faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: speranza

Smog a Napoli e quel fiore nel deserto

La fragranza magica subito dopo il MANN

La mattina, un profumo di dolci appena sfornati.
Il pomeriggio, l’odore invade la strada e perfora la cappa di smog che attanaglia l’intero quartiere.

Pedalo.
Alle spalle mi lascio il maestoso Museo Archeologico di Napoli, supero il famigerato incrocio e salgo verso via Salvator Rosa.
E proprio in quell’inferno metropolitano – nonostante il traffico in tilt, i clacson impazziti, le pareti annerite dei palazzi, la maschera antismog per proteggermi dagli attacchi violenti del «mostro» invisibile – i sensi intercettano quella flagranza magica.

L’incantesimo dura pochi istanti.
Una boccata d’ossigeno in una nube nera.
Un aroma inconfondibile.
Una piccola oasi segreta.
Un istante colorato.

Nonostante lo smog, intercetto il fiore nel deserto

La speranza del cambiamento

Eppure, nei paraggi non intravedo pasticcerie.
Ne tanto meno laboratorio di dolci.

Mi piace immaginare la fragranza magica partire da una finestra aperta, proprio su quella strada maledetta intasata di auto ventiquattro ore al giorno.
Una persona che, nonostante l’inferno urbano, crede nel cambiamento.

E, mentre prepara i suoi profumati dolci, diffonde speranza.
Proprio come un fiore nel deserto.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

La piccola Noemi e quel killer spietato: quale futuro?

Come recuperare uno spietato killer?

Immagino il giorno (spero prossimo) dell’arresto del sicario coinvolto nel folle raid in piazza Nazionale a Napoli lo scorso 3 maggio.
Il «mostro» che, nel video choc, dopo gli spari scavalca il piccolo corpo di Noemi riverso sull’asfalto.

Per questa belva, quale possibile futuro immagino?

La Giustizia segue il suo corso, il killer imprigionato in un carcere di massima sicurezza, una vita al 41bis con la chiave smarrita appena chiusa la cella.
Privato della libertà, esiste una minima possibilità affinché il «mostro» (ri)diventi un essere umano?

Il killer che ha colpito la piccola Noemi

Lo scopo della galera

La prigionia ha il solo compito di difendere la società civile da un pericoloso assassino?
Oppure, la solitudine della galera può far rinascere un briciolo di umanità anche in uno spietato killer di camorra?

Ragionamenti a voce alta, privi di una conclusione razionale.
Perché proprio non immagino a quale futuro aspiri quel maledetto «mostro».
Può un uomo continuare a vivere con un tale macigno sulla coscienza?
(ma avrà una coscienza?)

Solo domande.
E preghiere per Noemi.
Affinché guarisca, torni ad una spensierata quotidianità insieme alla sua famiglia.

Per il «mostro», invece, non intravedo nessuna via d’uscita.
Né dalla prigione.
Né, tantomeno, dal pozzo nero nel quale è precipitato.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

«Storia della mia ansia»: il tumore di Daria Bignardi in un romanzo emozionante [RECENSIONE]

Un romanzo nato da una vicenda personale

“Nessuno è più di buon umore di un ansioso, di un depresso o di uno scrittore quando gli succede qualcosa di grosso”

Dovevo immaginarlo.
Il romanzo Storia della mia ansia di Daria Bignardi è ispirato al vero male che ha colpito l’autrice.

La sofferenza che trasuda tra le pagine del libro si tocca con mano.
Le considerazioni di Lea – la protagonista della storia, guarda caso una scrittrice – troppo intime per essere il frutto di pura fantasia.

Rigo dopo rigo, di fronte alla reale sofferenza di Lea/Bignardi, alle precise descrizioni del suo stato d’animo e dell’impatto della malattia (anche) sulla famiglia, deduco che Daria Bignardi è stata testimone oculare del dramma.
La convinzione cresce con il progredire della storia: Lea/Bignardi ha provato sulla sua pelle gli effetti devastanti della chemioterapia?

L’intervista di Daria Bignardi a Vanity Fair, pubblicata il 14 febbraio del 2018, scioglie ogni dubbio.

Daria Bignardi, "Storia della mia ansia" il libro ispirato alla sua lotta contro il cancro

Storia della mia ansia: non lascia indifferenti

Storia della mia ansia colpisce.
Il libro è un lungo, intenso viaggio che inizia con la sconvolgente scoperta e continua lungo l’insidioso, quotidiano percorso per per ritrovare l’equilibrio perduto.

L’autrice apre le porte di casa e ci permette di respirare l’atmosfera, le sensazioni di una famiglia disorientata e la tenace battaglia contro il dolore.

Ma, sopratutto, il libro non lascia indifferenti.
Perché quando c’è un «mostro» da combattere, c’è sempre da raccontare un’emozionante storia di coraggio e di amore.

«la chemioterapia fa schifo, ma serve.
Curarsi o operarsi non è divertente.
Non ho rimosso niente, ma ho elaborato tutto anche scrivendo questo libro. Non è un libro sulla malattia e non è un libro sul tumore, è una storia d’amore, e sul rapporto tra l’amore e l’ansia.
Il cancro è soltanto un evento che lo attraversa».

Acquista il libro di Daria Bignardi su Amazon

Manila, di Enrica Orlando: storia di «mostri» e di speranza [RECENSIONE]

Manila, libro estremo 

Manila, di Enrica Orlando, è una storia ricca di «mostri».
I peggiori.
I «mostri» ai qual non puoi sfuggire.
Perché ti perseguitano da dentro.

Un libro duro da leggere.
Conversazioni spietate che spiazzano per crudezza e degrado (morale e fisico dei personaggi ).
La disperazione porta ad azioni disumane e la brava Enrica Orlando, con uno stile asciutto (e spesso volgare), sbatte in faccia al Lettore il lato più oscuro dell’animo umano.

Quello che vorremmo dimenticare ed, invece, è solo celato dietro l’angolo di ogni coscienza.

Manila, di Enrica Orlando, la mia recensione

Manila, quante volte sei morta?

Manila suscita sentimenti opposti: la detesti quando si autodistrugge, sorridi per l’ironia con la quale affronta i drammi del destino, entreresti nelle pagine del libro pur di aiutarla.
Infine, l’ abbracceresti per augurarle un po’ di meritata felicità.

Personaggi estremi, contesto fatiscente, legge della sopravvivenza, periferie sporche ed abbandonate.
Cancellazione di ogni briciola di umanità.
Come in una guerra.
E l’inevitabile caduta negli inferi.

Eppure, anche nel buio più assoluto, nei peggiori inferni metropolitani, la forza della vita trova e si aggrappa a quella mano tesa, pronta ad aiutarti.

Manila non lascia indifferenti.
E, per un’artista, è il miglior complimento. 
Per questo va letto.

Acquista il libro su Amazon!


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

La vera storia di Irina Lucidi (di Concita De Gregorio)

Una storia agghiacciante (e vera)

Concita De Gregorio racconta una storia agghiacciante.
Una vicenda realmente accaduta, nel 2011, nella perfetta Svizzera: la scomparsa delle due gemelline Alessia e Livia di sei anni, le figlie di Irina Lucidi, ad opera dell’ex marito poi suicidatosi a Cerignola in Puglia.

Mi sa che fuori è primavera è un libro duro.

Leggere e comprendere – pagina dopo pagina – il piano folle di Mathias Schepp, il padre premuroso e marito iper-rigido che sfocerà nella follia, costa molto.

Il dramma di Irina Lucidi raccontato da Concita De Gregori in "Mi sa che fuori è primavera"

«il dolore fa male ma non ti uccide»

Da ogni parola di Irina emerge il dolore.
Ma, come afferma lei stessa «il dolore fa male ma non ti uccide» ed allora devi trovare la forza di andare avanti.
Per non morire, come avrebbe voluto l’ex marito.

Da un male immenso, Irina Lucidi riemerge.

Senza mai dimenticare – è impossibile – ma tentando di proseguire.
Per aiutare gli altri.
Crea l’organizzazione Missing Children Switzerland, «perché quando un bimbo sparisce, bisogna che ci siano meccanismi automatici che si attivano. Procedura. Priorità».

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Se il «mostro» è dentro casa

Il «mostro» è tuo marito, l’uomo col quale vai a dormire ed hai creato la tua famiglia.
Il «mostro» è il padre premuroso di Alessia e Livia.
L’uomo attento, pianificatore, gelido, malato, pazzo.

Concita De Gregorio narra con delicatezza una vicenda impossibile da accettare.

A metà libro, speravo si trattasse di un giallo col colpo di scena finale.
Invece, la lettura avanza e l’angoscia aumenta con essa.

Fino alla cruda realtà.
Impossibile da comprendere nonostante lo stile impeccabile ed un racconto asciutto.

Perché leggere la storia di Irina Lucidi

La lettura di Mi sa che fuori è primavera è ardua.
La domanda naturale posta dal Lettore è scontata quanto naturale: è possibile superare un dolore così forte come la scomparsa di due figlie e tornare un giorno ad essere felici?

Nessuno di noi può immaginare l’abisso nel quale è sprofondata Irina.
Nessuno di noi può rispondere ad un quesito tanto oscuro.

Ognuno di noi può sostenere il prezioso lavoro di Missing Children Switzerland,
Come?
Leggendo il libro.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Parla Concita De Gregorio, l’autrice

Ho cercato in Rete.
Il web è ricco di notizie su Alessia e Livia.
Chi vuole, può approfondire la drammatica vicenda.

Rimando all’intervista rilasciata dall’autrice del libro, Concita De Gregorio, mamma di quattro bimbi:
MI SA CHE FUORI È PRIMAVERA. INTERVISTA A CONCITA DE GREGORIO.

Acquista il libro su Amazon

Arcobaleno napoletano

E all’improvviso l’arcobaleno

Due macchine della polizia a sirene spiegate ci costringono ad accostare.
Altre tre Fiat Punto con quattro uomini a bordo – sguardo determinato, volto provato – sfrecciano con le luci lampeggianti per farsi strada nel traffico cittadino.
Percorro viale Augusto, quartiere Fuorigrotta.

Sono quasi le otto di un fresco mattino d’autunno, il cielo è grigio, il sole non dietreggia.

Fermo in auto, alzo lo sguardo, oltrepasso il vetro, raggiungo le nuvole e resto catturato da un inatteso arcobaleno.

Un arcobaleno su Napoli

Un arcobaleno su Napoli

Lungo, imponente, ben visibile, traccia un perfetto arco colorato tra le nubi.
Immagino che parta dal mare di Bagnoli, sorvoli Agnano, superi la mostra d’Oltremare e lo stadio San Paolo, atterri lontano.

La drammatica notizia

La volanti della Polizia spariscono dietro la curva, si spengono i suoni delle sirene.
«Questi uomini rischiano la vita ogni santo giorno», il ringraziamento è inevitabile.

Immortalo il momento, poi la coda d’auto riparte, l’arcobaleno sopra le teste dei pendolari silenzioso ci accompagna verso le quotidiane mete.

Qualche minuto e le prime gocce d’acqua bagnano il parabrezza dell’auto.
«Arcobaleno, ci annunciavi la pioggia. Scommetto che ai tuoi piedi è già terminata la tempesta vero?» (chiusi nel proprio abitacolo, sono permessi ragionamenti stravaganti).

Giunto in ufficio, leggerò la drammatica notizia:
Napoli, sparatoria choc a Fuorigrotta: grave poliziotto dell’antiracket

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

La guerra civile ignorata dallo Stato

La guerra civile che si combatte a Napoli tra legalità e camorra colpisce un altro esponente delle forze dell’ordine.
Guerra ipocritamente ignorata dalle istituzioni, eventi criminali minimizzati sintomo della debolezza dello Stato incapace di annientare il «mostro».

Noi cittadini vogliamo essere liberati, nel mentre mostriamo la nostra sincera solidarietà a chi ogni giorno difende i nostri diritti.

Con i primi raggi di sole l’arcobaleno sfuma, resta il messaggio di speranza per il poliziotto eroe.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Quell’odioso regalo di compleanno al collega d’ufficio

Vita d’ufficio

La scrivania con i fronzoli personali, il computer, i colleghi e la macchinetta del caffè diventano – dopo anni, mesi, giorni e milioni di ore trascorse in ufficio – una seconda casa, il luogo dove produci e dalla finestra dell’open space osservi trascorrere le stagioni.

I telefoni con il solito monòtono suono, il vociare continuo degli altri impiegati – ormai facce familiari, la luce bianca dei neon ed i ritmi cadenzati dalla pausa pranzo e dall’ora d’aria per un break al bar sono i fotogrammi del film che si gira ogni giorno nel mio ufficio (in replica negli uffici di tutto il mondo).

Tra le dinamiche presenti nel micromondo del lavoratore dipendente ne detesto una davvero speciale: la raccolta-soldi per il regalo al collega.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Il tariffario

Per non generare ingiustizie, molti uffici sono organizzati addirittura con un tariffario: due euro per un compleanno, cinque per il matrimonio e tre per la nascita del figlio (ignoro le cifre per i Sacramenti cristiani ed anniversari di ordine inferiore).

Gli organizzatori inviano la comunicazione via e-mail ponendo attenzione nell’escludere l’interessato dai destinatari ed è valida, in media, una settimana dopodiché la lista è irrevocabilmente chiusa.

Email tipica per il regalo in ufficio

Per ricambiare, la colazione a sbafo

Il patto non scritto e vigente dai tempi della prima rivoluzione industriale prevede che il beneficiario ricambi l’inatteso dono con un buffet da consumarsi a metà mattinata (quasi sempre verso le 11,00) in uno spazio comune (vedi mensa per le multinazionali e sala riunione per le piccole aziende).

L’equo scambio avviene tra la soddisfazione di tutti i partecipanti sempre pronti ad azionare le mandibole ed il festeggiato, felice di appartenere alla «grande famiglia».

Il compleanno del collega d'ufficio

Il Partito degli Asociali

Io sono il Presidente del partito degli Asociali il cui statuto si basa su unico principio d’acciaio: in ufficio non partecipare mai a nessun regalo collettivo.

Mi assumo la responsabilità della mia carica e pago l’ovvia conseguenza: durante il party resto da solo conscio che la coerenza ha un prezzo da pagare, a volte fin troppo alto.

In questo preciso istante, mentre Ugo-la-iena (noto per la sua perfidia) offre i cornetti per il suo 82-esimo compleanno (gli hanno promesso la pensione fra tre anni se tutto andrà bene), alzo il viso e da dietro il grande monitor incrocio gli occhi di un altro collega, anche lui isolato dietro la postazione di lavoro.
Lo sguardo di complicità ci unisce per un lungo infinitesimo secondo, poi abbassiamo il viso per continuare a digitare in modo forsennato sulla nostra tastiera.

Un sorriso spontaneo compare sul mio volto leale, il muro dell’ipocrisia è abbattuto, uno squarcio di speranza trapela in ufficio.
Un altro «mostro» barcolla e presto sarà sconfitto, ne sono certo.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »