faCCebook.eu

Sbatti il mostro in homepage!

Tag: hpemergency (Page 2 of 3)

Maticmind, la preadesione

HP, l’avventura è finita

Stordito.
Stamane mi alzo dal letto come se avessi bevuto due litri di Bulleit Bourbon, un vecchio whisky irlandese conservato per le grandi occasioni (e mai stappato).

Non mi sono ripreso dalla sbronza emotiva della serata: inviare una e-mail per lasciare HP ed aderire al passaggio in Maticmind lascia il segno.

Un clic sofferto, conscio del cambiamento radicale che un semplice messaggio di testo porterà nella vita lavorativa (e non) mia e dei 160 dipendenti di HP Pozzuoli.

La sera prima, una dolorosa e-mail

L’Outlook aziendale attende un comando.
Pigio sul bottone “Send”, in un infinitesimo di secondo la mail attraversa la cartella “Outbox” e atterra in “Sent Items”.

Apro il messaggio appena spedito e leggo.
Chiudo.
Riapro.
Rileggo.

Maticmind, la mail di preadesione, la fine in HP

Maticmind, la mail di preadesione, la fine in HP

Il mistero Maticmind

E’ fatta.
Acconsento ad essere trasferito presso la Maticmind.
E’ iniziata la mia eutanasia informatica.

Mi sveglierò dal coma?
Incubi, sogni, speranze, certezze, precariato, jungla … una nuova vita … forse.

Pensieri affollati, ipotesi, entropia ed una sola certezza: dalle 18:51 di mercoledì 30 settembre 2015 sono fuori da HP.

Amen.

Chi è il vero nemico?

Dalle puntate precedenti

Mancano una manciata di giorni per l’ultimo attracco, sulla nave “HP Pozzuoli” cala la nebbia ed i 160 marinai, impegnati in una lotta interna, dimenticano il vero nemico da combattere.

Puntata1: Hp Pozzuoli affonda, colpita dal fuoco amico
Puntata2: HP Pozzuoli, il giorno della decisione
Puntata3: fatti non foste a viver come bruti?
Puntata4: «Io non sono d’accordo», l’orgoglio dell’ultimo marinaio

L’agnello sacrificale

«Siamo caduti nella trappola» il fedele marinaio ammette l’errore.
La nave “HP Pozzuoli” è prossima all’ultimo attracco, il piccolo isolotto dista pochi giorni di navigazione.
Una manciata di ore e la fine avrà inizio, gli uffici del nord potranno così depennare la sede flegrea dall’elenco globale delle maestranze da comandare.

I 160 marinai, abbandonati ad un premeditato destino, sono vittime di un piano perfetto.
A loro insaputa, chi avrebbe dovuto guidarli, li ha traditi; chi avrebbe dovuto tutelarli, li ha venduti.

Un complotto tra falsi rivali, antagonisti in pubblico e complici tra le private stanze: individuare l’agnello sacrificale è risultato fin troppo facile.

Affondare “HP Pozzuoli”, spezzare qualsiasi legame con gli uomini che hanno contribuito alle fortuna della casa madre perché il sacrificio di una unità servirà al salvataggio dell’intera flotta.
Almeno fino al prossimo ordine, fino al successivo tradimento.

Dividi et impera

Una fitta nebbia cala sulla malridotta imbarcazione, la visibilità è nulla, ad occhio nudo risulta impossibile capire cosa accadrà a breve, la nave barcolla tra le onde, isolata risulta invisibile al mondo.

Le ferite lacerano l’animo dei lavoratori oramai provati da due mesi di continue pugnalate amiche, la lucidità scarseggia, i marinai divisi in fazioni contrapposte combattono un’inevitabile guerra fratricida.

HP Pozzuoli immersa nella nebbia: chi è il vero nemico da combattere?

HP Pozzuoli immersa nella nebbia: chi è il vero nemico da combattere?

«Contattiamo gli uffici del nord, accettiamo la resa incondizionata» urlano da un angolo del ponte.
«Trattiamo prima di giungere sull’isolotto, possiamo ancora cambiare la sorte» protesta un gruppo di uomini.

Frammenta e comanda, l’antica regola vale anche oggi: per governare un popolo bisogna dividerlo, istigare rivalità, fomentare discordie.

Marinai contro marinai e nessuno ricorda più il nome del vero nemico da combattere.

L’illusione del numero congruo

Sul ponte della nave fantasma, i pensieri del fedele marinaio sono spezzati da una giovane voce.
«Marinaio, come siamo giunti fino a questo punto?» chiede la recluta con gli occhi dello stupore.

Senza voltarsi – come volesse parlare al mare – il fedele marinaio con tono pacato ed il peso dell’ingiustizia sulle spalle ribatte convinto.

«La guerra è sporca e quando il pericolo colpisce in prima persona, prevale il becero individualismo. I gruppi si frantumano sotto i colpi dell’egoismo, la forza dell’unità fa posto al si-salvi-chi-può. In guerra, non esiste un’operazione non traumatica nè tantomeno un numero congruo di marinai sacrificabili. Ogni battaglia porta ferite irreparabili sia negli sconfitti che nei presunti vincitori».

I 160 marinai si preparano all’ultimo ormeggio.

HP Pozzuoli, da polo informatico a studio legale?

«devo consultare il mio avvocato»

Può un dipendente di una multinazionale americana ignorare l’articolo 1406, 1408 comma1 e comma2 del codice civile?
Purtroppo no.

Sono un informatico eppure oggi per lavorare: «devo consultare il mio avvocato».

Con una e-mail, un intero ramo di azienda scompare (persone).
Con un click a Palo Alto, chiude HP Pozzuoli (persone).
E la legge lo consente.

«Posso essere licenziato anche se ho un contratto a tempo indeterminato?» è una domanda ingenua.

Studio (il)legale

Eppure, fino a quel maledetto sette luglio – giorno dell’annuncio choc della chiusura di HP Pozzuoli – in ufficio discutevamo di algoritmi, architetture web, sviluppo software, clienti, business.
Oggi, dopo due mesi di lotte e scioperi, alla macchinetta del caffè dibattiamo di trasferimenti individuali, i sofismi del Jobs Act, la differenza tra la cassa integrazione ordinaria e straordinaria.

I drammatici eventi che noi lavoratori della sede HP Pozzuoli subiamo, traghettano inesorabilmente i nostri pensieri verso carte bollate, consulenze legali, codice civile ed incivile.
Eppure noi siamo altro.

L'Informatico, eroe moderno (foto di repertorio)

L’Informatico, eroe moderno (foto di repertorio)

L’Informatico, chi è costui?

Con orgoglio ricordo a me ed i miei colleghi chi siamo, il lavoro svolto, la passione e la professionalità con la quale costruiamo e ripariamo le autostrade digitali del Paese, le tanto importanti infrastrutture sulle quali tutti dichiarano di investire ma in realtà risultano abbandonate al loro misero destino.

Non siamo uno studio legale, HP Pozzuoli resta un polo tecnologico.

progettiamo iperboliche soluzioni durante interminabili meeting, filosofeggiamo in infinite discussioni su come disegnare pirotecniche architetture web, scoviamo errori che – precisi come bombe ad orologeria – esplodono improvvisi nella jungla di programmi sparsi nello sconfinato universo di byte.

Fantastichiamo algoritmi strampalati ed istruzione dopo istruzione diamo vita a programmi e pagine internet, affascinanti opere colorate, nodi della Rete globale, strumenti immateriali che migliorano la vita quotidiana dell’umanità, potenti e leggeri segnali che viaggiano veloci tra le intercapedine dei server disseminati per il Pianeta e raggiungono i computer di mezzo mondo.

Il nostro lavoro è impalpabile e non è facile da misurare: non costruiamo nulla che si possa toccare con mano né tantomeno spostiamo le montagne.

Perseguiamo un compito oscuro, operiamo da dietro le quinte, manipoliamo informazioni delicate, siamo le fedeli sentinelle dei dati conservati in sicuri archivi-cassaforte, operai delle infrastrutture su cui si fonda la società moderna.

Siamo invisibili ma non «virtuali».

Da L’Informatico, chi è costui?

HP Pozzuoli, giornale di bordo di un dipendente – data astrale 1709.05

Giornale di bordo del capitano

Data astrale 1709.05
Condizioni della sede: valutiamo se trasferirci sul pianeta CIGS o passare nella galassia Maticmind. I pensieri sono bruciati, i lavoratori viaggiano a velocità astrale quasi nulla, gli altri uffici lontani in condizioni normali solo alcuni giorni, ora sono ad anni luce di distanza.
L’interrogativo è questo: che cosa ha distrutto la sede HP Pozzuoli?
Gli altri dipendenti sono passati incolumi attraverso quella barriera, noi no.
Che cosa accadrà dopo?

HP Pozzuoli oggi

Giovedì 17 settembre
Le parole del capitano Kirk mi servono per analizzare gli eventi incalzanti degli ultimi due mesi.

L’effetto domino scatenato dall’annuncio dell’apertura della CIGS per i 161 dipendenti di HP Pozzuoli attanaglia le menti.

Quale destino ci attende?

Dopo una serie di riunioni tra la multinazionale americana, l’RSU ed i sindacati, viene proposto un’ipotesi di accordo che prevede il passaggio di 120 dipendenti alla Maticmind ed i rimanenti 41 trasferiti presso gli uffici HP di Pomezia e Roma.

Chi dovesse rifiutare le proposte aziendali, cadrà nel tunnel della CIGS.

HP Pozzuoli, giornale di bordo di un dipendente - data astrale 1709.05

Il film del tormentato viaggio

Come in un film, riavvolgo la pellicola e rivedo le scene salienti.

L’annuncio-choc del 7 luglio per la chiusura della sede, la scoperta di questa ignota azienda milanese che desidera investire a Napoli, la delusione per la pugnalata ricevuta dalla «nostra HP», la società nella quale abbiamo creduto, investito tempo, speso passione e professionalità, la reazione.

L’enorme sacrificio dei venticinque giorni di sciopero consecutivi, l’orgoglio per la manifestazione al MIURle parole del Ministro Guidi ben presto disattese dai fatti, i due incontri al Ministero dello Sviluppo Economico, l’attenzione mediatica con i riflettori di fanpage ed Il Mattino, la lotta impossibile contro le armi globali delle multinazionali, l’assenza delle Istituzioni e la prima pagina di Repubblica mai pubblicata.

Due mesi di lotte, sessanta giorni di tormento psico-fisico, una battaglia per la sopravvivenza che noi, lavoratori di HP Pozzuoli, non avremmo mai voluto combattere.

Dal giornale di bordo di HP Pozzuoli

Data astrale 1709.05
Non siate emotivi! Per me esiste solo la logica ed è logico sacrificare una vita piuttosto che sei. Comunque, è curioso come spesso voi umani riusciate ad ottenere tutto quello che non volete.

L’osservazione analitica di Spock riporta i pensieri divergenti verso la dura realtà.
Per fortuna, il dottor McCoy mi vieni in soccorso:

Signor Spock, devo avvertirla che sono stanco della sua logica.

Il diario di bordo di oggi – 17 settembre 2015 – si conclude dove tutto ha inizio, dal viaggio infinito dell’incoerente e maltrattato animo umano.

Spazio, ultima frontiera. Eccovi i viaggi dell’astronave Enterprise durante la sua missione quinquennale, diretta all’esplorazione di strani, nuovi mondi, alla ricerca di altre forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima

HP Pozzuoli, siamo ai titoli di coda

HP Pozzuoli in CIGS, l’e-mail ufficiale

Venerdi undici settembre, ore venti.
La comunicazione era nell’aria ma leggere nero su bianco le parole «CIGS», «Pozzuoli» e «tutti i lavoratori saranno sospesi» è un colpo difficile da metabolizzare.

L’e-mail sancisce ufficialmente la fine di un’epoca: HP Pozzuoli chiude, la totalità dei 159 lavoratori andrà in CIGS.

Il piano di ristrutturazione prevede il passaggio di quaranta colleghi tra le sedi HP di Roma e Pomezia, i rimanenti centoventi in Maticmind.

Come in un film

Leggo, resto sbigottito.

Siamo difronte ad un bivio, chi resterà in HP (pochi) e chi andrà via (la maggioranza), ognuno con i propri pensieri e paure, tutti amareggiati e preoccupati.

Ripenso ai diciotto anni spesi prima in EDS e poi in HP e come in un film scorrono i mille volti dei colleghi: avevo ventotto anni quando fui assunto, a breve ne compirò quarantacinque.

Un film durato diciotto anni, un pezzo di vita cancellato da una e-mail, mille scene tagliate senza una vera ragione, una pellicola spezzata dalla censura americana (nonostante gli incassi sempre eccellenti).

Come in un film, in HP Pozzuoli scorrono i titoli di coda

Scorrono i titoli di coda

Il film della sede di HP girato a Pozzuoli è alle battute finali,  i titoli di coda scorrono lenti con una scia di malinconia.
La struggente colonna sonora di Ennio Morricone è perfetta per l’epilogo senza l’happy-end.

Il futuro: un cortometraggio o un thriller?

Come ogni dramma che si rispetti, la sceneggiatura prevede la sofferenza fino all’ultimo fotogramma: il sottoscritto – insieme ai rimanenti centoventi – dovrà scegliere se girare il cortometraggio in Maticmind oppure provare il thriller della CIGS.

In ogni caso, il film HP Pozzuoli non prevede sequel.

HP – Matic Mind, la risposta è nella poesia

Matic Mind, la selva oscura

«Nel mezzo del cammin della mia vita, mi ritrovai in Matic Mind, ché la diritta via dell’HP era smarrita».

Questo nobile verso dantesco (ispirato al primo canto dell’Inferno), potrebbe essere l’incipit della prossima storia scritta per noi, i 160 informatici di Pozzuoli trasferiti dalla multinazionale americana verso la selva oscura.

Matic Mind, la selva oscura

Oltre la siepe c’è l’Infinito

Eppure, nonostante le mille difficoltà leopardiane, affermiamo con orgoglio «sempre caro mi fu quest’ermo ufficio».

L’ostacolo appare insormontabile, i silenzi altrui ci scaraventano oltre la siepe costretti ad immaginare un futuro al di là di HP ove «tra questa immensità s’annega il pensier mio: e il licenziamento m’è dolce in questo mare».

Ed è subito precariato

«Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di Sole:
ed è subito sera».

I tre ermetici versi di Salvatore Quasimodo bene rappresentano il mio attuale stato d’animo: solitudine, gioia e dolore, precarietà della vita.

Col permesso dell’autore, non mi resta che aggiornare la poesia (risalente agli anni trenta dello scorso secolo) ai nostrani temi di stretta attualità:

«Ognuno sta solo in HP
trafitto da una mail:
ed è subito Matic Mind»

fatti non foste a viver come bruti?

Dalle puntate precedenti

Il fedele marinaio è vittima di un ammutinamento.
I suoi compagni di viaggio, stanchi e sconfitti, accettano l’invito degli uffici del nord e decidono di attraccare sul piccolo isolotto nonostante siano coscienti della trappola che li attende.
Al fedele marinaio, allontanato nella sua cabina, non resta che trovare la risposta tra i libri …

Puntata1: Hp Pozzuoli affonda, colpita dal fuoco amico
Puntata2: HP Pozzuoli, il giorno della decisione

L’ammutinamento

Il fedele marinaio se l’aspettava, l’ammutinamento – come il tradimento – è parte della Storia.

I 160 uomini della malridotta nave “HP Pozzuoli” cedono alla tentazione delle sirene.
Il piccolo isolotto è a portata di naso, la sicura terraferma attrae i lavoratori oramai stanchi, professionisti prima traditi e poi abbandonati dai loro stessi comandanti.

La debolezza prevale e contro la volontà del marinaio, leader fino a ieri, la nave inverte la rotta e dirige le esili speranze verso l’apparente salvezza.

«Vogliamo vedere quali opportunità offre quest’isola», «meglio un pezzo di deserto che il buio e la tempesta», «se continuiamo, affonderemo», urlano dal ponte dell’imbarcazione ridotto ad un’assemblea pubblica.

Il fedele marinaio, emarginato dal gruppo e prigioniero nella sua cabina, riflette.
Perché i suoi colleghi credono alle illusorie promesse provenienti dai ricchi uffici del nord? Fingono di poter ancora scegliere quale futuro costruire oppure sono rassegnati per un destino segnato?

fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza

Inferno – Canto XXVI

L’uomo, amareggiato, cerca le risposte nella Storia perché il tempo scorre, la scienza si evolve ma la debolezza dell’animo umano è la medesima nei secoli.

Legge e rilegge il canto XXVI dell’Inferno, tra le righe della Divina Commedia trova le parole per incoraggiare i suoi compagni di viaggio a non perdersi d’animo e a proseguire la rotta …

“O frati”, dissi “che per cento milia
perigli siete giunti a l’occidente,
a questa tanto picciola vigilia

de’ nostri sensi ch’è del rimanente,
non vogliate negar l’esperienza,
di retro al sol, del mondo sanza gente.

Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e canoscenza”.

Scrive delle brevi note su un fogli di carta che fa scivolare sotto la porta della sua cabina-prigione.

“O fratelli”, dissi, “che avete raggiunto l’estremità occidentale in mezzo a centomila pericoli, in questo poco tempo di vita sensibile che ancora ci rimane, non vogliate negare la conoscenza seguendo la direzione del sole della parte del mondo disabitato.
Riflettete sulla vostra origine: non siete stati creati per vivere come delle bestie ma per conseguire virtù morale ed estendere il vostro sapere”.
Con questo breve discorso resi i miei compagni così desiderosi di mettersi in viaggio che a stento dopo sarei riuscito a fermarli; e rivolta verso Oriente la poppa della nostra nave, trasformammo i remi in ali per quella folle impresa …

Il fedele marinaio crede nel coraggio, nel rischio e nella sete di conoscenza perché in ogni uomo vive un piccolo, grande Ulisse.

La caccia

La caccia è aperta

Un pericoloso informatico si aggira tra gli uffici di HP Pozzuoli, l’unica sede della multinazionale americana presente in Campania.

Convocati i migliori tagliatori di teste del settore, autorizzati a sterminare – con ogni mezzo – i pochi tecnici altamente specializzati sopravvissuti negli ultimi dieci anni di crisi.

La caccia è aperta, la preda non avrà scampo.

La caccia ed il condannato innocente

La forza del licenziato

Braccato, sanguinante, disperato.
L’informatico HP Pozzuoli è solo, abbandonato dai suoi simili e da chi dovrebbe tutelare la specie, non accetta l’infausto destino: è già un condannato a morte.

Ma come tutti i condannati, il «mostro» non ha più ha nulla da perdere.

Quale grave minaccia può spaventare un futuro licenziato?
Un «andrai in cassa integrazione» non smuove una sopracciglia, «trasferimento a Cuneo» provoca un impercettibile movimento del labbro superiore destro, «ti aspetta il jobs act» suscita uno sbadiglio annoiato.

Un uomo già morto non può essere ammazzato due volte, è questo il segreto.

La condanna di un innocente

I tagliatori di teste operano con armi potenti e munizioni illimitate, in breve isoleranno la preda per far terra bruciata intorno alla tana.

Secondo i piani, la resa è prossima.

L’esperienza insegna: attenzione agli ultimi giorni di vita del licenziato.
Pur di non cadere in trappola, la disperazione potrebbe portare il fuggitivo ad un ultimo gesto insensato.

Nulla viene lasciato al caso, ogni dettaglio è studiato nei minimi particolari, l’obiettivo deve essere raggiunto, non sono previsti slittamenti e concessioni, la trattativa è indice di debolezza.

Alla preda viene concessa un’unica attenuante: è innocente.

Una informazione considerata ininfluente, la caccia continua fino allo sterminio totale della specie presente a Pozzuoli.


Restiamo in contatto: ricevi la newsletter

HP Pozzuoli, il giorno della decisione

Prefazione

La prima puntata Hp Pozzuoli affonda, colpita dal fuoco amico evidenzia la fedeltà del marinaio ed il cinismo del comandante: il sottoposto crede nel suo lavoro, ai Generali interessa solo salvare la merce e rispettare gli ordini ricevuti.

Si tratta di un articolo di pura fantasia, una metafora per raccontare la chiusura della sede HP Pozzuoli, vicenda tristemente reale.

All’autore l’idea della storia immaginaria piace perché richiede uno sforzo creativo, la fatica necessaria per definire un proprio stile riconoscibile (e, si spera, apprezzato) dal Lettore.
Continuerò su questa strada.

La ripresa

«Signore, la falla è riparata!» annuncia il fedele marinaio con entusiasmo.
Dopo tre settimane di silenzio radio obbligato, la comunicazione è miracolosamente ripristinata.

«Come cavolo avete resistito?» rispondono esterrefatti dagli uffici del nord.
«Con tutto il rispetto signore, credo che sottovalutiate le nostre competenze e forse ignorate il nostro lavoro» replica il marinaio.
«La nave “HP Pozzuoli” è tornata a navigare, la squadra ha compiuto un mezzo miracolo e, nonostante il tradimento, i 160 continuano a compiere il proprio dovere. Signore, dovreste vedere per capire» spiega il coraggioso marinaio con l’orgoglio ritrovato.

HP Pozzuoli torna a navigare

HP Pozzuoli torna a navigare

L’uomo è sul ponte, la nave malridotta è in balia del mare, l’equipaggio all’estremo delle forze.

«Signore, chiediamo di tornare a Pozzuoli» chiede con decisione.
«Escluso marinaio, Pozzuoli non esiste più. Continuate a navigare» ribattono dagli uffici del nord.

Il marinaio osserva l’orizzonte, il cielo è denso di nuvole nere, violenti fulmini precipitano in acqua mentre rombi di tuoni si udono in lontananza.
«Signore, a breve affonderemo e lei lo sa. Ci aiuti» chiede il marinaio con un filo di voce.

La proposta

«Sui nostri radar è indicata un’isola, gli strumenti segnalano clima sereno, natura amica, fiumi puliti, vegetazione sicura. Luogo perfetto, attraccate» ordinano dagli uffici del nord.

Il fedele marinaio, armato di binocolo, scruta l’orizzonte e dopo un’attenta osservazione individua il pezzo di terra in prossimità della tempesta.

«Signore, è un isolotto molto piccolo. Possono sopravvivere al massimo una quarantina  …» osserva stupito il marinaio.
«Quarantotto per la precisione» confermano dagli uffici del nord «ma abbiamo inviato una scialuppa per prelevare subito trenta persone. Marinaio, tu salirai su quella scialuppa insieme ai migliori. Seleziona tu …» sibillano dagli uffici del nord.

HP Pozzuoli e la decisione impossibile

HP Pozzuoli e la decisione impossibile

La decisione

Il destino della nave “HP Pozzuoli” è ad un bivio: fermarsi sull’isolotto e salvare – per un tempo ristretto – una parte dell’equipaggio oppure evitare questa ulteriore umiliazione?
E come scegliere i trenta da far salire sulla scialuppa di salvataggio inviata dagli uffici del nord? E a questi fortunati, quale sorte toccherà?

L’uomo guarda i 160 marinai con i quali ha condiviso gli ultimi vent’anni della sua vita: nonostante sia ben presente la ferita provocata dal siluro-amico, continuano a lavorare con la solita professionalità.

«Signore, con tutti il rispetto, credo che lei non sia un vero marinaio e immagino che non abbia mai messo piede su una nave» afferma tutto d’un fiato l’uomo.

La nave “Hp Pozzuoli” supera il piccolo isolotto fantasma, ora procede verso l’orizzonte incerto.

Il marinaio chiude la comunicazione radio, raggiunge sul ponte gli altri 160 marinai e si prepara.
Li attende una tempesta mai affrontata e dopo, riflette il marinaio, nulla sarà più come prima.

Il primo licenziamento non si scorda mai

Il licenziamento non è una tragedia
(per gli altri)

«Mario, stai sereno. Vedrai che in qualche modo tutto si aggiusta».
Tutto si aggiusta, e come?

«Tranquillo, dopo il peggio giunge sempre il meglio».
Davvero? Quindi basta attendere?

«Il licenziamento è un’opportunità, pensa positivo!».
Rifletterò, grazie per la dritta.

Licenziamento, le chiacchiere da spiaggia

Quest’anno, in spiaggia, ho fatto il pieno di consigli.
L’argomento bollente – mio malgrado – è il sottoscritto e la chiusura della sede HP Pozzuoli che, guarda caso, coincide proprio con il mio luogo di lavoro.

Il «mostro» è troppo grande per non buttarlo fuori e chiunque incontro diviene il mio inconsapevole confessore.

«Scusami, non vorrei sembrare monotematico ma la questione lavoro mi assilla» aggiungo per giustificare le mie ripetute osservazioni.

«Figurati Mario, anche io al tuo posto sarei preoccupato, anzi tu sei fin troppo calmo» e mentre ricevo una pacca consolatoria sulla spalla, il mio interlocutore occasionale continua con un interessante «ma che ne pensi del Napoli di quest’anno?».

faCCebook è anche su Telegram: unisciti al canale!

Le scuse

Un minuto, sessanta secondi, è il tempo medio dell’ascoltatore estivo.
Siamo sulla battigia, la zona dove le onde del mare si infrangono, i bimbi scavano le gallerie in cerca di acqua e costruiscono fantastiche costruzioni.

Cala il silenzio, oggi il calcio non è in cima ai miei pensieri.

«Vado a fare un tuffo, a dopo», la diplomazia interrompe un inizio di imbarazzo.

Chiedo venia a chi in vacanza ha sopportato le mie lagne lavorative.
Comprendete lo sfogo, dopotutto si tratta del mio primo licenziamento.

il mio primo licenziamento


Ti è piaciuto questo post? Ricevi la newsletter

Perché non vivo a Milano (nonostante #hpemergency)

Milano, città generosa

Nel produttivo meccanismo lombardo, c’è un’opportunità per tutti.
Il gigantesco congegno gira senza mai incepparsi da più di cinquant’anni e sostiene l’intera economia del Nord.

Chiunque giunga a Milano – i campani, pugliesi e calabresi di ieri o gli egiziani, siriani, filippini di oggi – può contribuire a tener vivo il sistema.

Potrà insediarsi in un anello infinitesimale del congegno, essere un nuovo bullone in una serie di bulloni invisibili oppure ampliare l’insieme inventandosi nuove funzionalità.

Dipende dalle proprie potenzialità e capacità, Milano è pronta ad inserire il volenteroso nel sincronismo perfetto.

Milano al settimo posto, Napoli al novantaseiesimo

La pagella finale stilata dal Sole 24Ore per il 2014 premia Milano con un lodevole settimo posto.
Nella classifica annuale che misura la qualità della vita, il capoluogo lombardo è la prima tra le grandi metropoli italiane (precede Roma di cinque posti).

I numeri bocciano il Sud e Napoli: nonostante guadagni undici posizioni rispetto all’anno precedente, la nostra città resta nei bassifondi con il desolante novantasei appiccicato sul Vesuvio.

Perché non vivo a Milano (per ora)

Perché non vivo a Milano (per ora)

La qualità della (mia) vita

Lo scorso luglio pernotto a Milano per un paio di giorni.
Mancavo dal capoluogo lombardo dal lontano 2004 (allora ero uno dei tanti pendolari: mi fermavo dal lunedì al venerdì per rientrare a Napoli nel weekend e ripartire ad inizio settimana).

A distanza di dieci anni, trovo la città più accogliente ed organizzata.

L’efficienza dei trasporti pubblici è – se possibile – migliorata, la puntualità della metropolitana e degli autobus, la pulizia delle strade, gli eventi per l’EXPO sono aspetti positivi di un quotidiano buon funzionamento della macchina lombarda.

Una metropoli italiana al pari delle più grandi capitali europee, ne sono convinto.

Bastano questi parametri per valutare la qualità della vita?

No.
Io a Napoli vivo bene, nonostante il 96, numero scarlatto.

Finché potrò lavorare nella mia caotica città, contribuirò a migliorare il disordinato meccanismo partenopeo che, seppure non risulta efficiente come l’orologio milanese, conta sulla generosità, volontà, tenacia, dignità e talento di un popolo abituato ad affrontare le avversità da sempre.

Dateci solo la possibilità di restare a Napoli, fermate #hpemergency.

Repubblica, Renzi: «HP Pozzuoli non chiuderà»

Repubblica, la prima pagina di domani

Repubblica, la prima pagina di domani

HP Pozzuoli, mai più #hpemergency

Il Premier 2.0 interviene personalmente nella spinosa vertenza HP Pozzuoli che coinvolge 161 informatici altamente specializzati.

Renzi – come tutti i lavoratori della multinazionale americana della sede napoletana – non è soddisfatto delle mosse del Ministro Guidi: difatti, dopo l’interpellanza parlamentare di metà luglio, il Governo non ha preso posizione.

Il rottamatore fiorentino dunque, per rimediare all’immobilismo della politica, rilascia un’intervista esclusiva a Repubblica: il Sud è fermo, l’intero Mezzogiorno cresce meno dell’ultima periferia greca.
Il tempo delle parole è scaduto, la rinascita deve partire oggi stesso e la vertenza HP è un’occasione d’oro.

L’intervista si conclude con le parole che tutti noi avremmo voluto ascoltare al MISE lo scorso 27 luglio: tuteleremo HP Pozzuoli che NON CHIUDERA’ anzi il Governo rilancia con nuovi investimenti ed ASSUNZIONI.

L’intervista impossibile

L’intervista integrale sarà pubblicata sul giornale di domani.
Correte in edicola con fiducia, il ruolo della politica è proteggere gli interessi dei cittadini e i diritti dei lavoratori quindi non ci meravigliamo se il nostro Premier scende in campo con azioni concrete a favore del Sud.

Se non troverete le suddette dichiarazioni su nessun quotidiano oppure siete convinti che tali affermazioni siano pura utopia, scaricate l’app gratuita Crea la prima pagina.

Come ho fatto io.

Page 2 of 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Translate »