faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: tablet

Concerto di Natale in chiesa, vince la maleducazione tecnologica

Concerto di Natale o concerto degli U2?

Un muro umano di fotografi invasati.
Armati di smartphone e tablet, riprendono lo spettacolo senza mai staccare la registrazione.
Braccia al cielo, per sorvolare gli altri cameramen, e catturare l’immagine esclusiva.

Flash, luci, la calca della prima fila.
I cento display illuminano la piccola chiesa, affollata di bimbi, genitori, parenti, amici.

Il concerto di Natale organizzato dalla parrocchia è un evento da non perdere.

I piccoli cantanti, ingenui e gioiosi, sussurrano le parole tra emozione e sano divertimento.
Gli adulti, invece, forniscono il peggio del repertorio dei «grandi».
Egoismo, nessun rispetto per la collettività, egocentrismo, maleducazione.

In un luogo sacro.

Concerto di Natale, vince la maleducazione

Furbi? No, maleducati

I «furbi» ignorano la presenza degli altri spettatori.
Gli ossessi della ripresa convulsa, nel loro egocentrismo galoppante, si preoccupano solo di se stessi.

Chi, con educazione e rispetto altrui, resta seduto al suo posto, non ha il diritto di guardare il mini-concerto.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Una ripresa inutile

Quando la foga sarà esaurita, i maleducati scopriranno l’amara verità: la ripresa via smartphone sarà inguardabile.
Mossa, buia, lunga, insignificante, non verrà mai più rivista né dal bimbo né dai genitori e parenti.
Noiosa, verrà eliminata con l’anno nuovo.

Dal fondo della chiesa osservo la scena.

Le piccole star cantano beati, sembrano non accorgersi dello squallido teatrino dei genitori, convinti di essere i più furbi.
Invece, sono solo dei «mostri» maleducati.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

L’app ufficiale di faCCebook, scaricala gratis!

I «mostri» sempre con te!

Leggere gli ultimi articoli di faCCebook nell’interminabile fila alla posta (funziona un solo sportello, gli altri impiegati sono malati), durante un lungo viaggio in treno (i passeggeri isolati nelle loro cuffiette bianche, nessuno con cui conversare) o nell’affollata sala d’attesa dell’aeroporto (l’aereo partirà con due ore di ritardo per uno sciopero degli addetti alle pulizie) è ora possibile!

E’ disponibile l’app ufficiale per Android: realizzata dal sottoscritto, occupa un’inerzia (un misero mega byte), velocissima e leggera.

Giovani bagnanti entusiasti dell'app di faCCebook

Giovani bagnanti entusiasti dell’app di faCCebook

La prospettiva mobile

Utilizzi Whatsapp se, per inviare un messaggio, attendi quattro, lunghissimi ed interminabili secondi?

I tempi di risposta, è questo il segreto del successo.
L’app poi deve svolazzare sul palmo di una mano, col pollicione che scorre sullo schermo, pigia, scarta, sceglie.
L’immediatezza dei risultati e la chiarezza della lettura completano i pezzi del mosaico perfetto.

La tecnologia amica è semplice: per sfruttare al meglio la caratteristica mobail dei tablet/smartphone, l’app deve essere consultabile al volo, mentre sei in coda alla cassa del supermercato, nel corridoio dell’ufficio o in una noiosa riunione di condominio.

Scarica l’app di faCCebook, è gratis

Ho progettato l’app di faCCebook volontariamente semplice: un set minimo di funzioni chiare invece di un minestrone di pagine lente e di difficile navigazione.

Dopotutto i «mostri» restano «mostri» al di là del dispositivo utilizzato.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Ringraziamenti

Non avrei potuto realizzare il progetto senza l’aiuto dei tester, amici che – armati della pazienza di Giobbe – hanno installato, rimosso e provato l’app, riportato feedback ed inviato consigli.

Se mi sono comportato da «mostro» chiedo venia e, soprattutto, a loro invio il mio più sincero ringraziamento 🙂


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

C’era una volta il sito Internet

Mio nipote ha dieci anni ed accede al suo profilo social più volte al giorno e sempre via smartphone. Perché il mobail (per gli esperti del settore, mobile) è l’innovativo e rivoluzionario metodo per consultare le pagine web e, per un baldanzoso giovanotto moderno, accendere il computer, collegarsi ad Internet, aprire il browser e digitare l’indirizzo è un concetto preistorico «come ci fa fare la professoressa a scuola».

Eppure, un tempo non troppo lontano (prima che nascesse mio nipote?) il sito internet era una pagina vagante nell’immenso oceano della Rete, un arcipelago infinito di isole HTML collegate da link e raggiungibili dai lenti e disordinati motori di ricerca.

Oggi, invece, mio nipote cosa intende per «sito internet»?

i dinosauri di internet
 

Uno spazio fruibile principalmente dai dispositivi che portiamo con noi (sempre per gli esperti o presunti tali, deve essere responsive), cioè in grado di adattare la visualizzazione a secondo se accediamo dal computer di casa, dal tablet in treno oppure dal cellulare mentre attendiamo la fidanzata prigioniera del parrucchiere.

Il nostro bel sito, non solo deve modificare il suo aspetto grafico ma deve proporre in modo adeguato i contenuti: se consulto le ultimissime news via cellulare mentre sono in coda alla posta, devo avere – in una sola e piccola schermata – la sintesi delle notizie senza navigare nelle sezioni della politica, sport e economia.

Inoltre, chi ha l’ardire di aggiornare il suo stato social tramite i “preferiti” del browser dello smartphone? (per poi digitare «ke stress sto cellulare, sto male, mandatemi un poke di solidarietà»)?!?
L’app ha estinto la razza ed anche gli ultimi dinosauri si sono adeguati.

Per mio nipote di dieci anni internet è un universo gratuito composto da infiniti pianeti sui quali atterrare per pochi secondi e poi ripartire velocemente, tutto a portata di dito (anzi, di touch).
Il suo voto, al sondaggio che segue. è scontato.
Ed il tuo?

[socialpoll id=”2222610″]

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »