faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Lunedì 24 Maggio 2010
Adozione, la testimonianza di Benny, felice papà
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

Pubblico l'intervista a Benny, il webmaster del sito-amico www.babelweb.it, che parla di un tema molto delicato quale l'ADOZIONE. E' un argomento che avrei sempre voluto approfondire ascoltando le persone direttamente coinvolte per comprendere quali difficoltà una coppia deve affrontare per completare l'iter di adozione. La burocrazia anche in questo caso invece di aiutare persone così coraggiose le demoralizza con tempi infiniti.


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 24/05/10
 

Benny è il webmaster del sito BabelWeb.it. Tra i tanti argomenti trattati da Bigportal.it, in particolare, approfondiamo un tema molto delicato come le adozioni.
Benny ci parla della sua esperienza diretta avendo adottato una bimba russa di 6anni.

 

 

Dopo circa quattro anni di attesa, ho dato una sorellina all’altro mio figlio (il grande, adesso di 28 anni). La bambina è cresciuta in un orfanotrofio in Russia ed è entrata in famiglia all’età di 6 anni meno 2 giorni (festeggiò il compleanno, cosa assolutamente sconosciuta per lei come sconosciute erano torte, candeline e regali… due giorni dopo essere tornati in Italia). Dopo un primo periodo di disperazione, in cui tutto sembrava difficile e taluni obiettivi perfino impossibili, adesso dopo 1 anno e mezzo, la bambina frequenta positivamente la 2° elementare, parla perfettamente italiano ed è altrettanto perfettamente integrata in famiglia e nella società. Ha le sue amichette, è socievole (all’inizio, a volte, anche troppo), conosce a memoria le tante classiche canzoncine dei cartoni o dello Zecchino d’Oro (44 gatti, il caffè della Peppina, ecc.) e sta anche acquisendo il senso del possesso delle proprie cose (per chi è cresciuto condividendo tutto quello che c’era, non è facile). Insomma, ha raggiunto tanti di quegli obiettivi che normalmente i bambini adottati, in ragione della sua fascia d’età e della sua provenienza geografica, acquisiscono SOLO dopo 3-4 anni di permanenza in famiglia.

D: Ci sono tempi certi per completare l’intero iter burocratico? Come è attualmente la situazione in Italia? E’ proprio così complicato adottare un bimbo italiano?
R: Non esistono tempi certi per completare un iter adottivo. Molto dipende dall’associazione cui ci si rivolge, dalla nazione in cui si decide di adottare, dalla fortuna, dalla capacità di ingoiare rospi più o meno grossi, dalle proprie possibilità economiche, ecc. ecc.
L’Italia, come altre nazioni europee, ha aderito nel 2000 alla c.d. Convenzione dell’Aja che ha regolamentato l’istituto delle adozioni internazionali, fino a quel momento possibile tramite canali non ufficiali. Il problema è che sebbene le intenzioni del legislatore siano state prese nell’interesse del minore adottando, di fatto ciò ha fatto nascere come funghi le associazioni (CHE DOVREBBERO ESSERE ONLUS) che si occupano di adozioni. Molte di queste pretendono tanti e tanti soldi in anticipo, ma nessuna garantisce mai né l’esito né i tempi di definizione, essendo molteplici le variabili che possono influire (chiusura delle frontiere, modifica delle leggi nazionali dei paesi non aderenti alla convenzione, ecc.). Il business è quindi chiaro, specialmente in Italia dove le associazione sono circa un centinaio (in Francia, ad esempio, sono circa una decina).
La procedura è la seguente: la coppia presenta domanda per ottenere il decreto di idoneità da parte del Tribunale dei Minorenni, al quale per rilasciarlo occorre circa un anno per le indagini socio-economiche. L’esito può essere favorevole (IDONEI) con nessuna od anche con limitazioni circa l’età del bambino, o negativo (NON IDONEI), nel qual caso è possibile presentare ricorsi vari dall’esito mai scontato. Dalla notifica del decreto di idoneità, la coppia ha un anno di tempo per rivolgersi (obbligatoriamente) ad una associazione. Trascorso tale periodo senza aver dato mandato ad una associazione, il decreto scade ed è necessario ripetere la procedura. Affidato il mandato all’associazione, scelta in base ai propri desideri, alle proprie capacità economiche, alla possibilità di allontanarsi dal Territorio Nazionale per periodi lunghi, ecc., si sostengono degli inutili corsi generalmente tenuti da gente che non solo non ha mai adottato, ma neanche ha mai avuto dei figli, si svolgono incontri (unica cosa positiva) con altre coppie che hanno già adottato.
I costi complessivi variano da paese a paese e sono deducibili, ma in questi costi non sono mai comprese le spese di viaggio e soggiorno nella nazione prescelta, oltre le mancette varie sottoforma di servizi più o meno richiesti, ai referenti in loco. In Russia si fanno generalmente due o tre viaggi e solo all’ultimo si rientra in Patria con il bambino. In Vietnam bisogna rimanerci per almeno 40-60 giorni a secondo della provincia.

D: sono rimasto stupito dai risultati del sondaggio che hai pubblicato. Alla domanda L’adozione è la maggior parte delle risposte è stata Un business per le associazioni.
Come la spieghi questa diffidenza o poca fiducia nei confronti delle istituzioni?
R: La mia associazione, che ci ha fatto concludere l’iter in circa 3 anni dal mandato, pur essendo una delle più attive in Russia, possiede una struttura che nessun ufficio pubblico (salvo forse qualche ministero romano) si sognerebbe di possedere; un team di impiegati e professionisti strapagati ed a tempo pieno, dipendente dall’associazione. Secondo una indiscrezione, l’associazione è senza scopo di lucro e quindi nel bilancio di fine anno il ricavato è ZERO: ovvio, se consideriamo che il solo presidente ha una provvigione di qualche centinaio di migliaia di euro…

D: cosa ne pensi invece delle adozioni a distanza?
R: In verità nutro qualche scetticismo. Certamente molte istituzioni fanno bene il loro lavoro, ma altrettanto certamente ce ne sono molte altre che a quei soldini che spediamo ai bambini fanno prendere una strada diversa…
D: attualmente a quale progetto stai lavorando? Migliorare la legge sulle adozioni?
R: Non è una cosa possibile, bisognerebbe poter contare su appoggi politici. Tanto bene ha fatto, in materia di adozioni, l’ex ministro Rosy Bindi. Ma purtroppo non esiste attenzione politica verso questo problema che non investe, in termini elettorali, una consistente fetta di popolazione a tenere in considerazione.

D: vuoi aggiungere qualche ulteriore osservazione su questo argomento?
R: Mi piacerebbe realizzare, con il contributo di una raccolta di denaro, una scuola in un villaggio del Kenya che ho visitato qualche anno fa!

Cosa aggiungere? Ancora una volta, le azioni nobili nascono soprattutto dalla tenacia delle persone che invece di essere aiutate dalle istituzioni sono speso scoraggiate dagli ingranaggi grigi e farraginosi della burocrazia.

 
[1277 letture]
 
 
Mostri categoria Società  Tutti i mostri di Maggio
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 32
 

Il mostro di ieri
(23 Maggio)

 

Il mostro di domani
(25 Maggio)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (nessun commento)

Non sono presenti commenti
(è possibile inviare commenti
solo per il mostro di oggi)
 
 
 
Mostri simili
 
  • 15 Marzo 2013: Habemus Papam: i dubbi di un lettore
    Commenti: 2
     
  • 03 Marzo 2013: Totti, il papà campione
    Commenti: 0
     
  • 11 Febbraio 2013: Le dimissioni del Papa? Attendo per capire ...
    Commenti: 0
     
  • 28 Dicembre 2012: «Felice Anno Nuovo»: provateci, io sono pronto (a combattere)
    Commenti: 0
     
  • 14 Maggio 2012: Pretty Woman, la prostituta felice pioniere del bunga bunga
    Commenti: 0
     
  • 05 Maggio 2012: La papera di Buffon? No, solo un gesto da patriota
    Commenti: 0
     
  • 22 Marzo 2012: Ho inventato la pillola della felicità
    Commenti: 1
     
  • 14 Gennaio 2012: Cosentino-Papa, bacio tra «mostri»
    Commenti: 4
     
  • 05 Gennaio 2012: Scampia, testimonianze dall'antica Roma
    Commenti: 2
     
  • 10 Agosto 2011: Droga, la mia testimonianza.
    Commenti: 1
     
  • 27 Maggio 2011: Alluvione a Napoli, la mia testimonianza per un esempio di citizen journalism
    Commenti: 0
     
  • 29 Marzo 2011: Il mostro delle adozioni
    Commenti: 0
     
  • 22 Ottobre 2010: Addio Tom Bosley, il papà Cunningham di Happy Days
    Commenti: 0
     
  • 01 Settembre 2010: «Papà, Quagliarella dove sta?»
    Commenti: 4
     
  • 05 Agosto 2010: Superenalotto, soldi e felicità
    Commenti: 4
     
  • 09 Luglio 2010: Pensieri sotto l'ombrellone: ma il Papa va in vacanza?
    Commenti: 2
     
  • 20 Marzo 2010: Aldo Busi radiato dalla RAI per aver criticato il Papa dall'Isola dei famosi
    Commenti: 0
     
  • 18 Marzo 2010: Sei personaggi in cerca di Beni: il Papa cantante
    Commenti: 1
     
  • 19 Ottobre 2009: Patto Stato Mafia: il "papello", documento di debolezza dello Stato
    Commenti: 2
     
 

Parole più frequenti

Italia TELEVISIONE mia
lavoro Berlusconi contro
2010 chiuso rifiuti
Pescasseroli NATALE due
Fuochi Antonio Mondo
Presidente mostro online
Francesco prima Napoli
giorno Perchè oggi
Scampia Politica social
ufficio Messaggio BLOG
indiana tutti cosa
ingiustizia articoli calcio
MOSTRI Vita Beni
Terra consumismo Antonio

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.08 Secondi