faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Venerdì 19 Novembre 2010
«Io non mi dimetto!»
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

In Italia, a differenza degli altri paesi, nessuno si dimette mai. In ogni campo, difronte ad un fallimento, non si riesce mai a trovare un responsabile. La politica offre esempi ogni giorno: da Berlusconi a Bondi, dalla Iervolino a Bassolino. Nessuno ammette di aver sbagliato e rinuncia al suo incarico di potere. Perchè? E' tutto come i pupazzi di GOMMAPIUMA degli anni 90,ve li ricordate? Cantavano già allora: 'E non mi schiodo no che non mi schiodo!'


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 19/11/10
 

In Italia nessuno si dimette; in qualsiasi campo, difronte ad un fallimento, non si riesce mai a trovare uni responsabile ed anche quando c’è state certi che non rinuncerà spontaneamente al suo incarico. In Italia per sradicare qualcuno dalla sua poltrona del potere occorre cacciarlo!
La politica fa la parte del leone ed offre i migliori (o peggiori?) esempi, infatti in questo settore vige la regola dello scaricabarile. Arrivo anche a pensare che esistano delle persone ad hoc, pagate dai politici per assumersi le colpe.
Partiamo dal nostro premier Berlusconi, il termine “dimissioni” è a lui sconosciuto nonostante gli scandali giornalieri che lo travolgono e la perdita di pezzi della sua stessa maggioranza. Comunque andrà a finire questa crisi di governo, il primo ministro è intenzionato a tenersi stretto la sua poltrona finchè potrà. E non mi schiodo no che non mi schiodo.
Qualche giorno fa è crollata a Pompei la Domus dei Gladiatori come riportato da tutti gli organi di stampa nazionali ed internazionali. Il ministro Bondi dichiarerà successivamente: “Se avessi avuto responsabilità, mi sarei dimesso subito”. Infatti, che relazione c’è tra la sua persona e la gestione del patrimonio monumentale italiano? Evidentemente nulla visto che Bondi è solo il Ministro dei Beni Culturali. E non mi schiodo no che non mi schiodo.
L’attaccamento al potere è uno dei pochi concetti trasversale a tutti i partiti: torniamo dietro di qualche anno e pensiamo alla scorsa crisi dei rifiuti che ha colpito la Campania nel 2008. Nonostante la spazzatura avesse invaso l’intera regione dimostrando l’assenza di un serio progetto per gestire i rifiuti, nessun politico campano ha sentito la necessità di presentare le dimissioni. Bassolino, l’allora presidente di regione e il sindaco di Napoli Iervolino restarono ancorati alle loro poltrone nonostante amici e nemici li invitassero ad abbandonare. E non mi schiodo no che non mi schiodo.
La politica è piena di personaggi senza dignità ma anche altri settori non sono da meno: pensiamo alla disfatta della Ferrari nell’ultimo Gran Premio di Formula1. Alla fine Alonso non ha vinto il mondiale dei piloti e la casa di Maranello quello dei costruttori. Eppure il presidente Montezemolo rispedisce ai mittenti l’invito alle dimissioni. Lui non ha colpe, nessuno ne ha eppure la Ferrari non è campione del mondo. E non mi schiodo no che non mi schiodo.
Analogamente è capitato a Lippi nel fallimentare mondiale di calcio in Sudafrica: sbaglio o nemmeno il CT si dimise ma fu cacciato a furor di popolo? E non mi schiodo no che non mi schiodo.
Paradossalmente, anche i boss mafiosi una volta arrestati vorrebbero continuare a "comandare" dalla prigione! Nemmeno loro si vogliono dimettere. E non mi schiodo no che non mi schiodo.
Allora, al contrario di quanto accade negli altri paesi, perchè in Italia nessuno si dimette?

 

 

Rinunciare ad un incarico significherebbe ammettere che la strategia intrapresa non era quella corretta, preannuncerebbe una bocciatura. Ma per ammettere di aver sbagliato occorre umiltà ed intelligenza, capacità non molto diffusa evidentemente tra chi ha il potere.
Negli anni 90 andava in onda sulle rete Mediaset il programma “Gommapiuma”: ricordo dei fantocci di gomma cloni dei politici di allora che goffamente discutevano ed in particolare c’era il pupazzo di Andreotti legato alla poltrona di Palazzo Chigi che cantava “E non mi schiodo no che non mi schiodo …”.
Sono trascorsi decenni ma non è cambiato nulla: in Italia nessuno si dimette.

 
[1067 letture]
 
 
Mostri categoria Società  Tutti i mostri di Novembre
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 22
 

Il mostro di ieri
(18 Novembre)

 

Il mostro di domani
(20 Novembre)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (2 commenti)
 
11:43

in un paese bigotto come l'italia l'unico motivo valido di dimissioni è uno scandalo sessuale

 
09:20

cacciamoli tutti

 
 
 
Mostri simili
 
  • 24 Settembre 2012: Perché la Polverini (non) si deve dimettere
    Commenti: 1
     
 

Parole più frequenti

Scampia Fuochi Politica
giorno Italia MostriMondiali
Ulisse mostro BLOG
Bere MOSTRI Beni
lavoro poveri oggi
calcio mia Mondo
NATALE 2010 veleni
Terra neo Vita
151 rifiuti anni
Antonio Roger Berlusconi
rifatta demenziale tutti
Perchè background cosa
Napoli contro invisibile
TELEVISIONE ufficio chiuso

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.09 Secondi