faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: sogno (Page 1 of 2)

Scrivere, leggere, viaggiare: riflessioni a voce alta

Scrivere, leggere …

Amo scrivere e vorrei firmare le prime pagine dei quotidiani.
Ma, amici Lettori, per vostra fortuna l’inchiostro resta nella penna causa successione di doveri.
Costretto a ridurre le attività ad un paio di articoli a settimana – anche se i «mostri» sono ovunque e prolificano come le zanzare – sogno una Redazione H24 e sempre sul pezzo.

Amo leggere, soprattutto romanzi e biografie (e poi pubblicare le recensioni).
Ma, purtroppo, dopo una giornata di lavoro, la stanchezza morde i polpacci ed il divano-tentatore mi scaraventa, impietoso, verso il buio della notte.

Quante volte, la sera a letto, mentre frequento i personaggi di un romanzo, gli occhi si chiudono e il Kindle scivola via dalle mani?
La resa è totale, Morfeo sferra il colpo del KO e la gara (impari) termina senza ulteriore resistenza (tranquilli, il lettore di ebook protetto da opportuna custodia, è salvo).

Scrivere, leggere, viaggiare: tre innocui sogni da realizzare

… e viaggiare

Terzo desiderio: viaggiare.
Mettere piede fuori di casa, esplorare nuovi orizzonti, conoscere realtà diverse, staccare per un po’.

E raggiungere piccoli obiettivi, come salire su quel caro colle dell”Infinito, a Recanati.

Innocui sogni realizzati, forse è questo il segreto della Vita?

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Scrivere, leggere, viaggiare: e allora?

Concordo l’obiezione: giunti a fine lettura, emerge una sensazione di incompletezza.
Quale il messaggio di questo articolo?
Cosa ci vuole comunicare l’autore?

Chiedo venia: trattasi di riflessioni personali, un ragionamento a voce alta.

Come uno di quei pensieri che di notte, con la testa sul cuscino prima di cedere a Morfeo, sembrano geniali ma, alle prime luci dell’alba, risultano assurdi.

Notte.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

E se andassi al teatro in bici?

La svolta in città: far la spesa in bici

Con l’occhio sinistro controllo la e-bike, col destro parlo con la commessa.
In bilico sulle scale della libreria, non ho il coraggio di lasciare la bici.
Nonostante l’abbia incatenata ad un palo, temo che all’uscita dal negozio, avrò un libro in più ed una bici in meno.

Per i ciclisti, a Napoli manca tutto: dalla agognata pista ciclabile ad un ovvio parcheggio dove sostare (in sicurezza) il proprio mezzo a due ruote.

Un vero sistema di mobilità alternativa permette, a chi ama pedalare in città, di raggiungere il supermercato, parcheggiare la bici (con la certezza di ritrovarla al ritorno), far la spesa e continuare gli spostamenti.
Andare alla posta, recarsi al cinema, visitare un museo.

Senza auto.

Usare la bici in città per far la spesa, andare al teatro ... quando accadrà a Napoli?

Foto: in un piccolo centro della Toscana …

Ad oggi, utilizzo la e-bike per il solo tragitto casa-lavoro / lavoro-casa.
Desidero il salto di qualità ma il contesto cittadino opprime l’iniziativa.
Troppe insidie: la difficoltà nel trovare un posto sicuro dove lasciare l’amata bici è l’ostacolo principale da superare.

Sembra una banalità, invece, è un problema reale.

Ad esempio, quando partecipai alla riunione con il Sindaco De Magistris a palazzo San Giacomo, nei pressi di piazza Municipio, trovai un solo garage disposto ad accettare la bici.
Dopo tre ore di sosta, pagai la tariffa di una moto!
(per la cronaca: 7€ se la memoria non mi inganna)

Eppure, basta spostarsi di qualche Regione, per verificare come – altrove – la bici sia un normale mezzo di trasporto di uso quotidiano.

La foto l’ho scattata questa estate in un piccolo centro della Toscana.
Turisti e cittadini si spostano, raggiungono i lidi, pranzano al ristorante pedalando.

Fuori ogni locale, le rastrelliere.

Per incentivare l’uso delle due ruote, facilitarne l’uso, convincere gli indecisi, dimostrare che, in un sistema organizzato, spostarsi in bici conviene (a tutti).

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Primo passo: parcheggiare la bici

La richiesta del sottoscritto: permettere ai ciclisti metropolitani l’utilizzo della bici per muoversi in città.

Come?
Installiamo le rastrelliere nei vari angoli di Napoli.

Fuori gli uffici postali, lungo le strade dello shopping, nei musei, cinema e teatri, nei cortili delle scuole (poi, un giorno non troppo lontano, anche nei pressi delle stazioni della metropolitana).
Partiamo dalle zone a traffico limitato, più facili da controllare.

Permettere di parcheggiare – in sicurezza – è l’inizio per incentivare l’uso della bici ogni giorno.

Una richiesta semplice e di immediata efficacia.
Attendiamo risposte – anzi, rastrelliere.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

A Recanati, sul (caro) colle dell”Infinito: un sogno realizzato [FOTO]

«Sempre caro mi fu quest’ermo colle»

A 293 metri sopra il livello del mare, realizzo un sogno.
Il punto più alto della vacanza, a Recanati, sul colle dove Giacomo Leopardi compose l’Infinito.

A Recanati, sul colle de L'Infinito: un sogno realizzato!

L’Infinito, grafia di Giacomo Leopardi

Chissà perché ho sempre amato Leopardi, fin dai tempi della scuola.
Eppure, alle superiori, brillavo soprattutto nelle materie scientifiche e snobbavo la letteratura.

Forse la scintilla scattò quel giorno, quando per caso – presso la Biblioteca Nazionale di Napoli – visito una mostra dedicata al poeta e leggo una copia del’Infinito con la grafia originale di Leopardi.

Una folgorazione che, a distanza di anni, mi porta a Recanati?

Recanati, la prigione d’oro di Leopardi

Emozionato, dal colle osservo le colline marchigiane.
Con la vista scruto l’orizzonte, il trionfo del verde tra le dolci vette delle montagne in lontananza.

Per il sottoscritto, un panorama affascinante.
Per Giacomo Leopardi, l’Infinito oltre la siepe, la via di fuga dalla prigione di Recanati.

A Recanati, sul colle de L'Infinito

«Come in un libro di storia»

«Sembra di passeggiare tra le pagine di un libro di storia» balbetto appena giungo a Recanati, a pochi passi da Casa Leopardi.
Dalla piazza limitrofa, osservo l’imponente palazzo, sede (ancora oggi) della famiglia del poeta.

All’interno, l’enorme biblioteca privata voluta dal padre, il Conte Monaldo, uomo illuminato pronto ad investire il proprio patrimonio per acquistare e raccogliere libri di storia, scienza, filosofia, astronomia …

Creerà una biblioteca con quasi 14 mila volumi, a disposizione per lo studio dei figli e della popolazione (a fine settecento, uno dei primi casi in Europa di biblioteca privata aperta al pubblico).

A Recanati, casa Leopardi

L’amore per Silvia? Un falso storico

Dalle finestre del palazzo, il giovane Leopardi studia ed osserva la vita nella piccola piazza, al centro di Recanati.

La vivacità dei bambini, il duro lavoro di Teresa Fattorini – figlia del cocchiere di casa Leopardi – morta a soli vent’anni per tubercolosi.
Secondo la guida che ci accompagna, Leopardi non ama Teresa Fattorini ma resta colpito dal suo triste destino.

A lei si ispirerà (nove anni dopo) per comporre A Silvia.

A Recanati, la casa di Silvia

La biblioteca, il Google di Leopardi

Studi recenti asseriscono che il giovane Leopardi consultò il 75% dei 14 mila volumi presenti in biblioteca.

I libri come un moderno motore di ricerca: tra le migliaia di pagine catalogate per argomento, il poeta sfama la sua infinita sete di conoscenza.
E viaggia con la mente lontano da quelle pareti che, ben presto, risulteranno un mondo troppo piccolo per un uomo così straordinario.

Spostandosi col tavolino, da finestra in finestra alla ricerca della luce, Leopardi con la forza dell’immaginazione, da quelle finestre, osserverà il mondo e scriverà versi immortali.

A Recanati, il sabato del villaggio

A Recanati, il sabato del villaggio


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Dopo il sogno nel cuore, l’anno sabbatico

Comandante, dove sei?

Osservo la “N” azzurra con nostalgia.
L’immagine sulla borsa poggiata sul pedalò riapre ferite (sportive) non ancora rimarginate.

Ne è trascorso di tempo dalla fine dell’ultima SerieA ma il sottoscritto prova ancora delusione per l’amaro epilogo.
Continuo a rivivere quei momenti: dove abbiamo sbagliato?
E incredulo chiedo; perchè?
L’assenza di una risposta convincente mi lascia nel limbo dell’incertezza.

Come l’abbandono di un amico senza una plausibile spiegazione.
Già, un caro vecchio amico con il quale cresci, ti confronti, provi emozioni e poi sparisce senza nemmeno una telefonata.
Il vuoto che non puoi colmare con la logica di un ragionamento.

Osservo la “N” azzurra in una domenica qualsiasi, in riva al mare.
Con lo sguardo raggiungo l’orizzonte e la domanda dell’io-tifoso riemerge prepotente: perchè il nostro Comandante non guida il Napoli campione d’Italia?

 
Avevo un sogno nel cuore

Confermare Sarri, l’unico rimedio?

Chiodo schiaccia chiodo, è una regola falsa.
Il nuovo allenatore Ancelotti non cancella la malinconia per la storia appena terminata.

Il nostro epico Comandante, fautore di emozioni e bellezza calcistica mai vista prima, resta impresso nella mente dello scrivente.

La grande ingiustizia poteva essere riparata solo con la permanenza di Maurizio Sarri alla guida sel suo (nostro) seducente Napoli.
Avrei preferito mille volte la conferma dell’uomo con la tuta a qualsiasi altro nome, anche risonante.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Per ritrovare la passione perduta

Troppe delusione tutte insieme: via il Comandante, via (forse) il Capitano.

E così, dopo l’ultimo campionato avvelenato, decido: prendo una pausa dal calcio.

La decisione ponderata è suffragata da mille validi motivi.
Ne elenco alcuni:

  • amo il fair play e nel calcio non esiste il fari play
  • amo la sana competizione ed il calcio è competizione scorretta
  • amo la trasparenza e nel calcio la trasparenza è stata cancellata
  • amo la riconoscenza e nel calcio la riconoscenza è surclassata dal soldi
  • amo la fedeltà ma nel calcio vincono i mercenari
  • amo la correttezza e lealtà ma nel calcio il risultato conta più di tutto.

Amo lo sport ma il calcio non è più uno sport.

Stanco e privo di passione, oggi necessito di ripulire la mente dalle gioie regalate dal Comandante.
Un reset emozionale.
Perché cotante emozioni sono impossibili da ripetere.

Quel feeling squadra-tifosi che ci ha spinto ad un metro dalla vetta, quell’atmosfera magica di un sogno prossimo alla realizzazione.

Prendo atto: il sogno nel cuore si è infranto contro l’ingiustizia del calcio malato, deluso parto per il mio anno sabbatico.

Per ritrovare la passione perduta.
E, per riconoscenza al Comandante.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

«Abbi fortuna e dormi» di Luciano Esposito: come un arcobaleno sul mare [RECENSIONE+FOTO]

«Abbi fortuna e dormi», tra sogno e realtà

Termino Abbi fortuna e dormi in riva al mare, il luogo ideale per leggere l’intrigante romanzo di Luciano Esposito.

Seduto sulla sdraio, sotto l’ombrellone, sforzo lo sguardo per raggiungere l’orizzonte.
Osservo l’infinito blu, dove finisce la realtà e inizia l’immaginazione.

Con il libro tra le mani, rifletto su quel labile confine tra quotidianità e sogno.
Ecco il segreto di un libro appassionante!
Pagina dopo pagina, la trama ti porta in un mondo immaginario popolato da persone concrete che, ben presto, da personaggi di fantasia, diventano persone alle quali ti affezioni.
E non vorresti più lasciare.

Abbi fortuna e dormi ha proprio questo merito – non ovvio.
Cattura l’attenzione e ci trasporta in un viaggio affascinante.
Con molteplici tappe: sorridiamo, in alcuni capitoli riflettiamo, infine ci emozioniamo.
Sempre con leggerezza.

Perché il bravo autore utilizza uno stile scorrevole, conversazioni ben strutturate, la narrazione accelera e poi rallenta tra questioni surreali e visioni tremendamente concrete.

Giunti all’ultimo rigo, ci svegliamo come da un lungo sonno, riposati e sorridenti.
Compiaciuti per aver afferrato quel dolce sogno nascosto nel romanzo.

Abbi fortuna e dormi, di Luciano Esposito

E spunta l’arcobaleno sul mare …

Ho appena terminato Abbi fortuna e dormi, chiudo il libro col sorriso soddisfatto.
Da sotto l’ombrellone, continuo ad osservare l’orizzonte.

Le atmosfere oniriche della trama ricordano un film di Tim Burton.
«Bravo Luciano» mi congratulo nella mia mente con lo scrittore (esordiente).

Mentre immagino uno stallone bianco correre lungo la spiaggia, osservo meglio il panorama.
Sbatto le palpebre e metto a fuoco la scena surreale: un insolito arcobaleno all’orizzonte.
Sul mare!

Immortalo la scena.

Un’immagine colorata, rara e preziosa.
Come un bel sogno, come il romanzo che ho tra le mani.

L'arcobaleno sul mare spunta mentre termino Abbi fortuna e dormi, di Luciano Esposito

Acquista il libro su Amazon!


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Calcio, la sfida impossibile tra il Golia Bianconero e il piccolo Davide Azzurro

Il calcio è del gigante Golia?

Per noi spettatori, quale è il divertimento nel seguire un campionato con il vincitore già assegnato?

Mentre scrivo, il Golia Inglese potrebbe aver già tagliato il traguardo.
Al Golia Tedesco e Francese, manca un metro.
Il Golia Spagnolo ha un margine significativo sugli avversari, impotenti attori di un film dal finale scontato.

In tutta l’Europa calcistica, contro lo strapotere del gigante Golia, resiste solo il piccolo Davide Azzurro.

Lui, giovane ed impertinente, se ne frega dello strapotere del Golia Bianconero e tiene viva la sfida.

Il calcio europeo senza mordente: solo il Napoli tiene vivo il campionato italiano

Calcio, si gioca per il secondo posto?

Il microscopico Davide Azzurro ha un indiscutibile merito: tiene col fiato sospeso il gigante abituato a comandare.

Il piccolo eroe, non possiede la potenza dell’avversario, però è veloce.
Non conosce i trucchi del mestiere ma ha l’entusiasmo dei giusti.
Combatte con mezzi rudimentali, ma non ha nulla da perdere.

E, come tutti i paladini, il nostro Davide Azzurro è l’orgoglio del suo popolo.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Davide Azzurro vs Golia Bianconero

Un battuto d’ali ed il campionato termina.

Ma, nonostante manchi davvero poco, la sfida italiana tra il gigante bianconero ed il minuscolo eroe azzurro, è l’unico finale ancora da scrivere.
In tutta Europa.

Sfida ancora in gioco grazie all’intraprendenza del nostro piccolo, coraggioso Davide Azzurro.

Il gigante Golia è certo della vittoria, la mano del piccolo Davide Azzurro trema.
La paura annebbia la vista, la pressione piega le gambe.

Giunti al momento fatidico, i dubbi assalgono l’inesperto.
La stanchezza diviene un macigno, la missione è troppo grande per il piccolo Davide Azzurro?

Ma, quando tutto sembra perso, Davide Azzurro lancia l’ultimo colpo.

Perché attraverso i suoi occhi, un milioni di occhi azzurri incrociano lo sguardo del Golia bianconero. 
Un coro di un milioni di voci azzurre rimbomba nella mente del piccolo eroe:
«vai Davide, provaci! Noi siamo con te!»

La fionda lancia l’ultimo colpo.
Il proiettile vola dal basso verso l’alto disegnando una perfetta parabola.

Non sapremo come finirà finchè la botta non colpirà la fronte del gigante bianconero, sorpreso da tanta audacia.

Però di una cosa siamo certi: Davide Azzurro ha reso l’esito della sfida impossibile, incerto fino alla fine.

Ed era proprio ciò che il milione di occhi azzurri chiedeva e desiderava.
Grazie piccolo, coraggioso Davide Azzurro.
Siamo tutti con te.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

«Fight Eat Club? Ispirato da Edward Norton e Brad Pitt» [INTERVISTA]

Fight Eat Club, da un sogno di Antonio Prestieri

Quella domenica di ottobre del 2016 in tv davano uno dei miei film, ma soprattutto uno dei miei romanzi preferiti, Fight Club.

Questa storia non parte da un garage di Palo Alto: stavolta siamo in Italia, nel produttivo nord.
Tra la nebbia della periferia milanese, avanza l’idea di un gruppo di giovani capeggiati dall’istrionico Antonio Prestieri.

Già scrittore (Le Cose degli Altri, il suo romanzo d’esordio), dal nulla crea Fight Eat Club, il primo portale dedicato alle sfide tra cuochi amatoriali.

[…] Hanno messo sopra un piatto da portata la loro tenacia, competenze e complicità, e fatto di un guantone da cucina il loro acchiappasogni

Con curiosità, intervisto l’Amministratore Delegato di Fight Eat Club.
Per carpire quel momento magico nel quale un sogno diviene realtà.

Fight Eat Club, lo staff

Fight Eat Club, le 8 regole della sfida

D: Antonio, amo studiare i casi di successo e la vostra startup lo è.
Rientri tra quelle persone che, grazie ad un’idea vincente, modifica il proprio destino.
Ci racconti il momento magico nel quale scatta la scintilla e nasce Fight Eat Club?
R: Tutto accadde lo scorso autunno.
Avevo avuto un improvviso attacco di Media.
Succede ogni volta che per pigrizia cerco di liberare la mente senza dover uscire.
Così mi lascio andare sul divano e subisco il flusso televisivo.
Quando ho bisogno di resettare la mente la televisione riesce pienamente ad addormentare i neuroni.
Quella domenica di ottobre del 2016 in tv davano uno dei miei film, ma soprattutto uno dei miei romanzi preferiti, Fight Club.
Il cervello così si attivò e, anziché spegnersi, iniziò ad eccitarsi sotto lo sguardo di Edward Norton il quale acquistava mobili dagli svedesi.
Fu l’alter ego, Brad Pitt, ad accendere la miccia.
L’attore aveva interpretato in Ocean’s eleven e in Snatch, un personaggio che spesso mangiava.
Non so perchè, quando lo rividi in Fight Club pensai alle scene di questi film.
La parola “eat” entrò di prepotenza e nacque Fight Eat Club con le sue 8 regole

Antonio Prestieri, quando la scintilla

D: Antonio, Fight Eat Club era nei meandri del tuo cervello.
Nascosto tra i geniali pensieri che emergono di sera, prima di addormentarsi, e svaniscono con i primi raggi di sole.
Stavolta il sogno è proseguito.
Perché? Quali gli elementi forti/diversi dell’idea?
R: Quella notte di ottobre sognai le sfide tra cuochi amatoriali come la lotta liberatrice del film.
Come tanti cuochi e foodie, quando cucino mi rilasso col mondo ma non abbasso la guardia, anzi sono più combattivo che mai e so che potrei vincere con chiunque ai fornelli.

D: Talento, passione, coraggio: sono i tre elementi necessari per vincere una sfida.
In quale dei tre ti riconosci?
R: Sicuramente nella passione.
Quando c’è la passione, il coraggio arriva sempre e il talento sbuca improvvisamente dal nulla.

Antonio Prestieri, Amministratore Delegato di Fight Eat Club

Fight Eat Club, come funziona

D: La passione per la tecnologia, l’amore per il buon cibo, la voglia di divertirsi.
Ci spieghi come funziona Fight Eat Club?
R:  Fight Eat Club è il primo “talent” sul web di sfide culinarie a premi tra cuochi amatoriali, una vera e propria gara con video ricette da casa.
L’innovazione è soprattutto nella APP.
La prima al mondo dedicata alle video ricette: l’APP permetterà a chiunque volesse realizzare una video ricetta da casa di farlo in modo semplice usando solo il proprio cellulare.
L’app, infatti, guida l’utente passo passo nella realizzazione della video ricetta, curando anche il montaggio e la musica.
In questo modo tutti i cuochi amatoriali possono partecipare e vincere!

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

La forza di un sognatore

D: Fight Eat Club: quali obiettivi vi siete posti?
Quando il vostro progetto sarà «un successo» e quando «un fallimento»?
R:  In America un business man si valuta dal numero dei suoi fallimenti, maggiori saranno e maggiore sarà il suo successo.
A questo punto della mia vita possiamo essere tranquilli: sarà un successo!

D: Antonio il percorso da seguire per concretizzare un sogno è zeppo di fossi, curve, salite. Quali i principali ostacoli da segnalare ai futuri sognatori?
Come superare i mille imprevisti?
R:  Troppe variabili per dare un consiglio, posso solo dire che il mondo non ama i sognatori perché sono capaci di cambiarlo.

Fight Eat Club, lo staff

Fight Eat Club, emozioni culinarie

D: Antonio, sei sul blog dei «mostri».
Ci sono più «mostri» in cucina o sul web?
R:  Nel Web.
In cucina i mostri sono pochi.
Qualche chef professionista che crede che pendano tutti dai sui piatti; non ricorda che tutto il cibo si trasforma e una buona parte si scarta nei wc di ogni cliente.

D: Antonio, salutaci con una riflessione libera e stimola il nostro appetito con una video ricetta speciale.
R:  Quando, per la prima volta, vidi crescere il Flan nel forno ebbi la netta sensazione che quella sarebbe stata la prima di un’infinita serie di emozioni culinarie.
L’emozione più grande però arrivò dopo, quando le persone che amavo assaggiarono il piatto e rividi nei loro occhi l’espressione dell’amore che avevo riversato dentro …
Il progetto Fight Eat Club nasce da un film, chiuderei con una frase allora.
Con una frase del film Ratatouille:

“Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare! “

Tra le tante ricette, vi consiglio la Tarte Tatin alle Cipolle di Stefano Callegaro, il nostro testimonial (Vincitore di Masterchef 4)


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Il mio «muro di Poggioreale» su Vivere, il giornale del CDN

Vivere, il mensile del Centro Direzionale

Veder pubblicato un mio articolo su Vivere, il mensile del Centro Direzionale di Napoli mi rende felice.

Dopotutto che c’è di male nel provare gratificazione anche se trattasi di vana gloria?
Si vive pure di soddisfazioni leggere come il foglio di un giornale o sbaglio?

«Il muro di Poggioreale» su Vivere, il mensile del Centro Direzionale di Napoli

«Il muro di Poggioreale» su Vivere, il mensile del Centro Direzionale di Napoli

Il sogno nel cassetto: essere un giornalista!

Un piccolo sogno realizzato, l’ammetto.

Fin da giovane giocavo al giornalista.
Non ero una cima in italiano – la Matematica, il mio amore – ma adoravo i temi ed i racconti.
Nessun particolare talento per la scrittura o spiccata virtù oratoria però mostravo segni ineccepibili di una spiccata fantasia condita da una forte immaginazione.

Da bambino, trascorrevo ore chiuso nella mia stanzetta a creare mondi paralleli, battaglie epiche tra l’esercito del Bene contro le forze oscure del Male (puntualmente sconfitte).

Passano le stagioni, si estinguono i punk e prolificano i tatuaggi, intorno a me il mondo cambia radicalmente ma una costante resiste nel tempo: l’amore per la lettura.

libri di oggi sono i soldatini di ieri.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Il muro di Poggioreale

Rifletto: il post Il muro di Poggioreale per giungere sulle pagine (la sette, d’accordo) di un magazine deve necessariamente superare la lettura del caporedattore, di un qualsiasi giornalista (o apprendista), non presenta orrori ortografici e – gratificazione massima! – non stona con gli altri articoli presenti sul mensile.

Tanto basta al sottoscritto.

Ringrazio il mio amico Amodio chi mi ha spronato a proporre l’articolo, il Direttore Brandi per l’opportunità ed i «colleghi» della Redazione di Vivere per aver accettato l’intruso (vabbè, mi sono allargato, chiedo venia 🙂 ).

W l’esercito del Bene.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Io e Alice, diciotto anni in un clic

Una data indimenticabile

Il primo febbraio Alice dagli occhi blu compie diciotto anni.
Quando nacque, io ero un giovane di ventotto.
Da fresco neolaureato, cercavo lavoro.
Iniziai l’avventura proprio il primo febbraio.

Alle ore nove di quel giorno memorabile, mentre varcavo la soglia dell’EDS – la multinazionale americana dell’Information Technology nella quale emozionato esordivo – Alice gridava al mondo i primi vagiti.

Febbraio 1998, i primi giorni da informatico in EDS

Febbraio 1998, diciotto anni fa i primi giorni da informatico in EDS

Destini incrociati

Io neofita informatico alla ricerca del bug dell’anno 2000.
Alice, spuntano i dentini.

In trasferta a Roma e Siena.
Alice scopre l’asilo.

Sale d’attese di stazioni ed aeroporti, Milano e Londra prossime tappe professionali.
Il primo giorno di scuola, Alice col grembiulino troppo grande cerca la mano della mamma.

La crisi colpisce ed affonda l’informatica mondiale: iniziano le manifestazioni, tagli al personale e scioperi.
Alice impara a nuotare e gioca con l’amica del cuore.

Cessioni di ramo d’azienda, cassa integrazione, licenziamenti e fusioni di colossi tecnologici: siamo nel pieno della tempesta occupazionale.
Alice conquista il diploma di scuola media col massimo dei voti.

Io combatto per conservare il sudato posto di lavoro.
Alice, con lo smalto trasparente sulle piccole unghia, sogna di crescere.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Diciotto anni volano via

Il vento frusta gli alberi e la pioggia picchia le grosse vetrate dell’ufficio.
Il sole estivo alto nel cielo terso ed il condizionatore a rinfrescare le intense giornate di lavoro.
Le stagioni scorrono con passione, la testa nel monitor perso tra i milioni di byte vaganti nel web.

Diciotto anni volano via con un clic del mouse.
Mi guardo dietro e rivedo i volti di tutti i miei colleghi, chi naviga con me ancora lungo le ingarbugliate autostrade digitali e chi ha intrapreso nuovi percorsi.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Alice è maggiorenne

Il primo febbraio festeggio orgoglioso i miei primi diciotto anni di lavoro.
Un breve periodo storico capace di condensare i problemi affrontati da più generazioni dal dopoguerra ad oggi.

Mi chiedo: quando potrò spegnere il computer e godermi la dolce pensione?
L’orizzonte è lontano.

Il primo febbraio Alice diventa maggiorenne.
Con i suoi grossi occhi blu osserva il mondo.
Sorride, soffia con forza sulle candeline colorate ed esprime il desiderio.

Auguri Alice, l’avventura continua 🙂


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Bigfoot, l’intervista esclusiva [SCOOP]

Bigfoot, l’appuntamento

Incontro Bigfoot in un bar affollato del centro, vicino gli uffici.
Il locale brulica di impiegati pronti a consumare velocemente la pausa pranzo.
C’è un bel sole, decidiamo di accomodarci fuori.

«Non ho molto tempo, iniziamo subito» afferma in modo spicciolo lo Yeti mentre si mette a proprio agio in un tavolino già apparecchiato (impietosamente piccolo rispetto alle sue gigantesche dimensioni).
«Ti ringrazio per aver accettato il mio invito. Siete esseri rari al giorno d’oggi, quasi come i contratti a tempo indeterminato!» scherzo per rompere il ghiaccio mentre accendo il portatile per l’intervista del secolo.

Bigfoot sorride per educazione, poi alza il lungo braccio sinistro e cattura l’attenzione del giovane cameriere (seduto, l’arto verticale raggiunge i tre metri d’altezza).
Squilla il (suo) cellulare.
«Confermo il meeting domani alle 14,30 … un’insalata grazie» organizza ed ordina.
«Sono a dieta, il lavoro a progetto, la crisi, la scadenza di contratto, lo straordinario non pagato … troppo stress, devo perdere qualche etto» si giustifica lo scimmione.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

La leggenda del lavoro indeterminato

«Il lavoro, appunto, per molti è un evento leggendario, proprio come te. Perciò ti ho scomodato» chiarisco al mio ospite esclusivo.
«Dunque, sei d’accordo con la linea del Governo?» incalzo.

L’enorme mano del Bigfoot afferra il minuscolo bicchiere, la belva sorseggia delicatamente la bevanda.

Si guarda intorno con fare sospetto quasi temesse per la sua incolumità, poi con un filo di voce confida:
«le Istituzioni vogliono estinguerci, siamo una razza protetta eppure la caccia continua. Sono astuti: non utilizzano armi dirette ma strumenti subdoli, capaci di colpirci a distanza senza innescare il clamore mediatico».

«Bigfoot, puoi essere più esplicito?» sento odore di scoop.
«Il Governo modifica la Legge, i nostri diritti cancellati con il beneplacito dei sindacati, partiti politici, maggioranza ed opposizione, chiesa e ONU» continua lo Yeti visibilmente turbato.
«Le tutele acquisite dai miei avi – i Gigantopithecus – sono utopie per noi giovani Bigfoot. A volte mi chiedo se riuscirò ad arrivare alla pensione prima di 130 anni» afferma desolato.

Digito veloce le dichiarazioni dello scimmione, l’articolo prende forma.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

L’utopia: più tempo per se stessi

«Dopo vent’anni di lavoro, desidero coltivare i miei interessi.
Studiare nuove materie – magari iscrivermi ad una facoltà, frequentare un corso di recitazione, praticare uno sport, imparare a suonare il violino, trascorrere più ore con i miei cari, viaggiare, dedicarmi agli hobbies … sottrarre energie al lavoro ed incrementare il tempo da dedicare a me stesso.
Invece no! Licenziamenti, cassa integrazione, instabilità, contratti a progetti … basta! E’ uno stillicidio, sto pure facendo il pelo bianco» si sfoga il Bigfoot dagli occhi tristi.

Chi non si adatta si estingue

«La storia dell’Umanità parla chiaro: chi non si adatta si estingue. Se il trend non cambia, non resisterò ancora per molto».

Segue una pausa sofferta, poi il lavoratore giunto da lontano si riprende:
«devo andare, la pausa pranzo è terminata. E’ stato un piacere conoscerti Mario, seguo sempre il tuo sito di mostri, sei forte» sentenzia lo Yeti.

Lo scimmione si alza e con un gesto plateale indossa un paio di occhiali scuri.
Dall’alto dei suoi tre metri e 250 chilogrammi, mi fissa per un tempo che sembra interminabile.
Poi, con tono profetico asserisce:
«Mario, vogliono ammazzare i sogni. Continua a credere nelle leggende anche se da oggi siamo tutti precari».

Il battito di una ciglia ed il Bigfoot svanisce, per sempre credo.

Il messaggio del Bigfoot

Mi guardo intorno stordito: gli impiegati rientrano nei loro uffici, la pausa pranzo è terminata, i camerieri puliscono i tavoli e raccolgono le ingenerose mance.

«Il conto per cortesia».
Ancora emozionato, mi domando se ciò che ho ascoltato sia frutto della mia fantasia oppure sia la triste realtà.

Forse sono impazzito?

Abbasso lo sguardo, ai miei piedi c’è una foto.
Deve essere caduta dalla tasca di qualche precario frettoloso, la raccolgo, guardo, sorrido: è proprio lui.

Avevo ragione: il contratto a tempo indeterminato è una leggenda, come il Bigfoot.

L'intervista al leggendario Bigfoot (come il contratto a tempo indeterminato)


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Napoli senza la camorra in due foto

Ho vissuto per un’ora in una Napoli liberata dall’asfissiante morsa della camorra, la cappa di morte (metaforica e non) che schiaccia la città da troppo tempo.

E’ successo sabato mattina sul lungomare liberato.

Il sottoscritto è – ahimè – sprovvisto di un qualsiasi talento artistico: sogno la pittura, non ambisco alla scultura, ammiro il musicista ed invidio lo scrittore.
L’arte ha il compito di descrivere la società attraverso le opere e dopotutto anche la fotografia – la volontà di un umile gregario con l’uso della tecnologia spicciola – è un valido strumento per raccontare la realtà che mi circonda senza troppe pretese.

Dunque rimedio all’incapacità di descrivere Napoli epurata dalla camorra con queste due foto.

Napoli senza camorra

Venti gradi – eppure è novembre! – passeggio beato sul largo marciapiede lindo e pinto ed osservo le barche a vela navigare nel mare calmo del golfo sotto l’ombra del Vesuvio.
Castel dell’Ovo, il secolare custode della città, è la star più fotografata dai tanti turisti estasiati mentre napoletani orgogliosi si godono questo angolo di paradiso cittadino sgombrato dallo smog e delle auto.
Ciclisti sudati – dal sole e non dalla pedalata – apprezzano la pista a loro dedicata con vista Capri, alcuni ragazzi girano incuriositi intorno al punto di bike sharing mentre i genitori controllano le scorribande dei pargoletti liberi di correre tra la villa comunale e la strada svuotata dai veicoli.
Non mancano i selfie dei fidanzatini con le isole a far da cornice: una splendida giornata per marinare la scuola, non vi è dubbio.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

La presenza discreta delle forze dell’ordine rende sicuro questo meraviglioso kilometro di striscia azzurra.

Un salotto blindato lontano mille miglia dai problemi caotici della metropoli campana, trasformato da enorme parcheggio abusivo in un luogo ordinato e restituito ai fasti del passato.

Vorrei illudermi che la forza delle immagini trasmetta anche a te, amico Lettore, l’atmosfera di positività che questo primaverile sabato mattina di novembre ha inculcato al sottoscritto: tranquillità, calma, silenzio, il mare blu come il cielo, il lento scorrere del tempo, l’attesa del pescatore, la gioia dei bambini, la serenità delle famiglie, la passeggiata, le bellezze naturali della città, l’assenza di lotte fratricide, la normalità ritrovata.

I due quadri digitali di questo post rappresentano Napoli ripulita dalla camorra: una fantastica illusione oppure una possibilità concreta se il modello «lungomare liberato» venisse applicato a tutti gli altri quartieri della città?

Napoli senza la camorra


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Caro amico ti iscrivo …

Voi, persone speciali

Ho una convinzione granitica: i miei lettori sono persone speciali.
Desidero conoscere ogni singolo navigatore del mio piccolo (rispetto all’Universo) e grande (per le soddisfazioni che mi regala) blog di «mostri» per ringraziarlo personalmente del tempo dedicato ai miei post.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

I numeri e le gelide statistiche non mi interessano

Quando scrivo, ogni articolo nasce dalla personale percezione della realtà, l’entusiasmo di condividere un’esperienza mi permette di superare le mille difficoltà nel trovare le giuste parole necessarie per trasferire le riflessioni volanti dal cervello in una pagina web dignitosa.

Avere la certezza dell’esistenza di donne e uomini dietro ad un computer connesso in Rete fisse con gli occhi sulle righe di un mio post, l’immagine di un sorriso sul viso di una lettrice, la curiosità per una riflessione nella mente di un giovane, riuscire ad ottenere la vostra fiducia perché siete sicuri che tra le pagine di faCCebook.eu non troverete mai una volgarità e facili mezzucci per attirare l’attenzione, mi riempe di orgoglio.

Tra tanto amore, poi, la fedeltà è un sentimento che apprezzo particolarmente e desidero premiare.
Prima, però, confesso un candido peccato di gioventù:

ho un occhio di riguardo per gli iscritti alla newsletter di faCCebook.eu

La newsletter di faCCebook, email tra veri amici

Instancabili seguaci, tenaci sostenitori, supporter sempre e comunque, i fidati che ricevono gli aggiornamenti via e-mail … i miei amici di avventura sono la vera forza, coloro che, quando i «mostri» sembrano imbattibili, continuano a tifare con un unico coro: «tranquillo, siam qui noi».

A questo «esercito del bene» va il mio regalo esclusivo:

una nuova newsletter più affascinante ed attraente.

Con l’immagine del «mostro» in anteprima, i fortunati riceveranno un messaggio elegante, leggero, mai invadente ed ovunque saranno potranno leggere il post.

Per chi rinuncia alla battaglia, invece, basta un click per la cancellazione dalla lista di distribuzione – un’opportunità remota da escludere, giusto? 🙂

Bene: non resta che ringraziare gli abbonati ed invitare il resto del globo ad iscriversi.
Registratevi, basta un attimo per entrare dell’esercito di navigatori speciali che combattono contro ogni «mostro» in qualsiasi angolo del Pianeta.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »