ispirazione secondo Rosa Ventrella [INTERVISTA]

+++ ATTENZIONE +++

Articolo spostato su mariomonfrecola.it

A breve, avverrà un redirect automatico alla nuova pagina.
Se non vuoi aspettare, clicca qui.

Rosa Ventrella, «Storia di una famiglia perbene» e la voglia di leggere [RECENSIONE]

Voglia di leggere, il merito di Rosa Ventrella

Soddisfatto.
Dopo l’ultima rigo di Storia di una famiglia perbene, provo quella dolce percezione che assaporo ogni volta che leggo un libro «bello».
Utilizzo «bello» come aggettivo con convinzione.
Perché, anche se termine semplice, «bello» descrive un insieme di sensazioni positive.

Il romanzo della brava Rosa Ventrella suscita, nel sottoscritto, l’attesa.

La voglia di leggere, il desiderio di fermare il tempo per trovare quel momento magico e sprofondare nel mondo di Maria, Vincenzo e Giuseppe.
Tremare con loro quando si scatena l’ira del padre, ascoltare le consolatorie parole della mamma, passeggiare nei vicoli di Bari vecchia fino al mare.

E sognare con Michele. l’amico dal cognome difficile.
L’amico di sempre.

Rosa Ventrella, autrice del romanzo "Storia di una famiglia perbene"

Come in un film

La potenza delle parole di Rosa Ventrella scaraventano il lettore in un film.

Un film per descrivere una delle tante periferie italiane.
Dove la vita scorre tra mille pericoli e facili tentazioni.
Tra le parole delle comare e gli sguardi degli abitanti del quartiere.

Così, pagina dopo pagina, scopriamo che Bari vecchia è protagonista della storia, prigione dalla quale evadere e cassaforte di affetti.
E – anche stavolta – i tanti Maria e Michele si ritroveranno nell’atavica domanda che ognuno di noi, prima o poi, affronta: fuggire o restare?

Storia di una famiglia perbene è proprio un bel film.
Un film che, la voglia di leggere, consuma in un tempo troppo breve.

Acquista il libro su Amazon!


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »