faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: zona flegrea

Vesuvio: il cratere e il panorama mozzafiato in un videoclip di due minuti [VIDEO]

Vesuvio, a 1167 metri sopra il livello del mare

La guida indica una linea rettilinea – i binari del treno – poi una macchia verde.
Subito dopo, gli scavi di Pompei.
La giornata è limpida, distinguo chiaramente la sagoma di Capri distesa sul mare blu.
Lo sguardo si sposta verso il litorale flegreo: Capo Miseno e Procida, sono proprio loro!

Da 1167 sopra il livello del mare, il golfo di Napoli, nella sua magnificenza, è un quadro perfetto impossibile da descrivere per il sottoscritto, principiante della penna,

Armato di videocamera, registro.
Con la speranza di catturare la «bellezza» nell’hard disk della handycam.

Vesuvio, 1167 metri sopra il livello del mare

Consigli pratici (ed uno speciale)

Giunti alla biglietteria, per salire sul cratere, occorre passeggiare per quasi un’ora.
Difficoltà particolari non ce ne sono.

Occorre, però, seguire alcuni consigli pratici:

  • il biglietto costa 10€ (al momento in cui scrivo)
  • dopo la biglietteria, non sono presenti servizi igienici (e nemmeno in vetta)
  • lungo il sentiero, sono previste panchine per riposare
  • meglio indossare scarpe comode e cappellino con visiera
  • zaino in spalla con acqua
  • la passeggiata è percorribile da adulti e bambini ma necessita comunque di un minimo di allenamento
  • giunti sul cratere, ogni trenta minuti, partono le visite guidate in tutte le lingue (visite incluse nel biglietto)
  • un binocolo può risultare molto utile

Per rendere la visita speciale, il sottoscritto consiglia di estrarre dallo zaino l’ottimo panino (preparato prima perché sul cratere non si vendono) e gustarsi la pausa pranzo con vista mozzafiato.

Dopotutto, mangiare un panino a 1167 metri di altezza, alle spalle di un cratere di un vulcano, dinanzi ad una distesa di mare blu, non capita tutti i giorni 🙂

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Vesuvio, il videoclip di due minuti


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

«Fotografo per catturare le emozioni», Luigi Borrone e la ricerca dell’attimo perfetto [INTERVISTA]

Luigi Borrone, fotografo per passione

Stavolta tocca a Luigi Borrone, fotografo per passione.

Perché l’ispirazione è il terzo occhio del fotografo – professionista o semplice appassionato che sia – e Luigi possiede la scintilla.

Luigi, definisci l’ispirazione.

L’ispirazione non esiste, o meglio, non è un qualcosa di tangibile che si può avere a comando: viene quando vuole e se ne va quando vuole, soprattutto senza mai avvisare.
Può rivelarsi come uno stato di entusiasmo, un impulso improvviso di eccitazione che fa scattare la creazione dell’opera, nel nostro caso fa scattare la fotocamera e riesce a fermare l’attimo per incastonarlo nell’immagine.

Luigi Borrone, il fotografo che ferma il tempo

«Cerco quell’attimo perfetto»

D: Luigi, nei tuoi scatti, immortali angoli nascosti di Napoli e della zona flegrea da un punto di vista originale, il tuo.
Catturi l’istante in una foto.
Da dove nasce quel momento unico che ti obbliga a fermare il tempo e catturare l’emozione?
R: Ho sempre voluto fotografare, anche da piccolo.
Mi piaceva molto e mi piace tutt’ora avere la testimonianza di ciò che vedo e, attraverso la foto, ricordo le emozioni che ho provato in quel momento.
Mi diverto moltissimo a ricercare l’attimo perfetto da fotografare, catturare il momento in cui io e i miei amici ridiamo oppure catturare un pezzo della città che amo per portarlo sempre con me.

Uno scatto denso di ispirazione di Luigi Borrone

«Dopo gli attentati di Parigi, la mia foto di successo»

D: L’ispirazione si può allenare oppure è un dono naturale?
R: Capire e carpire l’attimo in cui scattare è uno stato d’animo che risiede dentro il fotografo e, per ritrovare gli stimoli giusti, occorre sempre esercizio costante, mettersi continuamente in relazione con questo fantomatico attimo.
E fermarlo.
Per regalarlo all’eternità attraverso lo scatto.

D: Luigi, ricordi la tua prima foto di successo?
Lo scatto che ha sancito la voglia di condividere le tue pubblicazioni?
R: La foto dopo gli attentati a Parigi.
Pensai quanti amici e concittadini erano per lavoro e quante persone lasciavano la propria città per trovare fortuna altrove.
Invece, per un gesto folle, hanno trovato la morte.
Per essergli vicino, presi i due simboli delle città e scattai una foto.
La mia città, Pozzuoli, e quella dove i miei concittadini avevano trovato il terrore, Parigi con la torre Effeil.
Con grande sorpresa, la ritrovai twittata dal sindaco di Pozzuoli.
E su Facebbok con oltre 3000 like.

Luigi Borrone, i canali social 

D: Luigi, prima di chiudere, condivido una riflessione di Paola – nostra comune amica: chi scrive (nel tuo caso, chi fotografa) lo fa per se stesso o per gli altri?
R: Cito il grande Daniel Pennac:

Ho fatto delle foto.
Ho fotografato invece di parlare.
Ho fotografato per non dimenticare.
Per non smettere di guardare.

Poi, per me, come già ti dissi, vale sempre il concetto: la foto è l’unico strumento per fermare il tempo.

Luigi Borrone è su facebook, twitter e instagram

A Luigi il mio sincero ringraziamento per l’interessante intervista che ci ha rilasciato.
Per chi volesse seguirlo, segnalo la fanpage ufficiale Luigi Borrone – Fotografo Per Passione, il profilo twitter ed i canale Instagram.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Marek Hamsik, la forza del murales di Quarto [FOTO]

Marek Hamsik, a Quarto il murales di Jorit

“Noi che non verremo sconfitti solo perché continuiamo a lottare”

Il murales di Marek Hamsik ricopre l’intera facciata della scuola Viviani di Quarto, a pochi chilometri da Napoli.

Il ritratto del Capitano riporta il paese della zona flegrea alla ribalta mediatica.
Merito dello street artist Jorit, già autore del giovane San Gennaro a Forcella.

Osservo compiaciuto l’opera: doppio risultato raggiunto.
Perché il nostro Marekiaro merita il riconoscimento – come uomo e come sportivo.
E grazie a questo mastodontico murales, l’edificio assume un significato speciale.

Potenza dell’arte, potenza della bellezza, capace di fermare il degrado urbano (e morale).

Quarto, il murales di Marek Hamsik disegnato da Jorit

Hamsik, esempio per le nuove generazioni

Osservo i giovani seduti sulle panchine, nell’ampio spazio antistante il murales.

La posizione dell’opera è ottimale: lungo la facciata della scuola, nel luogo di ritrovo dei giovani.

Lo sguardo magnetico del Campione per stimolare le nuove generazioni.
La grinta dell’atleta da esempio per i piccoli studenti della Viviani.

Un murales per contrastare l’apatia, Hamisk contro i «mostri».
Mi piace!
Forza Capitano, siamo tutti con te 🙂

Quarto, il murales di Marek Hamsik disegnato da Jorit


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Luigi Borrone, il fotografo che ferma il tempo [INTERVISTA]

Luigi Borrone, fotografo per passione

«Amo la fotografia perché unico strumento per fermare il tempo.
Due foto scattate nello stesso istante, non saranno mai uguali»

Così si presenta Luigi Borrone, fotografo per passione.

Sempre sorridente, il mio amico è un tipo sensibile e con la battuta pronta.
Il buon umore di Luigi, però, non oscura il lato artistico e profondo di un ragazzo che ama la sua terra, la magnifica zona flegrea, protagonista di mille colorati scatti pubblicati (anche) sul canale Instagram.

Luigi Borrone, fotografo per passione

Luigi Borrone: come fermo il tempo

D: Luigi, ci spieghi perché «due foto scattate nello stesso istante, non saranno mai uguali?»
R: La macchina fotografica e l’unico strumento per fermare il tempo.
Ci sarà sempre quel nano secondo che rende due foto scattate in sequenza diverse l’una dall’altra.

Luigi Borrone, il fotografo che ama fermare il tempo

I trucchi di una buona foto

D: Luigi, la magnifica zona flegrea è spesso il soggetto delle tue foto.
Quanto conta il panorama per rendere uno scatto speciale?
R: Non sono mai stato un grande amante della foto di paesaggio.
La trovavo noiosa.
La luce del sole, nulla che si potesse costruire, dover sottostare ai tempi e ai modi della natura … orribile non poter “fare la luce” ma doverla solamente “subire”.
Ma essere nato nella zona flegrea, ha cambiato il mio rapporto con la fotografia di paesaggio.
Come fai a non immortalare la bellezze di questa terra?

D: Luigi, le tue pubblicazioni, oltre per lo scatto unico, si caratterizzano anche per le storie narrate: viene prima l’immagine oppure la parola?
R: Viene prima la parola.
Prima di scattare, bisogna avere le idee chiare ed è la chiarezza ad influire sul risultato finale facendo la “differenza”.
Oggi con il digitale si scattano milioni di foto; io, da piccolo, con la cara vecchia reflex, ricordo bene le 24 pose e il costo dei rullini.

D: I tre consigli per una bella foto?
R: Non saprei, io – come ti dicevo – sono un fotografo per passione.
Guardo molte foto scattate dagli altri, non sono in grado di fornire consigli.
Posso solo dire di mettere passione in ogni scatto.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

L’emigrante che odiava il mare

D: E’ tempo di rivincite: quale è lo scatto nel quale credevi ed invece è passato perlopiù inosservato?
R:  E’ uno scatto attuale, sul tema degli emigranti.
Queste persone provengono dal deserto e non hanno mai visto il mare.
Tante volte sono costretti, oltre al viaggio che affrontano, a vendere oggetti sulle nostre spiagge.
Una volta, dopo che scattai una foto ad un emigrante, mi fermai per mostrargliela e gli chiesi se sapesse nuotare.
Mi disse di no.
Veniva dal deserto libico, lui odiava il mare.

Luigi Borrone e l'emigrante che veniva dal deserto (e non sapeva nuotare)

Il bianco e nero

D: In una foto, quando il bianco e nero?
R: Usare il bianco e nero è puramente una scelta artistica, nessuno ci obbliga ad impiegarlo.
Del colore, si dice che sia una grossa distrazione.

D: Luigi, credi sia giusto ritoccare le foto? Non rischiamo di snaturare l’originale?
R: Qualche ritocco ci può stare, ma non tanti altrimenti la fotografia rischia di diventare un’immagine che la macchina fotografica non potrà mai riprodurre, quindi bella solo visivamente ma senza significato.
Di seguito, un esempio di foto modificata.

Luigi Borrone, il ritocco solo se necessario
luigi_borrone ed il foto ritocco

La foto denuncia

D: Luigi, sei su faCCebook.eu, il blog ufficiale dei «mostri»: a tal proposito, ne hai mai immortalato uno?
R: Si, ho fatto una segnalazione alla polizia locale per dei pali della segnaletica caduti a terra.

D: Credi nella foto denuncia oppure utilizzi il tuo canale solo per informare ed intrattenere?
R: Le mie foto riportano tutti gli avvenimenti che ci circondano.
Dalla denuncia all’evento, al ricordo.

Luigi Borrone, fotografo per passione

Travolto da twitter, instagram e facebook

D: Il tuo rapporto con i social?
R: Sono stato travolto dall’era dei social media.
Mi trovate su Instagram, twitter oppure la fanpage facebook.

D: Luigi, il messaggio finale da lanciare nell’oceano della Rete.
A te la parola!
R: Sono onorato dell’intervista, spero che mie foto trasmettano qualcosa.
Posso solo dire che la passione non assaggia, divora.
E ogni volta che scatto una foto seguo la mia filosofia: se nel mirino vedi una persona, lascia perdere.
E’ il suo pensiero che devi ritrarre.
Sperando di riuscirci.


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Capo Miseno, il faro delle meraviglie [FOTO]

Il fascino di Capo Miseno

Ci sono dei luoghi che colpiscono più di altri.
Per fascino, storia, bellezza naturale, mistero.

Capo Miseno rientra in questa categoria.

A pochi chilometri da Napoli, nel cuore della zona flegrea, un litorale magnifico con una vista straordinaria.

Capo Miseno, luogo meraviglioso alle porte di Napoli

Da giovane, in bici a Capo Miseno

Da giovane raggiungevo il mare di Miseno in bici.

Abitavo in un paese limitrofo, a pochi chilometri da Bacoli, il comune della spiaggia di Miseno: meno di un’ora di pedalate con lo sforzo massimo per superare la salita del castello di Baia, poi una lunga discesa fino alla villa comunale di Bacoli, poche centinaia di metri e giungevo sulla spiaggia libera di Miliscola.

Con la bici parcheggiata in spiaggia, senza ombrellone e creme solari, un panino e tanto sole.
Capri di fronte, a destra Procida e poi Ischia.
Un tuffo, due bracciate, il pomeriggio rientro a casa.

Miliscola e la spiaggia di Capo Miseno

Il faro di Capo Miseno

Da quanto non visitavo il faro di Capo Miseno?
Troppo tempo.

Il sole è già caldo, un vento fastidioso non rompe la magia del luogo.
La vista resta eccezionale, come vent’anni fa.
Oggi, però, niente bici: l’auto mi porta fin sopra la collina, dopo la grotta ai piedi del faro.

Parcheggio e fotografo.
Il panorama è come lo ricordavo: magnifico.

Il faro di Capo Miseno

Lo smartphone riuscirà ad immortalare la magia di questi luoghi?
Ci provo.

Il magnifico panorama dal faro di Capo Miseno

Qualche altro scatto prima di andar via.

Il magnifico panorama dal faro di Capo Miseno

Un post per l’album fotografico

Scarico le foto sul computer, le osservo soddisfatto.
Rifletto: questa domenica di fine marzo merita un ricordo speciale.

Scrivo questo post di getto e l’album delle foto di Capo Miseno entra di diritto nel diario digitale del sottoscritto.

Riguardo le foto.

E’ vero, certi luoghi sono speciali.
Confermo: Capo Miseno rientra in questa categoria.

Il magnifico panorama dal faro di Capo Miseno


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Il vulcano di via Pisciarelli, un pezzo di Solfatara a bordo strada [VIDEO]

La fumarola di via Pisciarelli (Agnano)

Da vicino, l’enorme bocca di fumo è davvero impressionante.
Un forte odore di zolfo avvolge la zona, l’intensa colonna grigia si alza verso il cielo azzurro di novembre con prepotenza.

Sono a via Pisciarelli ad Agnano alle spalle della Solfatara di Pozzuoli, l’antico vulcano flegreo.

Lungo la strada, imprigionata da una recinzione non troppo convinta, vive il piccolo, mastodontico, puzzolente «mostro».
Accessibile per chiunque.

Come una star, si lascia avvicinare e fotografare.
Approfitto della disponibilità, scatto foto e registro con l’entusiasmo di un reporter del National Geographic!

Il vulcano di via Pisciarelli, un pezzo di Solfatara a bordo strada

Solfatara, la bellezza della Natura

La fumarola ed il getto di fango non spaventano il visitatore coraggioso.
Più che altro, si resta impressionati dalla bellezza della Natura, uno spettacolo di forza e storia a portata di mano.

«Non andate oltre quel masso».
La donna – in tuta da ciclista insieme ad altri due compagni di viaggio – spiega le caratteristiche vulcaniche della zona flegrea e parla di «sensori per monitorare il territorio».
Una ricercatrice?

Poco distante, osservo le tre bici parcheggiate.

L’attenzione del sottoscritto, però, è catturata dal fango sulfureo che bolle, un fiume di acqua calda che ricorda una colata di lava incandescente.

Sarà l’immagine da lasciare posteri 🙂


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Al castello di Baia: l’arte è più bella se gratuita?

Museo Archeologico dei Campi Flegrei

Il Museo Archeologico dei Campi Flegrei merita una visita.
Meglio se gratuita.
Come la scorsa domenica, primo weekend di dicembre.

Non mi resta che aggregarmi al gruppo, partenza ore 10,30 dall’ingresso del castello di Baia.

Il viaggio nell’antico impero romano dura cinquanta, intensi minuti.
Osservo antichi reperti risalenti a più di duemila anni fa che ricostruiscono la vita di Pozzuoli; l’antica colonia ricca di storia.

Castello di Baia: se l'arte è gratuita, è più bella?

Castello di Baia: se l’arte è gratuita, è più bella?

La prima domenica del mese l’arte è gratuita

Statue pescate in mare, resti trovati nelle masserie della zona flegrea.
Ascoltare gli aneddoti ed i destini di quegli uomini vissuti prima di Cristo è affascinante.

Merito della guida, davvero brava.
Merito dell’omaggio offerto dal Ministro dei Beni Culturali.

La magnifica zona flegrea

Dopo il tour, fotografo lo spettacolare panorama apprezzabile dal castello.
In questa limpida domenica di dicembre, la spiaggia del faro mostra colori straordinari.

Un post-it mentale da riprendere in primavera, la tentazione di un bagno in queste acque supera la fatica della scarpinata.

La spiaggia del faro di Baia, sotto il castello

La spiaggia del faro di Baia, sotto il castello

Baia, Bacoli, Monte di Procida, Procida … dal terrazzo del castello immortalo il magnifico paesaggio.

Il magnifico panorama dal castello di Baia

Il magnifico panorama dal castello di Baia

Scendo soddisfatto ed incrocio un nuovo esercito di visitatori pronti per una nuova visita.

E’ chiaro: l’arte gratuita piace 🙂

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Terremoto su (HP) Pozzuoli

Terremoto a Pozzuoli, la prima scossa

Ore 9.30 circa di questa mattina, il boato anticipa il terremoto.
Sono in ufficio, in HP Pozzuoli, vicino l’epicentro dello sciame sismico che colpirà la zona flegrea nelle ore successive.

«Che botta!», agitato mi rivolgo ai colleghi presenti nel corridoio.
L’intera sede – un palazzone di sette piani che ospita più aziende – trema per qualche secondo, l’oscillazione è avvertita da tutti.
«Il terremoto!» ribadiamo in coro.
Le agenzie non battono ancora la notizia, rimedio ed aggiorno i media:

Dopo il tweet, seguono le altre testimonianze: il fenomeno è locale, circoscritto tra Pozzuoli ed Agnano.
A pochi kilometri di distanza, direzione Napoli, la vita scorre normale.

Terremoto in HP Pozzuoli

Terremoto, la seconda scossa

Ritorniamo alle postazioni di lavoro, proviamo a ripartire.
La nostra già labile psiche colpita dalla vertenza Maticmind subisce un nuovo colpo: altro boato, altro giro di giostra.
Ancora pochi secondi di spavento, tanto basta per raccogliere gli effetti personali ed abbandonare l’edificio.

Suona la sirena, la sicurezza impone a tutti gli occupanti di uscire e ritrovarsi nelle zone predisposte.
Al telefono, contattiamo i nostri cari: in nessuna altra zona è stata avvertito il sisma.

Terremoto, il terzo boato

Nel parcheggio, mentre dibattiamo, terzo boato e terza scossa.
Sarà pure bradisismo ma il timore aumenta.

Tra il brusio, lo smartphone aziendale di un collega conferma la notizia: siamo autorizzati a non rientrare in sede.

Andiamo via con un’ultima, amara riflessione: dopo il terremoto occupazionale, ci mancava solo la calamità naturale #hpemergency.

Weekend FAI, il Parco archeologico di Baia [FOTO]

Weekend FAI, visito il Parco Archeologico di Baia, nel cuore della meravigliosa (e trafugata) zona flegrea.

Le giovani guide – studenti di una scuola della zona – spiegano il fico cresciuto all’incontrario, una pianta con le radici attecchite nella volta del tempio e la crescita verso il basso.
Uno strabiliante scherzo della natura, la star del parco, la più fotografata.

Parco Archeologico di Baia, il fico cresciuto all'incontrario

La visita continua, ascolto con attenzione le mille storie legate ai monumenti, ville, mosaici e reperti.
L’intero sito appare come una lussuosa area dove gli aristocratici romani si rilassavano tra bagni termali e riflessioni scrutando gli incantevoli panorami.
La sapevano lunga questi antichi …

Fotografo e riprendo entusiasta.
A voi i miei scatti-ricordo.

PS: qualche giorno dopo la creazione di questo post, ho pubblicato anche il video
[nggallery id=19]

Napoli, tre scatti dal pontile di Bagnoli

La passeggiata nel mare

E’ bastato un raggio di sole dopo litri di pioggia e la voglia di libertà ritorna prepotente.
Il pontile di Bagnoli parte dall’ex ITALSIDER e viaggia per ottocento metri nel mare, in direzione Procida strizzando l’occhio a Nisida, Posillipo e la zona flegrea.

Una passeggiata ecologica in un luogo silenzioso, lontano dal traffico caotico della città che pure resta sempre ben visibile.

Smartphone alla mano, inizio a camminare e fotografare.

Se capitate da queste parti, regalatevi la passeggiata nel mare.
Ne vale la pena.

Nisida vista dal pontile di Bagnoli - Napoli

Pozzuoli vista dal pontile di Bagnoli (Napoli)

Un gabbiano osserva la zona flegrea - pontile di Bagnoli - Napoli

Pozzuoli inclinata

La pausa pranzo

Pozzuoli è magnifica anche nello scatto rubato durante un frettoloso rientro dalla pausa pranzo, mentre sei in auto con i colleghi e ritorni in ufficio per la seconda metà della giornata lavorativa.
Il meteo regala una pausa dalla pioggia, approfittiamo?
La pizza – nuovo locale? – col salto nel buio si sfora il tempo concesso, al caffè nessuno rinuncia e allora via di corsa torniamo subito tra le quattro mura.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Riflessioni

Il lavoro oggi, un privilegio ed una prigione, sogni ed aspirazioni da condividere con i compagni di tutti i giorni (feriali).
Per mesi.
Per anni.
Fino all’immaginaria pensione.

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

La foto in movimento

Abbasso il finestrino, l’auto vola veloce – ci provo! – scatto e catturo il panorama.
Inclinato.
Artistico.
Fortunato.

Il mare.

Pozzuoli.
Monte di Procida.
Procida.

Stupendo.

Pozzuoli in movimento


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

L’afrodisiaca Terra dei Fumi

Questa mattina la fumarola è ben visibile ed è meritevole di segnalazione.

L’intensa colonna bianca generata dalla terra vulcanica di Pozzuoli si innalza con fortune alterne.

Dalle osservazioni quotidiane del fenomeno (naturale) evinco che, quando le temperature sono basse oppure piove, il vapore si presenta con maggiore intensità.
In estate, invece, appare di un bianco sbiadito.

Pozzuoli, la Terra dei Fumi (naturali)

Non sono uno scienziato affermato ma immagino la validità della teoria della padella: quando getto dell’acqua sulla superficie di una padella bollente, produco una vampata di fumo più violenta se la superficie è cocente.

Mi chiedo se le Istituzioni, oltre a monitorare l’andamento sismico dell’area flegrea, informino le popolazioni locali sulle potenzialità del vulcano dormiente: si potrebbe sfruttare l’energia naturale prodotta spontaneamente per uso privato? Il Comune – o altri Enti interessati – progettano impianti per utilizzare questa risorsa rinnovabile?

Domande – da anni – prive di risposte concrete.

Difronte alla secolare immobilità della politica regionale, reagisco ed agisco: contatterò le famiglie delle abitazioni limitrofe e chiederò loro come pensano di impiegare la risorsa naturale. Dopotutto, il caloroso vicino di casa è un distributore di energia gratuita, senza spese di manutenzione ed attivo tutto l’anno – soprattutto d’inverno.

Porta con te i «mostri» di faCCebook ovunque tu vada! Scarica l'app ufficiale di faCCebook per Android

Perché sperperare tanto calore regalato da un ambiente generoso?

In un lontano futuro, riusciranno i ristoratori della zona a cucinare un uovo sodo approfittando dei gas della fumarola?
I tempi di cottura sono brevi, un tentativo non appare impossibile.

In uno scenario così incerto, la scienza conferma una indiscutibile proprietà della fumarola puteolana:  i gas naturali diffusi nell’aria, presentano un potere afrodisiaco.
La numerosa prole della simpatica famigliola che si affaccia sulla colonna di fumo bianca fotografata conferma l’ardita tesi.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »