faCCebook.eu - blog di denuncia: il mostro del giorno
Il mostro di Martedì 19 Luglio 2011
La disfida di Palinuro
 
 
Perchè questo mostro è stato proposto?

Avete mai trascorso una vacanza in un villaggio turistico? Chi ha vissuto questa divertente esperienza sa che gli ANIMATORI sono le vere star della vacanza, giovani invadenti che con l'alibi di far divertire i turisti in realtà saziano la loro sete di egocentrismo. Anche Ciro-la-voce ha provato a rovinarmi la vacanza ma alla fine mi sono opposto anche a questo mostro estivo ...


Monster's Blog
Scritto da webmonster il 19/07/11
 

In quel torrido sabato 2luglio, dal primo momento che misi piede nel villaggio turistico a Palinuro per trascorrere la meritata settimana di vacanza, capii subito che si sarebbe scatenata una guerra psicologica senza esclusioni di colpi tra me e Ciro-la-voce, il capo dell'animazione.
E difatti così fu.
La domanda base a cui non riuscivo a trovare una risposta era: a cosa serve l'animazione in un posto già di per se così incantevole?
Più apprezzavo i fantastici panorami di Palinuro, più ammiravo quei meravigliosi tramonti, più mi godevo il mare-bandiera-blu e più la mia intolleranza verso quel gruppo di giovani animatori egocentrici e del loro leader incontrastato cresceva ...

 

 

Per me rappresentavano solo un ostacolo verso la tranquillità, un intralcio alla mia vacanza rilassante, lontano dal lavoro e dal tran-tran cittadino, dalla solita musica estiva assordante e dai balli di gruppo inutili, dagli impegni schedulati e dalle organizzazioni che in ogni istante della giornata venivano proposti da quegli indemoniati.
Almeno in vacanza desideravo essere libero di oziare, ma non era possibile.

Eppure a pensarla così ero solo io, infatti tutti gli altri "inquilini" del villaggio giunti nel mio stesso giorno in poche ore furono persuasi da Ciro-la-voce e dalla sua squadra di ventenni, tre giovani e tre fanciulle, tutti gioiosi, sorridenti, sempre allegri, con l'unico scopo di intrattenere noi turisti e trasformare le ferie in uno spot pubblicitario, un divertimento continuo senza sbavature.

Ciro-la-voce fisicamente era un tizio anonimo ma aveva un tono persuadente, una voce sicura, si rivolgeva verso gli altri animatori con decisione, non amava essere contraddetto e non accettava consigli, da tutti era considerato carismatico. Io penso invece che era solo uno sfigato.
Egli era il regista-primo-attore, il villaggio il suo set cinematografico, il suo team le sue spalle, noi turisti il pubblico pagante sempre sorridente, L'estate era la sua vita ed i nostri applausi il carburante del suo egocentrismo.

Si, perché qualcuno può affermare di aver conosciuto un animatore che non fosse anche egocentrico?

Il suo continuo martellamento dalla console tra la piscina e la spiaggia era incessante, dalle nove del mattino alle sette di sera, unico break dalle 14,00 alle 16,00 per poi ripartire più forte di prima.
Un lavaggio del cervello, dopo due giorni ogni singola persona all'interno del villaggio aveva la mente plasmata, era stato trasformato in un automa dipendente totalmente dalle parole degli animatori, ridevano alle loro patetiche battute, partecipavano a tutti i giochi, obbedivano a qualsiasi comando idiota. Tutti tranne me.

Il legame tra i turisti ed i "loro" animatori è lo stesso che lega un bimbo dell'asilo alla maestra: è il faro della loro giornata.

Ciro-la-voce in tempo record aveva insegnato a tutti la sigla dell'animazione, il rito di iniziazione per entrare nella "grande famiglia" e trascorrere così una vacanza indimenticabile!
La mia opposizione si basò ovviamente nel non imparare una sola parola ed un solo passo di quel ballo demente, non ho mai memorizzato i nomi di nessun animatore (quando odiavo le persone che parlavono di questi ragazzi come persone di famiglia, frasi tipo "sai che Fabio si è fatto male giocando a calcetto?", e chi se ne frega!!!) non partecipai mai a nessun gioco organizzato da quei fanatici, la sera durante gli spettacoli non applaudivo e non assecondavo nessuna richiesta folle di Ciro-la-voce ("ed ora alziamo tutti la gamba destra ed applaudiamo gridando ehhhh ehhh").
Per i bimbi Ciro-la-voce e la sua "squadra" erano dei miti, per i giovani degli idoli e per gli adulti dei riferimenti; ne ebbi la conferma un giorno nuvoloso, con il mare agitato e la spiaggia inaccessibile; durante la colazione la nostra vicina di tavolo con gli occhi persi nel vuoto chiese al marito: "ed oggi cosa facciamo?". Lui per rassicurarla: "non ti preoccupare, sicuramente Ciro si inventerà qualcosa".
Ecco, questa risposta fu la conferma che gli altri affidavano la propria vacanza agli animatori, incapaci di organizzare una giornata senza essere guidati dal nuovo paparino, la mente spenta o totalmente condizionata da quei giovani principianti pieni di energia e buona volontà ma incompetenti, incapaci di capire quando fermarsi per non sconfinare nell'invadenza.

Alcuni villeggianti erano stati talmente plagiati da Ciro-la-voce che, credendosi simpatici e spiritosi, partecipavano alle gag degli animatori con battutacce ed interventi grotteschi, coprendosi di ridicolo. Avrei voluto riprenderli con una videocamera ma ero troppo attento a notare come il confine tra lo spasso e l'idiozia è molto labile.

La mia vacanza è terminata ed oggi che sono fuori da quel mondo alieno quale è il villaggio turistico basato su regole spazio-temporali innaturali, posso affermare di essermi divertito, osservare gli automi è stata un'esperienza interessante in un luogo superlativo.

Il giorno della partenza, alla reception incontrai Ciro-la-voce. Ci guardammo per un lungo interminabile secondo negli occhi, mi fece un cenno col capo e poi mi sorrise.
In un momento di lucidità aveva compreso che io non ero stato plagiato, forse mi avrebbe voluto parlare, stringermi la mano, abbracciare ma entrambi sapevamo che quello era un addio, appartenevamo a due mondi opposti.
Ciro-la-voce scappò via, doveva accogliere i nuovi turisti impazienti di affidarsi al loro nuovo guru.
Da lontano li osservai e sorrisi, con un gesto consumato mi misi gli immancabili occhiali da sole (anche perchè sono per la vista), caricai lo zaino nel bagagliaio del mio bolide e sfrecciai via.

La guerra era terminata, potevo tornare a casa pronto per affrontare nuovi mostri.


A cosa serve l'animazione in un posto così incantevole?





 
[1475 letture]
 
 
Mostri categoria Luoghi e viaggi  Tutti i mostri di Luglio
 Vedi tutti i mostri simili  Raccomanda questo mostro
 Segnala abuso  Persone on-line: 40
 

Il mostro di ieri
(18 Luglio)

 

Il mostro di domani
(20 Luglio)

 
 
Share |
 
 
 
Bacheca (9 commenti)
 
22:56

SONO D'ACCORDO CON CHI DICE CHE SI PUò STARE IN VILLAGGIO INSIEME AGLI ANIMATORI SENZA FARSI COINVOLGERE SE NON LO SI VUOLE: GLI ANIMATORI CHE CHIEDONO GENTILMENTE DI COINVOLGERTI POSSONO RICEVERE UN'ALTRETTANTO GENTILE RISPOSTA: NO GRAZIE, E FINISCE TUTTO Lì. MI SEMBRA CHE ABBIANO FATTO SOLO IL LORO LAVORO! (LISA)

 
22:11

In generale sono d'accordo con te,ma proverei un pò a pensare che mentre tu sei in vacanza Ciro la voce sta lavorando e che DEVE lavorare in quel modo un pò eccessivo.un pò di rispetto da entrambe le parti: l'animatore capirà che non deve coinvolgerti e tu farai solo quello che ti piace! niente di più facile !

 
15:59

ma non sapevi ke c'era animazione lì al villaggio?

 
14:42

Ciao, io posso dire solo che a chi non piace l'animazione è meglio non vada nei villaggi turistici. Personalmente a me piace divertirmi anche così, spensieratamente. I villaggi turistici ci sono per quello. Se a te non piacciono, Palinuro oltre ai panorami, offre anche case in affitto a pochi passi dal mare...e lontane dagli animatori! ;)

 
14:39

ahahahahha che risate sto mostro mi è piaciuto troppo, soprattutto il finale !! ahahhahaha :D

 
11:37

io non critico il lavoro altrui però posso anche dire dalla mia esperienza che molti animatori sono EGOCENTRICI e godono nel fare le prime donne. A me non piace questo atteggiamento da Pippo Baudo, preferisco una animazione assente ad una invadente (webmonster)

 
11:02

Ciao, ti sei mai chiesto perchè i villaggi sono stati e rimangono un tipo di vacanza molto ricercata? Il villaggio libera dall'ansia di dover organizzare il tempo libero, ci sono persone che odiano dover organizzare il loro tempo libero anche se desiderano solo oziare. Non penso che sia giusto criticare un modo di essere solo perchè non lo condividiamo. L'animatore è un lavoro che esiste perchè esistono persone che pagano per quello che fà. Quindi criticare quello che fanno gli anomatori

 
10:16

Ho letto il tuo racconto, io non frequento villaggi perchè non gradisco l'animazione, ma devo riconoscere dalle tue parole che Ciro-la-voce è bravo. Un bacio alla famiglia (Antonio Z.)

 
10:16

io ho fatto l'animatore turistico per 6 anni e ti dico che alla fine anche chi non partecipa a nulla chiudendosi nella sua autonomia alternativa entra perfettamente nella fiera degli stereotipi che frequentano i villaggi turistici.

 
 
 
Mostri simili
 
  • 25 Luglio 2011: Palinuro, la grande abbuffata
    Commenti: 1
     
  • 10 Luglio 2011: Cartolina da Palinuro 2
    Commenti: 0
     
  • 07 Luglio 2011: Cartolina da Palinuro
    Commenti: 0
     
 

Parole più frequenti

MOSTRI lavoro Italia
Antonio Vita Scampia
amica Terra batteria
chiuso sociale Mondo
Perchè Riccia Beni
Silvio ufficio mostro
MostriMondiali calcio NATALE
oggi contro Politica
trionfo senza petizione
rifiuti mia TELEVISIONE
era giorno Strani
autrice BLOG 2010
Napoli cosa Berlusconi
Fuochi buco tutti

Newsletter Collabora Contatti FAQ Diario di bordo 
Seguici
Mario Monfrecola
webmonster
 

 



Risoluzione ottimale: 1152x864 Sito pensato, ideato e realizzato da Mario Monfrecola.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.10 Secondi